Turchia, Erdogan attacca l’aborto: “è come omicidio e bombardamento, complotto contro sviluppo del paese”

Si intensifica la stretta religiosa della Turchia col governo di Recep Tayyip Erdogan. Con uno progressivo smantellamento dello stato laico nato con Ataturk e un clima pesante di intolleranza che cresce, come fanno emergere segnali come l’incriminazione per blasfemia del pianista Fazil Say, ateo dichiarato, per aver esternato le sue convinzioni su Twitter.

Dopo il boicottaggio delle feste laiche e una riforma smaccatamente filo-islamica, ora il leader dell’AKP vuole rendere più difficile l’interruzione volontaria di gravidanza. Limitando l’accesso all’aborto anche per necessità mediche e persino il parto cesareo, perché farebbe fare alle donne meno figli. In un paese dove l’aborto è legale dal 1983 ma con paletti già molto rigidi.

Il primo ministro è partito all’attacco, affermando al pari di certi integralisti nostrani, che “non c’è differenza tra uccidere un feto nel grembo della madre o uccidere una persona dopo la nascita”. Aveva già paragonato l’aborto ad un bombardamento che fa strage di civili. Riferendosi all’azione che ha portato per errore alla morte di una trentina di civili nel villaggio di Uludere, durante le operazioni contro i separatisti curdi. “Ogni aborto è una Uludere”, aveva affermato.

Erdogan insiste sulla propaganda familista e sprona i cittadini a fare più figli, puntando sul nazionalismo. Secondo il premier, sostenere la possibilità di abortire fa parte di un complotto per non far crescere la Turchia. Limitarlo invece permetterebbe alla Turchia di diventare un paese più avanzato a livello economico. Come nella migliore tradizione pro-natalità di alcuni regimi nazionalisti.

Decise le proteste delle femministe turche e dei partiti d’opposizione, nonché diffuse le perplessità dei medici, contro questo attentato ai diritti (e alla salute) delle donne.

Archiviato in: Generale, Notizie

61 commenti

faber

Ecco vedi enrico per il vostro ed il nostro bene perchè voi cattotalebani non andate a fare una visitina in una di queste nazioni a scelta: Turchia, Arabia Saudita, Iraq, Iran, Afghanistan, Yemen e poi sono sicuro che ce ne siano altre in cui potreste divertirvi. Magari vi piace come si vive, vi fate crescere la barba e ci rimanete.

Elena

@Enrico
E allora rispetta anche i diritti che la tua patria sancisce

Elena

Facile per un uomo sentenziare su qualcosa che non lo toccherà mai, eh?!

valeria

lascia perdere, Enrico: non capire che un feto è una vita che si sta sviluppando dimostra un’ignoranza notevole.
Comunque, qualcuno sa dirmi cos’è il tempo? E perchè esiste qualcosa anzichè il nulla?
Come fà dal nulla ad evolversi l’universo e soprattutto la coscienza di essere?
A proposito, cos’è la consapevolezza?
Entri nel merito, chi conosce le risposte.

manimal

@ valeria

le risposte precise non le ho, ma ho un test empirico da proporti:
prendi di mira un qualsiasi spigolo ben sporgente di qualche mobile di casa e dai una bella pedata avendo cura di colpire il suddetto spigolo con lo stinco (possibilmente scoperto).

ho la sensazione che il significato di consapevolezza apparirà ben nitido, in quanto il dolore intenso non lascerà dubbi alcuni alla tua coscienza: soffro quindi sono.

capirai anche che quello spigolo non era “nulla” ma un “qualcosa” di molto consistente, e credo che anche il concetto di tempo ti risulterà meno oscuro: infatti PRIMA dell’impatto stavi bene, mentre DOPO starai male.
e non potrai in alcun modo tornare all’istante prima dell’impatto per evitare lo spiacevole effetto conseguente.

lieto di esserti utile.

manimal

ma l’uso improprio del tasto “rispondi” fa parte del magistero della chiesa?

