La visibilità di tanti gesti “nascosti”

Si parla molto, in questi giorni, dell’Ice Bucket Challenge, la campagna internazionale promosso dalla Asl, l’associazione impegnata per diffondere la conoscenza sulla sclerosi laterale amniotrofica, più conosciuta come Sla. Vip e meno vip hanno aderito, gettandosi addosso un secchio di acqua gelata. Specialmente negli Usa l’iniziativa sta tenendo banco rivelandosi un successo: arrivano tanti fondi alla ricerca e l’aspetto mondano è passato in second’ordine.

È accaduto nonostante i vertici della Chiesa cattolica statunitense abbiano chiesto ai fedeli di non prendere parte all’Ice Bucket Challenge, perché i fondi donati potrebbero essere utilizzati per la ricerca sulle cellule staminali embrionali. Che, com’è noto, la Chiesa condanna, nonostante sia considerata indispensabile per individuare una cura per tante malattie, quali Alzheimer e Parkinson. In Italia, feudo vaticano, tale ricerca è guarda caso vietata dalla legge. E comunque di ricerca si parla sempre di rado. Inizialmente, i mass media hanno parlato ben poco dell’Ice Bucket Challenge. Se la  “secchiata” è diventata un trend è soltanto grazie alla viralità di internet, sebbene i commenti online a volte sembrino un “coro di suocere permanente”, composto da “correttori delle vite altrui”, come l’ha definito Michele Serra su Repubblica. Non stupisce dunque il suo relativo insuccesso nostrano: il denaro raccolto è stato sinora scarso, mentre il pettegolezzo per contro dilaga.

termini-8pm

Qualcuno, evidentemente poco avvezzo ai dogmi cattolici, ha sperato che il papa aderisse all’iniziativa, o quantomeno invitasse i fedeli a prendervi parte. Sul suo account Twitter Francesco ha invece pubblicato un messaggio in cui ha scritto: “Un cristiano sa dare. La sua vita è piena di atti generosi — ma nascosti — verso il prossimo.” Non sappiamo se sia una coincidenza. Sappiamo però che raramente la Chiesa “nasconde” i gesti che essa o i suoi rappresentanti fanno. La machine vaticana lavora a pieno regime per esaltare mediaticamente i contributi che devolve in carità. Il caso più clamoroso rimane quello della campagna pubblicitaria per l’Otto per Mille del 2005, basata sulle firme per la Chiesa “trasformate in barche e reti” per le vittime dello tsunami: campagna costata otto milioni, fondi devoluti soltanto tre. In questi giorni si parla dell’Iraq, ma gli aiuti sembrano circoscritti “ai cristiani perseguitati”, stando almeno a quanto scrive Avvenire. La pagina Facebook Chiedilo a loro nasce del resto istituzionalmente per non nascondere affatto “i gesti” fatti con l’Otto per Mille, in alcuni casi linkando altri siti che non nascondono a loro volta per nulla tali “gesti”.

Il sostegno alla ricerca è un nostro obiettivo. Lo è anche denunciare come la ricerca, in Italia, sia posta in estrema difficoltà a causa di un acritico pregiudizio favorevole a chi la combatte, drenando nel contempo fondi dalle casse pubbliche per i propri fini. Molto, molto visibili. Tutto legittimo, per carità. Ma di nascosto — e pure male — c’è soltanto l’ipocrisia.

La redazione

Archiviato in: Generale, Notizie

29 commenti

Giorgio Pozzo

?
Si oppongono alla ricerca sulle cellule staminali embrionali umane? Dovrebbero essere contenti se non si usano cellule animali (al contrario della CCAR, che dovrebbe incoraggiare la ricerca sugli animali invece che sugli embrioni).

Francesco s.

No si oppongono perché non si può fare ricerca ad minchiam e oltre ai test sulle cellule umane bisogna fare esperimenti sugli animali, sono 2 facce della stessa medaglia, quindi sono scontenti entrambi.

alessandro pendesini

…..“Un cristiano sa dare. La sua vita è piena di atti generosi -ma nascosti- verso il prossimo”……

Questa frase, scritta dal papa, dimostra quanto sia ingenuo -o ipocrita- questo personaggio. Non va escluso, in alternativa, che abbia segni non sempre evidenti di “mental disorder”, cioé squilibrio mentale ….
Senza le religioni abramitiche non possiamo immaginare il grado di conoscenza scientifica e medica umana avremmo oggi !… P.S. A vero dire, come sottolineava G.C.Lichtemberg, queste persone non proteggono i cristiani (in questo caso i cattolici…), ma si fanno -strumentalizzandoli- proteggere da loro…..

serlver

Basta vedere a com’è stata attaccata la Littizzetto “rea” di aver detto che ha donato solo 100€; accusata di spilorceria da parte di chi probabilmente non ha versano nemmeno 1€.

