Obiettivi

Laicità dello Stato

  • Denuncia unilaterale del Concordato e sostituzione degli articoli 7 e 8 della Costituzione con l’affermazione esplicita del principio di laicità dello Stato.

  • Riconoscimento esplicito, nell’articolo 19 della Costituzione, del diritto di non credere.

  • Approvazione di una legge generale sulla libertà di coscienza che superi la normativa fascista sui “culti ammessi” e che riconosca a credenti e non credenti, e alle organizzazioni in cui si uniscono, uguali diritti e doveri.

  • Introduzione di una regola generale affinché nessun provvedimento limiti i diritti degli individui a favore delle comunità di fede, o contempli eccezioni a favore delle religioni (relative, per esempio, all’abbigliamento, al consumo di sostanze stupefacenti, a misure di sicurezza, al porto d’armi) o dei loro ministri.

  • Progressiva sostituzione delle festività religiose con ricorrenze civili (iniziando con il XX settembre al posto del santo patrono).

  • Estensione a tutti i cittadini del diritto di abbandonare formalmente la religione a cui si appartiene per decisione dei genitori.

Laicità della spesa pubblica

  • Abolizione del meccanismo dell’Otto per Mille, o passaggio a una tassa che gravi solo sul contribuente che vuole espressamente finanziare la propria religione; nel periodo di transizione, utilizzazione della quota di pertinenza statale esclusivamente per far fronte alle calamità naturali.

  • Eliminazione di ogni contributo pubblico destinato all’edilizia di culto.

  • Cancellazione di ogni beneficio o privilegio fiscale basato sulla religione.

  • Applicazione del principio costituzionale di sussidiarietà con criteri rigorosamente imparziali ed universalistici, anziché religiosi ed escludenti.

Laicità della scuola di tutti

  • Abolizione dell’insegnamento della religione cattolica nelle scuole, il cui studio avverrà all’interno dei programmi di materie quali storia, geografia e filosofia; nel periodo di transizione, identici diritti dovranno essere garantiti all’insegnamento alternativo e il minor disagio possibile dovrà essere causato a chi sceglie l’uscita dalla scuola o lo studio individuale/assistito.

  • Divieto assoluto di includere nell’offerta formativa e più in generale nell’intera organizzazione della vita scolastica qualsiasi pratica cultuale o qualsivoglia altra attività di carattere religioso, quali attività di proselitismo, visite pastorali, celebrazioni di festività religiose, eventi performativi a connotazione devozionale.

  • Abolizione della legge sulla parificazione scolastica e dei contributi alle università private.

  • Aumento delle risorse pubbliche stanziate per asili, scuole e università non private, nonché delle borse di studio per gli studenti che le frequentano.

  • Disponibilità di scuole non private su tutto il territorio nazionale.

  • Insegnamento dell’educazione civica e del pensiero critico.

Laicità delle istituzioni pubbliche

  • Divieto esplicito di esporre simboli religiosi negli edifici o nei luoghi di proprietà pubblica, eccetto quelli storici di valore artistico.

  • Disponibilità, su tutto il territorio nazionale, di luoghi solenni e tempi consoni per la celebrazione di matrimoni e unioni civili, di strutture per la cremazione, di sale del commiato.

  • Fine dei privilegi dei cappellani religiosi nelle strutture obbliganti (ospedali, carceri, caserme…) con eliminazione dei relativi costi.

  • Garanzia che inaugurazioni, cerimonie, toponomastiche e assegnazioni di incarichi o patrocini siano realmente laiche e rappresentative del pluralismo del paese.

Ampliamento dei diritti di famiglia

  • Estensione dell’istituto del matrimonio a tutte le coppie, a prescindere dalla loro identità sessuale o di genere.

  • Riconoscimento dei diritti delle coppie di fatto, a prescindere dalla loro identità sessuale o di genere.

  • Riduzione dei tempi per ottenere separazione e divorzio.

  • Possibilità per le coppie di unirsi ufficialmente anche fuori dagli edifici pubblici, in luoghi di proprio gradimento.

