Ravenna Autore: admin Mer, 28/01/2015 - 11:49

Gentile amica/o, comunico la nostra riunione mensile di circolo che avverrà mercoledì 11/02/2015 presso l’Arci di via G.Rasponi 5 a Ravenna alle ore 20,45/21,00
con il seguente
O.d.G.

1) Chiusura bilancio di cassa anno 2014 .
2) Rinnovo cariche di circolo anticipate rispetto a giugno per farle corrispondere con la chiusura di esercizio.
3) Varie

Data la particolare importanza di questa riunione si sollecita la massima presenza di quanti interessati e per la chiusura di cassa e per il rinnovo delle principali cariche che dovranno condurre/gestire il nostro circolo per l’anno in corso.

Ricordo inoltre che  venerdì 13/02/2015 presso la Sala Buzzi della seconda Circoscrizione di Viale Berlinguer 11 a Ravenna,  alle ore 21,00 ci sarà il nostro Darwin Day.
Si tratta di una ricorrenza abituale che annualmente la Uaar dedica al grande scienziato britannico in occasione della sua nascita, programmando un evento scientifico.
Quest’anno avremo ospiti il Dr. Carlo Flamigni, ginecologo di fama internazionale, noto anche  per le sue battaglie in favore della Legge 194/78 (aborto), la fecondazione eterologa (Legge 40/04) smantellata a suon di sentenze della Corte Costituzionale, nonchè membro della Consulta Nazionale di Bioetica.
Ci sarà inoltre la D.ssa Marina Mengarelli, sociologa , componente dell’Associazione Luca Coscioni e anch’essa membro della Consulta Nazionale di Bioetica.
Vedasi allegato.
Tema della serata: Scienza e Etica /il sistema salute nel rapporto fra il medico e il cittadino malato.  Seguirà dibattito con le domande dal pubblico. Serata veramente interessante. Si prega diffondere fra i suoi contatti e amicizie.
Cordilai saluti
Claudio Pagnani

Mail: ravenna@uaar.it
Web: http://ravenna.uaar.it
Mostra Opere d’Arte: www.Laik-Aid.it
FB: www.facebook.com/groups/107033765983683/

Verona Autore: Gian_Maria Mar, 27/01/2015 - 12:55
A settant’anni esatti dalla fine della strage degli innocenti compiuta dal regime nazista, molti (forse tutti) si chiedono ancora come sia potuto succedere una simile aberrante tragedia umana. Anch’io ho riflettuto molto e, pur non avendo approfondito più di tanto la questione da un punto di visto politico, psicologico, sociologico, religioso o spirituale, mi sono fatto la mia idea.
Il 28 maggio del 2006 il papa oggi emerito (a quel tempo papa normale) Benedetto XVI, in visita al campo di sterminio Auschwitz-Birkenau, ebbe a dire:
“Dove era Dio in quei giorni? Perché Egli ha taciuto? Come poté tollerare questo eccesso di distruzione, questo trionfo del male? … un grido al Dio vivente di non permettere mai più una simile cosa. In definitiva, dobbiamo rimanere con l'umile ma insistente grido verso Dio: Svégliati! Non dimenticare la tua creatura, l'uomo! L'umanità ha attraversato ad Auschwitz-Birkenau una "valle oscura"”.
La “valle oscura”…. Dante l’aveva chiamata “selva oscura”. Questa zona d’ombra, grigia, inspiegabile.
Le frasi pronunciate dall’allora papa B.XVI sono, per me ateo, quantomeno ridicole: in primo luogo perché un qualunque dio non esiste (“Onus probandi incumbit ei qui dicit, non ei qui negat”, che alla lettera significa “l’onere della prova è a carico di chi afferma qualche cosa, non di chi lo nega”), in secondo luogo perché QUEL dio, se esistesse, molto probabilmente era andato al bar durante tutti gli anni tragici dello sterminio, allucinante e pazzesco, di milioni di persone.
La mia personale opinione, che trae origine da un semplice ragionamento razionale e storico, è che alla base di una simile immane e brutale tragedia non ci sia un dio che se ne stava al bar, ma una parte (se pur ristretta) dell’Umanità che altro non ha fatto che mettere in pratica un semplice principio: il principio del “PENSIERO UNICO” che si materializza nella “identità unica”, nella “razza unica”, nella “religione unica”, nel “partito unico”, nella “morale unica”, e nella “verità unica”. Insomma: è una dittatura a 360 gradi dove il “diverso” non deve esistere poiché ritenuto “sbagliato”.
Il cristianesimo ha applicato tale aberrante principio nel corso di centinaia di anni (dal 380 in poi per circa 1.500 anni), prima in tutta Europa e poi in molte parti del mondo, e forse sta proprio in questo suo carattere basilare che la Chiesa Cattolica ha stretto patti e accordi proprio con quel regime nazista che ateo non era.
Il pensiero unico è oggi alla base dei talebani islamici che arrivano ad ammazzare anche i loro stessi connazionali. Ma anche da noi ci sono i talebani: quelli che vogliono imporre a tutti (diversamente credenti, atei, agnostici) il LORO pensiero morale per farlo diventare, appunto, “pensiero unico”.
C’è un solo modo per far sì che non debbano più ripetersi simili atrocità (che, anche se su scala minore, si sono lo stesso già ripetute e ancora sono in atto): l’affermazione planetaria del LIBERO PENSIERO, l’affermazione planetaria della DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI (10 dicembre 1948, approvata dalla Assemblea Generale delle Nazioni Unite proprio all’indomani della seconda guerra mondiale).
L’UAAR è per il “libero pensiero”, è per la “laicità degli Stati”, per la libera affermazione dell’individuo in tutte le sue manifestazioni nel rispetto della libertà altrui.
Campedelli Angelo
Venezia Lun, 26/01/2015 - 22:10

