L’opposizione cristiana alla riforma Obama

La Corte suprema ha dato dunque il via libera alla riforma sanitaria realizzata dal presidente Usa Barack Obama. Non è stato un passaggio semplice, in quanto vi sono stati ben quattro voti contrari su nove. Gli oppositori erano tutti cattolici, mentre altri due giudici cattolici hanno votato a favore.

I vescovi legati a Roma si erano duramente opposti nei giorni scorsi alla riforma, soprattutto a causa dell’introduzione di obblighi in capo ai datori di lavoro in materia di contraccezione. Nonostante alcune concessioni da parte del governo, l’opposizione si è tradotta nell’organizzazione di due settimane “per la libertà religiosa”: quella della Chiesa, ovviamente.

E tuttavia, l’opposizione cristiana all’Obamacare non è certo stata limitata al mondo cattolico: le organizzazioni fondamentaliste protestanti hanno infatti avuto reazioni simili. Come ha scritto Amanda Marcotte su XX Factor, chi sbandiera in continuazione le proprie posizioni “pro-life” avrebbe dovuto salutare con soddisfazione una riforma che cerca di porre rimedio a uno stato di cose che causa, si stima, circa 45.000 morti l’anno dovute a mancanza di copertura sanitaria. Ma, ormai è chiaro, dietro il vessillo dell’impegno per la vita si nasconde in realtà quello contro la libertà di scelta.

Archiviato in: Generale, Notizie

29 commenti

Laverdure

“Ma, ormai è chiaro, dietro il vessillo dell’impegno per la vita si nasconde in realtà quello contro la libertà di scelta.”
Oppure c’e qualcosa di molto peggio: un impegno contro il benessere,che da sempre e’ il peggior nemico di qualunque religione.
Infatti da sempre i derelitti si aggrappano alla religione come “extrema ratio”,di qui la secolare lotta contro scienza e tecnologia,che hanno finito col portare ,almeno in occidente,un benessere
impensabile in unn passato tuttaltro che lontano.
E beninteso ci si aggrappa chiunque abbia gravi problemi di salute,di qui gli ostacoli non solo all’eutanasia,ma anche all’uso di analgesici su malati terminali e non,come pure gli ostacoli alle nuove tecnologie in fase di sviluppo come le staminali.
La”Sindrome di Munchausen per procura” insomma tramutata in strategia politica ad alto livello,alla faccia di chi pensa che la peggiore perversione diffusa nel mondo ecclesistico sia la pedofilia ( e non certo perche la pedofilia sia da prendere sottogamba).

Lorenzo Galoppini

Perchè, secondo te la pedofilia ecclesiastica é meglio della “Sindrome di Munchausen per procura”, che pure é altamente criminale e pericolosa?

Laverdure

@Lorenzo galoppini
Rinnovo il mio invito a leggere e possibilmente CAPIRE gli interventi prima di rispondere.
La “sindrome di Munchausen per procura ” applicata dalla Chiesa (come pure da
altre confessioni in varia misura) ai danni dello sviluppo scientifico in generale e della medicina in particolare,per secoli e ancora oggi,ha provocato migliaia di morti
evitabili e incalcolabili sofferenze a masse enormi,ritardando lo sviluppo di un benessere tecnicamente alla portata.
Se dire che cio’ supera per gravita la pedofilia ecclesiastica ti sembra sbagliato,la cosa non mi riguarda.
Ognuno dopotutto ha le sue opinioni.

Titti

Ecco, mi sfugge questa pruriginosa attenzione per chi deve venire al mondo, per chi è al termine della vita, mentre tutti quelli che stanno frà questi due estremi vagano nella più colpevole indifferenza. Per fare un esempio: guai a parlare di contraccezzione, che una massa di pargoli venga al mondo, ma quando si tratta di crescere e nutrire, istruire questa massa di pargoli, soprattutto in quei pesei in cui la situazione economica e politica non lo permette, le risposte di chi auspica un simile stato di cose, sono vaghe, al massimo ti propinano la Volontà Divina e la Provvidenza, cose che nella maggior parte dei casi, risolvono la questione con carestie, guerre, fame e quant’altro. Invece di applaudire a Obama, che in modo coraggioso ha tentato un approccio diverso al diritto di ogni americano alla sanità, e quindi alla vita, questi si attaccano alla possibilità di contaccezzione gratuita, buttando insieme all’acqua sporca del bagnetto, anche il bambino. Veramente un comportamento ipocrita.

Southsun

Poh!

Obbligherei i fedeli creduloni di queste religioni del menga a curarsi seguendo obbligatoriamente gli ordini delle loro gerarchie religiose, vietando loro tutte le tecniche di cura condannate dalle loro “dottrine” e le medicine frutto delle ricerche da esse condannate, in ogni tempo.

Sarebbero ridotti a curarsi con cataplasmi e salassi, erbette e pozioni ‘magiche’.

In capo a dieci anni avremo o l’estinzione dei suddetti creduloni o apostasie di massa con l’estinzione delle Chiese, grasse madame mangiasoldi ripiene di boria e vanagloria.

