Matteo Iacovella

Anno di nascita: 
1990.
Luogo: 
Roma.
Anno di passaggio all'incredulità: 
15 anni.
Tipo di incredulità: 
Ateismo.
Perché non credo: 
Perché come individuo basto a me stesso ed è nell'ambito dei limiti miei e del mio mondo che riesco a trovare le risposte che mi permettono di vivere serenamente.
Professione: 
Traduttore e interprete.
Occupazioni preferite: 
Letteratura.
Sogno nel cassetto (realizzabile): 
Diventare docente di letteratura tedesca.
Sogno nel cassetto (irrealizzabile): 
Viaggiare indietro nel tempo.
Un aggettivo per definire l'Italia: 
Ipocrita.
Una battaglia culturale assolutamente da combattere: 
La battaglia contro l'omologazione e il pregiudizio, che stanno alla base di molti mali del mondo e soffocano le libertà.
Una battaglia laica assolutamente da combattere: 
Una regolamentazione completa e nazionale delle unioni civili.