 

Venerdì 30 gennaio alle ore  17,30 a Mestre presso il Centro Culturale  Candiani “GIUSEPPE E MARIA” da Parole di Giuda, di Paolo Puppa, Metauro Edizioni 2007.
MONOLOGO TEATRALE di e con Paolo Puppa dal libro Parole di Giuda, riflessioni su una figura maledetta: Giuseppe e Maria interpretato e commentato dall’autore prof. Paolo Puppa. Introduce Franco Ferrari (UAAR Venezia).

Il prof. Paolo Puppa ci presenterà la sua riflessione su Giuda, una figura maledetta, spergiura, da 2000 anni simbolo del tradimento, attraverso la sua interpretazione dei genitori del sacrificato Gesù. Il docente, ordinario di Storia del Teatro e dello Spettacolo alla Facoltà di Lingue e Letterature dell'Università di Venezia, che alterna all'attività accademica il ruolo di commediografo, leggerà e commenterà alcune pagine del  suo lavoro. Si tratta di un un monologo in cui vengono descritte da Giuda, addolorato e rabbioso, le povere figure di Giuseppe e Maria, apostrofando contro il destino e il mistero incomprensibile nei suoi disegni così funesti. E Giuda si ritrova, misero, e incapace di uscire da un ruolo che lo vede capro espiatorio di tanto dolore e maledetto per l’eternità!  Una riflessione valida non solo per i non credenti perché attiene al gioco del destino, o meglio delle vicende delle nostre vite in balia del caso  che accompagna tutti,  non senza sconcerto.
Una relazione e uno spettacolo da non perdere già rappresentato con successo in molti  teatri italiani. L’ingresso è libero.

 

 

Livorno Autore: iorobot@excite.it (Vincenzo Moggia) Lun, 26/01/2015 - 11:51

Vi invitiamo ad una conferenza dal titolo "Io sono oggi prima di tutto anticlericale. La battaglia di Ernesto Rossi per un'Italia laica", che sarà tenuta dalla Dr.ssa Simonetta Michelotti (Dipartimento di Scienze Politiche e Internazionali, Università di Siena).

Leggi tutto...

Verona Autore: Gian_Maria Sab, 24/01/2015 - 11:43
Giovedì 29 gennaio, alle ore 21.00, presso la sede del circolo in via Nichesola 9, San Michele Extra (vicinissimo a Piazza del Popolo), si terrà l'assemblea annuale di circolo con il seguente ordine del giorno.
  1. relazione del coordinatore uscente;
  2. relazione del tesoriere uscente;
  3. dibattito generale (osservazioni, proposte);
  4. elezione per il rinnovo delle cariche (coordinatore, tesoriere, componenti l'attivo di circolo);
  5. varie.
L'anno appena trascorso è stato caratterizzato da un'intensa attività del circolo che si è concretizzata in:
  • 20 iniziative tra conferenze, dibattiti, incontri culturali, presentazione di libri, lettere a rappresentati politici locali;
  • servizio per pratiche di sbattezzo (cancellazione dalla CCAR), pratiche contro l'inquinamento acustico delle campane, informazioni su testamento biologico, cerimonie laiche per funerali e matrimoni;
  • 15 lettere e articoli sui media locali (numerose le lettere che siamo riusciti a pubblicare sul giornale L'Arena);
  • 15 presenze-partecipazioni a conferenze, convegni, manifestazioni sociali;
  • 3 momenti ludici;
  • quasi 150 iscritti nel 2014.
Di tutto ciò ne sarà dato ampio resoconto durante la relazione del coordinatore uscente.
Bari Autore: cygni84 Ven, 23/01/2015 - 17:18

Puntata speciale di Alla Faccia di Darwin, lo show satirico di Uaar Radio Bari che parla di involuzione religiosa,politica e culturale. Ospite telefonico della puntata Giampietro Belotti, il famoso “Nazista dell’Illinois” che sfidò con ironia le sentinelle in piedi.
Ascolta la puntata ogni volta che vuoi qui:

http://www.mixcloud.com/UaarRadioBari/alla-faccia-di-darwin-20-feat-giampietro-belotti/


Venezia Gio, 22/01/2015 - 21:18
LUNEDI' 26 GENNAIO 2014
DELEGAZIONE DI FAVARO
VIA CIMA ROSETTA 19, ORE 17,30
LE ATROCITA' DELLA BIBBIA
Un lungo elenco dal sito UAAR a cura di Alessandro Ghio.