MassimoP

Che dietro la “libertà religiosa” si celi altro è da sempre chiaro sulla base del fatto che mettere insieme religione è libertà è una contraddizione in termini.
Quello che dà molto da pensare è piuttosto quanto il ruolo della chiesa cattolica negli USA sia spesso sottovalutato.
La sottovalutazione riguarda soprattutto la portata dell’alleanza tra i vari “pro-pre-life” o “pro-pre-death” – come sarebbe più giusto chiamarli – quando sui tratta di decidere in merito a questioni che riguardano tutti.
L’aspetto più preoccupante sta senz’altro nell’impatto che, a livello planetario, esercita ancora l’istituzione più anacronistica del mondo occidentale – quella che , in Europa e in America, continua a “tener testa”, in termini di deviazione e di rischio concreto, ad un confronto col fondamentalismo islamico – al netto dei New Born, della Westboro Church o di simili mostruosità e aberrazioni, le quali, comunque, sono tutte internamente disarticolate e meno compatte del papato.
Finché il potere economico di un simile Leviatano non sarà atterrato, ci ritroveremo purtroppo a constatare come il progresso nei “paesi democratici” sia lontano dall’essere scontato.
Fino a quando? Spero con tutto il cuore di assistere a qualche cambiamento significativo prima di morire. Per il bene di tutti – compresi quelli che pensano il contrario e, letteralmente, nel migliore dei casi, “non sanno quello che fanno”.

Tiziana

la mia osservazione è banalissima, ma sembra che i cristiani per farsi ubbidire dalle pecore del loro gregge, debbono sempre e solo mettere divieti perchè non cadano in tentazione.

Gianluca

Mi conforta un po’ che due dei giudici cattolici abbiano votato a favore, altrimenti la proposta sarebbe stata bocciata. Comunque, si procede sempre sul filo del rasoio.

moltostanco

il divieto poi esiste già, perchè lo proibisce la “legge di dio”. Dimostrano di non avere alcuna fiducia nel loro gregge.

spapicchio

Chi aderisce alla religione cattolica lo fa per potere, per discriminare, per tirarsi fuori dal resto che considera scarto sociale, immondizia di cui liberarsi, perché si ritiene superiore autoritenendosi per la vita (propria) e conseguentemente per la morte degli altri diversi e fatti nemici.

E’ una forma infantile ed ingenua, semplice si potrebbe dire, di autodifesa, talvolta anche etnicamente orientata.

spapicchio

Ancora qui, come sempre, non si distinguono ma si confondono deliberatamente i cristiani evangelici dai cattolici romani.

spapicchio

Ancora qui, come sempre, non si distinguono ma si confondono deliberatamente per esempio i cristiani (evangelici) con i cattolici (romani).

I soldi li teniamo tutti per noi e ce li gestiamo noi, perché siam più bravi e più belli e piùmeritevoli, grazie alla nostra religione cattolica, e quegli altri li lasciamo morire, abbandonandoli al loro destino, perché forse non sono pro-our-life come noi.

In fondo in fondo funziona così, no?

Kaworu

i cristiani evangelici sono tante cose.

non esistono solo quelli stile valdesi, ma esistono anche quelli “furore estatico”.

a seconda del “sottogruppo” a cui appartengono.

spapicchio

@ Kaworu

si` sono d’accordo, soprattutto gli evangelici non sono cosi` smodatamente attaccati al potere ed al denaro, pubblico e privato, come i cattolici;

gli evangelici autentici di solito sono estimatori della liberta`personale, in modo particolare vogliono essere liberi dal dovere di partecipare a certi rituali e tradizioni della CCAR che non sentono proprie e non giustificano.

Apprezzano i valori cristiani evangelici coniugandoli con la laicita` e la imparzialita` delle istituzioni.

Mentre i cattolici, cavolo, sono tutto un disprezzare, un insuperbirsi, un estraniare, fino ad arrivare alla xenofobia, alla omofobia, alla pedofilia, alla ruberia, al disprezzo delle istituzioni solo perche` non confessionali e non sottomesse al papato… tendono a restare fuori della legalita` e delle piu` normali regole di convivenza civile.

Kaworu

eh guarda, personalmente di evangelici appunto estimatori della libertà personale e “laici” ho trovato solo i valdesi.

gli altri grosso modo sono con la torcia e il forcone in mano per bruciare gay, atei e via discorrendo…

RobertoV

Secondo un censimento di 20 anni fa sono state registrate oltre 20 mila confessioni protestanti (solo in parte affiliate) e continuano ad aumentare di anno in anno.
Hanno posizioni molto eterogenee, da progressiste a molto conservatrici e fondamentaliste, ed inoltre anche al loro interno presentano delle differenze notevoli: per esempio tra gli stessi luterani non c’è identità di vedute anche all’interno della stessa Germania. Cioè le chiese luterane dei vari Laender differiscono tra loro, da posizioni più progressiste e più aperte (vicine a quelle dei valdesi) a posizioni più conservatrici. Diciamo che non avendo un controllo centrale ed un catechismo vincolante, con i fedeli che possono interpretare direttamente i testi sacri, subiscono l’effetto dell’ambiente: se questo è più progressista, come in Europa, tendono ad esserlo anche loro, se in un ambiente più conservatore e fondamentalista (tipo USA o Africa) tendono ad esserlo in maggioranza anche loro. Certo, soprattutto per un italiano, non è facile distinguere a quali protestanti si fa riferimento e si tende a trattarli come un blocco unico o identicarli col protestantesimo americano.

