Giornate dello sbattezzo (2008-2010)

Giornata nazionale dello sbattezzo 2010

 

‘Sbattezzo’ significa cancellazione degli effetti civili del battesimo, ossia l’elementare diritto, sancito dalla Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo e riconosciuto da un provvedimento del Garante per la privacy, di poter abbandonare una confessione religiosa: nel caso specifico, di non essere più considerati dallo Stato come “sudditi” della Chiesa, “obbedienti” e “sottomessi” alle gerarchie ecclesiastiche, come recita il Catechismo.
L’UAAR non organizza controriti vendicativi, ma invita coloro che non sono più cattolici a esercitare questo diritto, e stima in oltre ventimila il numero dei cittadini che già lo hanno fatto.
L’UAAR ha inoltre indetto, tra il 2008 e il 2010, una giornata nazionale dello sbattezzo: nelle tre edizioni svolte sono state raccolte 2.337 adesioni. La data dell’iniziativa, il 25 ottobre, è stata scelta in ricordo di quanto accadde il 25 ottobre 1958, giorno in cui la Corte d’appello di Firenze assolse il vescovo di Prato, che aveva denigrato pubblicamente due giovani che vollero sposarsi civilmente. E lo assolse non perché non li aveva diffamati, ma perché i coniugi erano “suoi sudditi, perché battezzati”: e dunque liberamente denigrabili da parte dell’autorità ecclesiastica.

La giornata 2008

La giornata 2009

La giornata 2010