Ne parleremo con Stefano Vianello che ce lo ha proposto

incolliamo un breve stralcio dei punti che potete trovare nello
articolo pubblicato sul sito dell'UAAR nazionale

Genesi, capitoli 6 e 7 – Malcontento della malvagità dell’uomo, Dio sterminò ogni creatura del pianeta risparmiando soltanto la famiglia di Noè. Uomini, donne, bambini ed animali morirono annegati in una impensabile agonia.

Genesi, 19:6 – Una sera, Lot ospitò due angeli nella sua casa a Sodoma. Quella stessa sera la casa di Lot fu assalita da una folla di delinquenti omosessuali in cerca di esperienze carnali con gli angeli. Lot cedette volontariamente le sue figlie vergini alla folla, esortandola: “Vi prego, fratelli miei, non fate questo male!” – “Ecco, ho due figlie che non hanno conosciuto uomo: lasciate che io ve le conduca fuori, e voi farete di loro quel che vi piacerà; ma non fate nulla a questi uomini, perché sono venuti all’ombra del mio tetto.”

Genesi, 19:26 – Dio, impassibile davanti alla proposta di stupro delle figlie vergini di Lot, trasformò sua moglie in una statua di sale per aver commesso il nefando crimine di essersi guardata le spalle.

Genesi, 38: 8-10 – Giuda pregò Onan di dormire con la moglie di suo fratello – ucciso da Dio per la sua malvagità – incoraggiandolo: “Va’ dalla moglie di tuo fratello, prenditela in moglie come cognato e suscita una discendenza a tuo fratello.” Onan ottemperò, “ma ogni volta che si univa alla moglie del fratello, disperdeva per terra, per non dare una posterità al fratello.” Dio ritenne questo un gesto malvagio e lo punì con la morte.

Esodo, 2:12 – Mosè scorse un egiziano che picchiava un ebreo. Si guardò intorno e, non trovandovi testimoni, “uccise l’Egiziano e lo nascose nella sabbia.“ ecc...

La foto è di Tania Volobueva vincitrice del 3° concorso fotografico UAAR Liberi di non credere

Bari Autore: Francesco Gio, 22/01/2015 - 14:21

Nell’ambito del programma di eventi culturali organizzati presso la sede del Circolo UAAR di Bari, Giovedì 29 gennaio ore 19:00 si terrà un dibattito dal titolo:

“LA PREVENZIONE E’ UN ATTO D’AMORE DOVUTO

Relatore: Nicola Catucci, rappresentante dell’Associazione di volontariato CAMA LILA.

CAMA LILA è un’associazione del terzo settore che opera nel volontariato per affrontare le problematiche legate all’infezione da Hiv ed a tutte le malattie trasmissibili sessualmente. I suoi operatori si occupano di Informazione e Prevenzione, allestendo banchetti informativi per lanciare soprattutto ai giovani messaggi che fanno leva sulla educazione alla prevenzione. Con tale strumento informativo infatti conducono la lotta contro la diffusione delle tossicodipendenze, ritenuto indispensabile sia per contrastare l’infezione da HIV, che per tutelare la salute di tutti.

Nicola Catucci terrà una relazione nel corso della quale illustrerà gli scopi associativi, riferendo altresì nel merito e sulle specifiche metodiche informative messe a punto dall’associazione.


Bari Autore: Francesco Gio, 22/01/2015 - 14:14

Nell’ambito del programma di eventi culturali organizzati presso la sede del Circolo UAAR di Bari, Giovedì 22 gennaio ore 19:00 si terrà un dibattito dal titolo:

IL NON CREDENTE E’ SUPERIORE IN QUANTO DEPOSITARIO DELLA VERITA’?”

La discussione sarà preceduta dalla visione di alcune scene tratte dal lungometraggio Religiolus, un documentario satirico che attacca frontalmente la fede religiosa e le sue forme organizzate, in particolare le tre religioni abramitiche. Il titolo stesso deriva dall’unione delle parole inglesi religious (religioso) e ridiculous (ridicolo).

Ti aspettiamo!


Rimini Autore: rnuaar Mar, 20/01/2015 - 12:09

Venerdì 6 febbraio alle ore 21:00 si terrà l’assemblea annuale del circolo UAAR di Rimini per il rinnovo delle cariche.
Tutti i soci in regola con l’iscrizione 2015 possono candidarsi come coordinatore, cassiere e per l’attivo di circolo.
All’apertura della riunione verranno brevemente illustrate le attività effettuate nel 2014.
Presso Casa della Pace (Via Tonini, 5 – Rimini).


Pagine