maxalber

Io ho trovato assurda la doccia di Renzi.
Si tratta del capo di un governo che stanzia per la ricerca una delle quote più basse del mondo occidentale.
Nel suo ruolo potrebbe fare molto per cambiare questo stato di cose, modificando una pessima politica di scarsi stanziamenti alla ricerca, che fra l’altro è probabilmente una delle cause del nostro degrado.
Invece fa la doccia…

bruno gualerzi

“Ma quando tu fai l’elemosina, non sappia la tua sinistra quel che fa la destra” (Matteo 6,1-4 -Sono andato a vedere, non si sa mai :) )

Interpretazione pratica per tanti cattolici: “Con la sinistra (o destra) faccio la carità con i soldi che ‘rubo’ con la destra (o sinistra): basta che non lo faccia sapere… e sono a posto con la coscienza”

Florasol

o peggio ancora….” faccio la carità di 5€, poi faccio in modo di dire e non dire in modo che si capisca 500 ma non mi si possa accusare di aver detto nulla, però faccio un figurone con pochi soldi e ci passo anche da generoso”… sapeste quanti ne ho visti di figuri del genere…. mi sa che hanno imparato dalla gerarchia ecclesiastica, che fa la carità coi soldi altrui e se ne vanta pure.

Diocleziano

…della gerarchia ecclesiastica, che fa la carità coi soldi altrui e se ne vanta pure.

Non è nemmeno carità: è solo lo scotto che devono pagare per tenere in piedi la farsa. Sono ben poche le imprese che hanno un ritorno dell’80% del giro d’affari. Solo chiromanti e venditori di numeri del lotto si possono avvicinare a quel risultato.

bruno gualerzi

Necessaria precisazione. Il capitalista classico – soprattutto se protestante – fa la stessa cosa senza bisogno di nasconderlo. Anzi, ci tiene a farlo sapere!

Artemio

Dare soldi alle associazioni che fanno ricerca sulla SLA significa finanziare anche la vivisezione / sperimentazione animale, metodo di ricerca basato su una visione specista (e dunque analoga a quella nazista) dell’etica e per di piu’ totalmente destituito di fondamenti scientifici.
Ogni persona decente, laica, intellettualmente onesta dovrebbe schierarsi apertamente contro questa vergogna chiedendo ad alta voce che i soldi per la ricerca non vadano mai a finanziare il lavoro dei macellai che lavorano nei laboratori.
Si alla scienza, si all’etica, no al nazismo specista.

Lorenzo Galoppini

“Il sostegno alla ricerca è un nostro obiettivo. Lo è anche denunciare come la ricerca, in Italia, sia posta in estrema difficoltà a causa di un acritico pregiudizio favorevole a chi la combatte, drenando nel contempo fondi dalle casse pubbliche per i propri fini. Molto, molto visibili. Tutto legittimo, per carità…”

Tutto legittimo?!?!

illuminista

leggitimo nel senso che ci son accordi con lo stato che glielo permettono, purtroppo.

Massimo Maiurana

Infatti il significato di legittimo è non contrario alla legge.

Lorenzo Galoppini

Ostacolare la ricerca che potrebbe salvare milioni di vite umane non è MAI legittimo, anzi, è criminale.

Laverdure

“…per la ricerca sulle cellule staminali embrionali. Che, com’è noto, la Chiesa condanna, nonostante sia considerata indispensabile per individuare una cura per tante malattie, quali Alzheimer e Parkinson.”
Inutile ,dai tempi del divieto della vaccinazione antivaiolosa ai primi dell’ ’800 (solo per stare in tempi recenti)Santa Madre Chiesa non ha perso le sue idiosincrasie.
Qualcuno ha fatto notare qui che circa a meta ’800 la vaccinazione si diffuse anche nello Stato Vaticano,ma mi sembra ovvio che ormai le idee circolavano troppo rapidamente,anche coi mass media limitati di allora,e continuare su quella linea avrebbe comportato critiche troppo violente e perdita di figura,almeno in occidente.
Quando, come e’ probabile,lo studio delle staminali portera a risultati altrettanto concreti per la medicina,credo proprio che la
“virtu delle necessita” prevarra anche su questo argomento.

gmd85

@bruno

Ha risposto francesco s. Era una riflessione tecnica 😉

gmd85

Ohibò, mi sa che eravamo usciti un po’ troppo fuori dal seminato :-(

Admin

Intervento del moderatore: sono stati cancellati i commenti off-topic.

bruno gualerzi

@ Admin
E’ giusto. Ma si potrebbero recuperare da qualche parte questi commenti OT? Ho fatto una fatica boia per scriverne alcuni e ho ancora il mal di testa :)

diana

si potrebbe fare un’urna per gli OT dopo la cremazione di rito
nel senso di un’apposita sezione: UdOT
corredata di tag cloud

Stefano Grassino

@ Bruno Gualerzi.
Caro Bruno, al fine di non vedere bruciato tutto il tuo lavoro, ti consiglio di farti una cartella sul tuo computer e scrivere prima i tuoi articoli su windows office.
Poi con un semplice copia incolla, li metti qua. In fondo, potrebbero sempre servirti per altri scopi. :-)

bruno gualerzi

@ Stefano Grassino
Caro Stefano, cerca di capire: il problema non è tanto per me… ma per i posteri. :)
(Adesso basta, se no qui ci ricadiamo con gli OT)

Commenti chiusi.