DucaLamberti74

@Valeria:
Comunque, qualcuno sa dirmi cos’è il tempo?
E perchè esiste qualcosa anzichè il nulla?
Come fà dal nulla ad evolversi l’universo e soprattutto la coscienza di essere?
A proposito, cos’è la consapevolezza?

E se la risposta a tutte queste domande fosse un sincero..ma perchè NO ..perchè devo interrogarmi nel dare spiegazioni mistiche ed invece prendere il tutto come un oggettivo dato di fatto ?

E mi viene da chiederti..sulle tue domande..se dio è creatore perfetto, immutabile e bravo in quale scopo si inserisce LA CARIE AI DENTI.

Sai dirmi perchè esiste ?
Sai dirmi quale è lo scopo della carie ai denti ?
Non trovi che sia una bella porcata dal punto di vista biologico per degli esseri viventi ?
Come mai dio che è tanto buono la ha creata per darla in dono a tutti ?

P.S.: Evitando la solita risposta preconfezionata del tipo:
Bisogna essere consapevoli che il disegno di dio è al di fuori della portata dell’uomo e bisogna avere fede sempre e comunque nell’opera di nostro signore

Si prega di dare una risposta degna e seria di tale nome.
Estendo il quesito anche ad Enrico.

Prometto che se mi date una risposta plausibile inizio a prendere in seria considerazione di battezzarmi e diventare socio della CCAR.

Saluti, DucaLamberti74

ElenaGI

Se posso intervenire nelle questioni poste da Valeria, vorrei dire al caro Manimal che se il suo post fosse serio, la cosa sarebbe abbastanza preoccupante, ma credo che abbia solo voluto scherzare.
Io non capisco una cosa, degli atei: sono arcisicuri che DIO non esista, ma non possiedono la minima spiegazione razionale di come possa esistere il mondo (credo che Valeria insista su questo; se è diverso, chiedo scusa anche a lei).

Ducalamberti propone il problema del male: ma se non conosci il Vangelo non potrai mai capire perchè DIO crea tanto dolore.
Hai mai meditato attentamente tutte le parole di Gesù?
E comunque, resta sempre il problema di come si possa negare assolutamente DIO quando
non si è in grado di spiegare la nascita dell’universo; dal nulla, come dice Valeria, nulla nasce.
Lapalisse.
In ogni caso tengo a ringraziare gli autori del sito per la cortese ospitalità, per la possibilità offerta a una credente di esprimere le proprie opinioni: per questo,ad essi rivolgo un plauso sincero.
Buona giornata a tutti.

Luca

@ Enrico

Non essendo né medico né biologo, nessuno pretende da te che tu conosca anche la legge biogenetica fondamentale, enunciata nell’Ottocento da Ernst H. Haeckel, in base alla quale l’ontogenesi non è che una ricapitolazione della filogenesi, anche se molto sommaria, per cui un embrione può essere considerato tutto tranne che un essere umano. Ma almeno, prima di scrivere i tuoi sms in questo blog, potresti almeno fare un piccolo sforzo per far passare i due neuroni che hai nel cervello dallo stato di stand-by a quello di on? A volte è sufficiente premere un piccolo pulsante.

Enrico

Formula matematica alla base della sua enunciazione? Il termine molto sommaria non esiste nella scienza.

Near

La scienza non è fatta solo di formule matematiche e per spiegare l’evoluzione queste sono insufficienti, date le numerosissime variabili imprevedibili e aleatorie.

nightshade90

“Formula matematica alla base della sua enunciazione?”

formula matematica alla base del funzionamento di una cellula? checchè ne dica il tuo guru della fisica (zichichi detto “buon organizzatore, pessimo scienziato”), che nemmeno è in grado di citare le leggi matematiche correttamente anche quando pretende di usarle per dimostrare cose senza senso, la fisica non è fatta SOLO da matematica.