Priapus

@ Spapicchio
penso tutto il male possiblile dei cattolici ma, spiegami, quelli che stanno convincendo i politici afri
cani, anche con la corruzione, ad impiccare gli omosessuali, chi sono?

spapicchio

@ Priapus

Guarda, io non sono molto informato, a parte queste notizie dell’UAAR, secondo quel poco che so io mi sembrano degli impostori, e potrebbero essere strumentalizzati o addirittura messi lì e fatti agire da altre chiese, come la CCAR o le organizzazioni islamiche, espressamente omofobe, per creare scompiglio e disorientamento nella popolazione in modo che non si aggreghino agli evangelici, gettando discredito e denigrazione sulle chiese evangeliche per ingannare la popolazione.

Quelle sono infatti aree conflittuali, e forse la WEA, od organismi evangelici initernazionali ne possono sapere qualcosa.

Quelli che incitano alla lcorruzione a ad impiccare omosessuali non hanno nulla di cristiano e di evangelico, è un assurdo, probabilmente strumntale, ma sappiamo che una ne fanno e cento ne pensano, ma NON sono veri cristiani – evangelici evidentemente.

Forse questi ne sanno qualcosa:

http://www.italianministries.org/

spapicchio

Quelle sono infatti aree conflittuali, e forse la WEA, od organismi evangelici internazionali ne possono sapere qualcosa più di me che leggo le notizie UAAR.

Non ho mai visto evangelici incitare all’impiccagione, al contrario ho saputo di omofobia islamica e anche cattolica e messa in atto in modo istigativo strumentale per compiacere e farsi proteggere dagli esponenti dei rispettivi gruppi e partiti cattolici del centrodestra come Lega Nord e PDL.

spapicchio

Fanatici che incitano alla corruzione a ad impiccare omosessuali non hanno ovviamente nulla di cristiano né di evangelico, perciò è un assurdo, probabilmente strumentale, ma sappiamo che una ne fanno e cento ne pensano, di cotte e di crude, per ingannare, e disorientare la popolazione, NON sono veri cristiani – evangelici evidentemente.

spapicchio

Non ho mai visto cristiani – evangelici incitare all’impiccagione, al contrario ho saputo di omofobia islamica e cattolica e messa in atto in modo istigativo strumentale per compiacere e farsi proteggere dagli esponenti dei rispettivi gruppi e partiti cattolici del centrodestra come UDC, CL, Lega Nord, PDL, e gli altri gruppi, partiti, o singoli esponenti cattolici, clericali e cattolicamente orientati ed operanti a livello politico sul territorio italitano.

spapicchio

* sul territorio ITALIANO, ossia in Italia, ma anche all’UE, eccetera.

Marco

I cattolici hanno diritto a dare il loro parere contrario a leggi quali quella sulla contraccezione.
E non capisco proprio come si possa affermare che la contraccezione può salvare 45000 vite umane all’anno… (o forse avete mischiato due argomenti, cioè l’opposizione tout court dei Repubblicani alla riforma sanitaria e l’opposizione dei cristiani a quela parte della legge che parla di contraccezione? Se così, avete commesso un bell’errore, visto che sono due temi nettamente diversi).

spapicchio

@ Marco

mi sembra che anche tu confonda cristiano (evangelico) con cattolico (romano).

Ti faccio notare che l’opposizione alla riforma sanitaria realizzata dal presidente democratico Usa Barack Obama, qui, ancora una volta è della parte cattolica clericale, ossia quella realizzata dagli oppositori della Corte Suprema che erano tutti cattolici (non esattamente “cristiani”).

E’ il tipico qui pro quo – fischio per fiasco, tipipco della cultura (in declino) e della stampa di regime partitocratica italiana (in auge): lo trovi in pressoché tutte le notizie che riguardano gli evangelici: scambiano cristiani (evangelici) con i cattolici (romani).

Questo giochetto di parole, solo apparentemente ingenuo, piace in particolar modo, indovina a chi?

Alla CCAR, “l’unica chiesa”.

;-)

spapicchio

E’ il tipico qui pro quo – fischio per fiasco, tipico della cultura italiana (in declino) e della stampa di regime partitocratica italiana (in auge): lo trovi in pressoché tutte le notizie che riguardano gli evangelici: scambiano cristiani (evangelici) con cattolici (romani).

spapicchio

E` una opposizione cattolica (romana) , NON cristiana (evangelica).

Lo scambio dell’aggettivo: un giochetto intelligente per un popolo (presunto e mantenuto) deficiente.

Commenti chiusi.