  • Universalizzazione del diritto alla celebrazione del “matrimonio del migliore amico”.

Ampliamento dei diritti sessuali

  • Insegnamento nelle scuole dell’educazione sessuale, dell’educazione affettiva e dell’educazione alle differenze.

  • Rimozione di ogni ostacolo frapposto alla contraccezione, in particolare a quella d’emergenza.

  • Legge contro l’omofobia e rimozione di ogni discriminazione basata sull’orientamento sessuale.

  • Formazione di assistenti sessuali per disabili.

Ampliamento dei diritti riproduttivi

  • Presenza capillare di consultori pubblici.

  • Eliminazione di ogni ostacolo per l’utilizzo della pillola RU-486.

  • Abolizione della legge 40/2004 in materia di fecondazione artificiale, con possibilità di accesso ai single e alle coppie non sposate, sia etero che omosessuali, e con riconoscimento della cosiddetta “eterologa” e delle diagnosi preimpianto.

  • Riconoscimento della condizione di candidabilità all’adozione a chiunque, ai single come alle coppie non sposate, a prescindere dalla identità di genere o sessuale degli adottanti.

  • Abolizione dell’obiezione di coscienza prevista nei reparti di ginecologia degli ospedali pubblici, che devono garantire premura e tempestività nei confronti di chi chiede una Ivg e che devono inibire l’accesso agli attivisti ideologicamente orientati.

  • Imposizione di sanzioni ai farmacisti che “obiettano”.

  • Legalizzazione e regolamentazione della Gestazione Per Altri (GPA), basata sul libero accordo tra le parti.

Ampliamento della libertà di espressione

  • Abolizione delle leggi che tutelano il “sentimento” religioso.

  • Reale apertura del servizio pubblico radiotelevisivo alla voce dei non cattolici, attualmente confinata all’1% degli spazi disponibili.

Ampliamento della libertà di scelta nel fine vita

  • Pieno riconoscimento delle disposizioni anticipate di trattamento, facilitandone i processi di deposito e di reperimento in caso di necessità.

  • Legalizzazione dell’eutanasia attiva volontaria e del suicidio assistito.

  • Contrasto della cultura della sofferenza e legalizzazione dell’uso farmacologico degli oppiacei.

Progresso civile, culturale e scientifico

  • Aumento delle risorse pubbliche stanziate per la cultura, l’educazione permanente, l’innovazione e la ricerca scientifica.

  • Eliminazione dei divieti alla ricerca sulle cellule staminali embrionali.

  • Promozione delle forme di prevenzione utili a tutelare la salute pubblica, a cominciare dai vaccini, in linea con l’orientamento della comunità scientifica.

  • Promozione della cultura scientifica fin dall’infanzia, con particolare attenzione all’evoluzionismo.

  • Contrasto delle pseudoscienze e delle affermazioni paranormali.

  • Promozione di una cultura dei diritti umani.

  • Contrasto del maschilismo, del femminicidio e di tutte le culture patriarcali che ghettizzano le donne nel ruolo di “angeli del focolare”, negando loro pari opportunità e libertà di scelta.

  • Contrasto del natalismo.

  • Contrasto della retorica della “tradizione”, delle “radici”, dell’“identità”.

  • Attuazione di politiche che accelerino il raggiungimento dell’indipendenza da parte dei giovani.

  • Attuazione di politiche che facilitino l’aumento del capitale sociale degli individui, da attuarsi privilegiando i legami civici anziché quelli familisti o religiosi.

  • Introduzione di politiche che comincino seriamente a considerare i bambini come individui.

  • Rigetto di qualunque forma, teorica e pratica, di autoritarismo.

Respiro internazionale

  • Impegno per l’effettiva laicizzazione delle istituzioni internazionali.

  • Impegno per la revisione dello status della Santa Sede alle Nazioni Unite.

  • Limitazioni al commercio e alle relazioni con i paesi che violano i diritti umani.

  • Cooperazione internazionale finalizzata al progresso civile, culturale e scientifico delle popolazioni locali.