Enrico

Le faccio una domanda facile legge di Coulomb base dell’elettrostatica.

Luca

@ Enrico

Prova allora ad enunciare la formula matematica in base alla quale l’aorta prende origine dal ventricolo sinistro. Vediamo che salta fuori.

Luca

@ Enrico

Per quanto poi riguarda la legge biogenetica fondamentale, questa è la prima cosa che ho imparato il 1° anno di medicina all’università nel corso di embriologia. La conoscono tutti. Evidentemente solo a voi cattolici rimane sconosciuta.

Stefano

@ Enrico

Formula matematica alla base della sua enunciazione?

La formula matematica alla base della tua enunciazione qui sopra?

Enrico

Se il flusso di sangue che attraversa un piano posto in corrispondenza tra l’attaccatura dell’aorta ed il ventricolo è maggiore di 0 in una persona viva.Eventuali sospensioni del flusso non possono suparare una certo tempo.

Enrico

Insomma detto a il flusso sanguineo (sia in massa/tempo che volume/tempo) se a maggiore di 0.

a=0 solo se t (paramentro legato al tempo in cui non vi è flusso ematico) minore di b ove b appartiene ad R

Paul

Enrico, ma hai mai aperto, anche solo per un secondo, un qualsiasi libro di citologia, zoologia, botanica o anatomia?

P.s. non hai risposto alla domanda di Luca, ma ad altro, la cosa grave è che tu non te ne renda conto…

fab

Luca, lungi da me il difendere Enrico, ma l’ontogenesi che riassume la filogenesi sa tanto di misticismo, tant’è che ormai non viene più presa molto sul serio in biologia.
Dopodiché, a Enrico ho già consigliato da tempo qualche classico di biomatematica, che evidentemente si è ben guardato dal leggere, dato che gli toglierebbe la possibilità di impiegare questa sua sgangherata obiezione.

Luca

@ fab

Quando il 1° anno di università il prof di embriologia/istologia ci spiegò la legge biogenetica fondamentale, ricordo che una ragazza (manco a farlo apposta, era una ciellina che faceva spesso regolare volantinaggio davanti all’ingresso principale dell’istituto di anatomia) alzò la sua cattolica manina, e tutta stizzita replicò al prof che la legge biogenetica fondamentale ormai era da considerarsi superata. Ti chiedo scusa, se ricordo certi eventi della mia vita, e mi guardo bene dal paragonarti ad un ciellino (ci mancherebbe altro!) tuttavia il tuo intervento mi dà la felice opportunità di far conoscere a te ed agli altri uaarini la risposta che diede il mio prof in quella circostanza:

“Cara studentessa, provi a portare la punta della lingua proprio dietro gli incisivi superiori. Avvertirà la presenza di una papilla. Lo sa di che si tratta? E’ il residuo dell’organo di Jacobson, la cui importanza neurosensoriale è rilevante soprattutto nei rettili. Provi ora a chiedersi perché nell’Homo sapiens residua questa papilla nel palato. Sempre che lo sforzo mentale non le provochi seri danni a quel residuo anatomico di encefalo che lei si ritrova dentro la cavità cranica.”

Sonora risata di tutta l’aula.

Vedi, caro fab, la legge biogenetica fondamentale di Haeckel ha un’importanza paragonabile a quella della legge evoluzionista di Darwin: se non ne tieni conto, tutta l’anatomia sprofonda nel non-senso. Ad esempio, mi sai dire che senso morfologico può avere parlare di archi branchiali e di organi che derivano da questi? I cattolici hanno accettato Darwin con immensa fatica, figurati se possono accettare anche Haeckel. Certamente sbaglia chi pensa che l’embrione sia solo un ammasso di cellule, ma ancora di più sbaglia chi lo considera un essere umano a tutti gli effetti e bolla come infanticida chiunque sia favorevole all’aborto legalizzato.

Ti ringrazio per il tuo intervento, che mi ha consentito di chiarire il mio pensiero.

Fri

Enrico, quando ci dai la formula matematica dell’esistenza di dio?

Bee

Non si può dimostrare l’ inesistena di alcunché, genio. E non cerchiamo di spostare l’onere della prova.

manimal

@ Enrico

interessante…
tutto ciò che non si può dimostrare inesistente, di conseguenza esiste?
vado a dirlo subito al mio ippopotamo nano alato invisibile incorporeo inodore asettico e scorbutico.

Fri

Quando voi ne dimostrerete l’inesistenza.

questa affermazione non e’ affatto scientifica

fab

Enrico, abbiamo già dimostrato l’inesistenza della trinità da quel dì.
Non è un problema nostro se ti ostini a fare “ba ba ba nontisentonontisentonontisento”.

DucaLamberti74

@Enrico: quando voi ne dimostrerete la inesistenza.

Fino a prova contraria l’onere della prova spetta a chi sostiene una tesi.

Voi dite che dio esiste..bene dateci prove inconfutabili ed allora ne prenderemo atto e ci metteremo a pregarlo (anche se rimane da capire in quale modo e con quale rito dato che più di una religione professa di essere la verità assoluta).

Attendiamo quindi le prove dell’esistenza di questo fantomatico dio che è buono, forte giusto e misericordioso e fa tante belle cose.

Scusa ma se c’è un omicidio si arresta il colpevole dopo che sono state trovate le prove oppure condanno tutti quelli per cui NON riesco a fornire la prova della loro innocenza ?

DucaLamberti74

Gaglia

Ma smettete di rispondere a Enrico e cattotroll analoghi omg, non ha senso. Ignorare e basta, non è difficile!

bardhi

pure nelle dittature comuniste l’abbordo era considerato un crimine per un motivo molto simile a “complotto contro sviluppo del paese”, più schiavi infelici più gloria al partito/dio/patria

giulio

Mi risulta il contrario, nel 1920 l’URSS fu il primo paese a legalizzare l’aborto. Seguirono dopo la 2a guerra i paesi dell’Est.
Al massimo a vietare l’aborto è stata la Romania di Ceausescu.

bardhi

@ giulio
confesso che non lo sapevo che URSS lo aveva depenalizzato, in Albania e Romania, due paesi che dal 1960 non erano paesi satelliti del URSS, la condanna per le donne che abortivano era fino a 8 anni di galera.
Molte delle poverette morivano in seguito di “aborti fatti in casa”.

Tiziana

@bardhi
e non dimentichiamo il fascismo che si inventò la demorazza e i dipartimenti di demografia. il famoso slogan ducesco era : la forza sta nel numero.
ma non ottenne notevoli successi

Tiziana

leggo solo adesso la risposta di giulio

in unione sovietica il comunismo che pure ai sui albori aveva consentito l’aborto successivamente lo represse in modo violento così come nei paesi satelliti.

G.B.

Serva almeno come ennesima lezione che non ci sono partiti e uomini politici religiosi “moderati”. Quando si fa riferimento in politica alla religione è quasi sempre per fare dell’integralismo. Naturalmente possono anche esserci dei credenti rispettosi della laicità, ma allora limitano la religione al privato e non vanno a sbandierarla in continuazione quando parlano di questioni di interesse pubblico.

fra pallino

….affermando al pari di certi integralisti nostrani, che “non c’è differenza tra uccidere un feto nel grembo della madre o uccidere una persona dopo la nascita”…

Ovviamente il riferimento era ai vostri amici fautori dell’orripilante idea dell’ “aborto post-natale” (alias infanticidio), basata esattamente su questo dato di fatto, che in effetti la differenza non c’è, vero?

http://jme.bmj.com/content/early/2012/03/01/medethics-2011-100411.full

Elena

Mi ricordi un mio vecchio compagno di liceo che, quando non era in grado di sostenere la propria tesi perchè troppo debole, ti puntava il dito contro sottolineando quanto erano brutte le tue scarpe… e magari stava pensando alle scarpe di qualcun altro.

Stefano

@ fra pallino

Arteriosclerosi? Hai già fatto questo intervento e Kaworu ti ha risposto.

Near

Chissà, forse dopo quanto ha detto i nostrani integralisti cattolici non saranno più tanto contrari al suo ingresso in Europa.
Comunque Erdogan è un potenziale nuovo Hitler e le sue idee (meglio chiamarle col loro nome, ossia deliri) su aborto, familismo, contraccezione non fanno altro che confermare questo fatto… e i nostrani integralisti cattolici (con clericume annesso) sono sulla stessa lunghezza d’onda.
Il vero crimine è fare del male alla donna, non all’embrione, devono farsene una ragione e smetterla con queste pagliacciate.

Mauro Ghislandi

E pensare che qualcuno voleva farli entrare nell’Unione Europea.

DucaLamberti74

Precisione generale:
—-
Il primo sostenitore di questo erano berlusconi e fini e venivano dietro prodi dalemi veltroni e soci; a seguire standosene zitti e muti (in questo caso non insistevano molto forse per il discorso dei Curdi) i vari agnolotti e compagnia cantante ed alcuni a sinistar sostenevano che se la Turchia entrava nella Unione Europea avremmo potuto farel adottare più democrazia e modernizzarla.

TUTTI I POLITICI ITALIOTI (tranne bossi e la lega…ma vade retro la mai intenzione di difenderla !!!) VOLEVANO LA TURCHIA NELL’Unione Europea.

Adesso per fortuna il discorso sta cadendo ed il primo a farlo cadere e’ il signor Erdogan; a seguire Merkel, Sarkotzy e tutti gli altri.

In ogni caso la Turchia rimane un paese candidato ad entrare nalla UE quindi questo forse potrà fare la gioia di qualcuno cui piacciono tanto i barbitti e barbuti multietnici.

Laverdure

Una volta tanto invece l’ipotesi non e’ tanto stupida: sela Turchia fosse stata
ammessa nella UE cio’ avrebbe costituito un grosso successo per i governo
“laico” precedente,che forse gli avrebbe consentito di vincere le elezioni.
Quello ch e’ certo e’ che gli “snobbamenti” rivolti dall’ occidente a tale governo non sono stati certo sgraditi a Erdogan :tutto “grasso che colava” per lui.
E la cosa paradossale e’ che forse molti saranno tanto furbi da credere che ,ammettendola ora, cio’ “laicizzi” il nuovo governo,anziche rafforzarlo di fronte all’opinione pubblica dimostrando il maggior rispetto che l’Islam riesce ad avere dall’occidente rispetto ai corrotti governi laici precedenti.

DucaLamberti74

@LaVerdure:

NON diciamo cavolate…il governo laico precedente era quasi una giunta militare e vorrei ricorare che Erdogan ha un bel consenso popolare quindi sono i Turchi ad essere un po’ arretrarti rispetto a noi.

Inoltre vorrei vedere come si sarebbe gestita la massa di emigranti extra verso i territori della UE.

Sono barbitti barbuti e multietnici e che se ne stiano al loro posto.

Concordo invece che Turchia debba essere un partner di primopiano per Unione Europea ma NON fare parte di questa.

Poi magari fra cinquata anni ne riparliamo se cambia il loro modo di pensare ma se son ocosì…per favore stiano per conto loro.

DucaLamberti74

LAVERDURE

Se ricordo bene,in passato i militari turchi hanno preso diverse volte il potere in modo incruento,cedendolo spontaneamente dopo un certo tempo a governi civili.
Proprio loro sono stati una garanzia di laicita,per questo Erdogan si e’ premurato di cercare di limitare sempre piu’ il loro potere.
E se qualcuno obietta i metodi non proprio garantistici usati dai militari,provi a pensare ai metodi dell’attuale governo iraniano,ad esempio,che potete star certi Erdogan imitera sempre piu.
Quanto al consenso popolare,che tanti considerano una garanzia di legalita,ricordate un po’il reale consenso praticamente totale di cui godeva Hitler,per non parlare di quello di cui godette Mussolini per vent’anni.
Ed e’ paradossale che molti dei dissidenti a quest’ultimo fossero ferventi ammiratori di Stalin.

DucaLamberti74

@Laverdure:

Ricordi bene ed è quel che volevo dire.
Di fatto la garanzia della laicità dello stato erano i militari..il che è tutto dire.

Per la serie il popolino turco è un popolino (in senso morale e culturale sia ben chiaro..i turcofoni comprendendo altri paesi oltre la Turchia nel mondo sono oltre i 200milioni)..e ci vuole il soldatino che con il fucilino dica..

Ricordi la lezione di Ataturk..comportati bene se non vuoi che con il fucilino ti spari nel @@@ino…

Passa il tempo ma il popolino rimane sempre tale, anzi in un impeto di rinascita dell’islam e di voglia di ascoltare gli imam barbitti e ripetere a memoria le loro litanie ci si rifugia nel pregare un allah che tutti immaginano barbuto e barbitto nell’anima (sia ben chiaro…non si può rafigurare allah..è peccato) come gli imam che predicano.

Ed Erdogan riflette i sentimenti della maggioranza del popolino turco.
Da quel che vedo a livello economico sono in piena espansione e quindi mi viene da dire…

Lettera di DucaLamberti ai turchi (che bello mi sento anche io come un profeta dei primi tempi e posso pontificare come il papa razinga zeta :-) :-) :-) ).

Cari turchi,

Volete barbittare come dice Erdogan e come piace a voi…fate pure.

Vedo che state lavorando duro e sapete produrre ricchezza ed economia se così riuscirete a fare nei secoli dei secoli a venire barbittate pure a volontà.

E se figlierete come conigli nessuno vi dirà nulla se riuscirete a dargli da mangiare potete aumentare di numero e costruire tante belel moschee ed allah barbittabbum dal’alto dei cieli sarà lieto di sentire le vostre litanie e di vedere tanti bei matrimoni combinati.

Importante è che ve ne stiate li nella vostra nazione e NON pretendiate di emigrare in massa verso Unione Europea perchè ci sono dei cani infedeli da convertire.

Così ho parlato..ispirato da una grande volontà divina che viene dentro di me.

DucaLamberti74

Rudy

Le trottole della storia a breve termine: ora la Turchia si ritrova come entusiasti sostenitori le inde-fesse guardie padane a difesa del crocifisso e i reazionari azzurri. Finisce che Formigoni fa concedere a Erdogan l’ambrogino di platino.

Rudy

Anche se su un altro piano, da notare che in questi giorni, sempre la Turchia, per bocca del suo Consiglio Supremo (o giù di lì) ha imposto alla sceneggiatura di una soap televisiva di fare sposare i protagonisti, altrimenti dediti “ad attività extraconiugali con evidenza di una sessualità attiva”. Contemporaneamente, le donne di spettacolo invitate ai programmi devono esibire abbigliamenti di certificata moralità. A ridatece Atataurk!

fab

To’, un musulmano che parla come un cattolico. Chi l’avrebbe mai detto.

LAVERDURE

Evidentemente gli sponsor di Erdogan (provate a immaginare chi siano) non mancano di ricordargli spesso di che legna si scaldi.(e che legna assaggera se non seguisse le loro direttive).

DucaLamberti74

Dialogo teatrale tra Erdogan ed i comunistoidi italioti (#01) :

Erdogan:
—-
Avanti miei concittadini fate più figli…pensate alla patria…il numero è potenza.

E con il vostro ventre fate contente allah barbittabbummm…più voci lo pregano e più i nsotri imam barbitti e barbuti delle madrasse saranno contenti.

E poi c’è sempre l’eurabia dell’unione degli eurobei pronta ad accoglierci…quando ci accoglieranno perchè lo faranno dopo che è passata questa crisi del debito e crisi economica allora noi saremmo pronti ad emigrare a milioni ed a riprodurci.

Comunistoidi (italioti):
—-
SIII venite da noi che siete barbitti e multietnici…vi accoglieremo a braccia aperte e ci darete un sacco di voti e forse ritorneremo alle percentuali del 9..10%..

E se vi riprodurrete per bene e continuate ad emigrare possiamo raggiungere alte percentuali ed arrivare al governo….voi ovviamente fate i barbitti ed i barbuti multietnici alla politica pensiamo noi.

Poi il discorso degli omosessuali e le coppie di fatto e il dare supporto ad uno stato sociale degno di questo nome…sono fatti secondari.

Importante è che diventiamo tutti barbitti e barbuti multietnici…e voi futuri figli della Grande Turchia di Erdogan ci aiuterete in questa missione..e sconfiggeremo berlusconi ed i riformisti traditori della rivoluzione proletaria..

DAI barbitti e barbuti multietnici…venite tutti da noi..

#01: Si esclude da questa definizione le persone sincere e genuinamente comuniste alla Giuseppe Bottazzi (il peppone di Don Camillo) oche NON hanno rinnegato gli dieali del 1968, del femminismo e delel grandi conquiste sociali del ‘900 (per l’Italia, in primis lo statuto dei lavoratori).

DucaLamberti74

Giorgio Pozzo

Duca,

scusa, ma è da tempo che volevo chiederlo, e mi tratteneva solamente la potenziale figuraccia di un matusalemme che non conosce il gergo moderno:

L’hai inventato tu il termine “barbitto”, vero?

DucaLamberti74

@Giorgio Pozzo

Certo che lo ho inventato io..ma NON preoccuparti è open- source e possono usarlo tutti. :-) :-) :-)

Il termine barbitto richiama ad una barba di quelle degli imam quando pregano profetizzano e maomettano (potrei dire pontificano..ma non mi sembra in linea con loro religione tale termine :-) ) le loro verità scritte in un libro vecchio di millenni.

Discorso similare per il termine barbuto tanto è vero che spesso e volentieri io parlo di imam barbitti e barbuti.

I termini multietnico e multiculturale (CHE PER ME HANNO SIGNIFICATI NOBILI E SINCERI DI FRATELLANZA E RISPETTO RECIPROCO ….e con questo vorrei che i comunistoidi italioti evitassero di chiamarmi fascista o similare… LI INCLUDO per ironia e sberleffo guascone e goliardico ai vari agnolotti, bertinotti, forneri, nicchi vendoli e similari).

Diciamo la parola barbitto fa venire in mente una barba curata di un imam che consoce a memoria (ovviamente senza contestualizzarli nell’epoca) i vari hadit, sunne, detti del profeta e commenti cornaici di sommi teologhi che da millenni ripetono le stesse cavolate.

Ecco un esempio di imam barbitto:
http://www.lisistrata.com/cgi-bin/02lisistrata/index.cgi?action=viewnews&id=370

Mentre la aprola barbuto richiama ad una barbaccia poco curata folta e da esaltato pronto a guadagnarsi le sue settantadue mogli vergini con una bella barbittata di esplosioni, bombe morti e sangue.

Ecco un esempio di imam barbuto:
http://www.innovateus.net/innopedia/who-imam

Immaginati tu personaggi del genere al festival di woodstock…

E capirai perchè da persona orientata a sinistra mi incavolo con questi personaggi similari ed i comunistoidi italioti che per oltre quindici anni li hanno corteggiati ad oltranza ed a senso unico.

DucaLamberti74

Senjin

“persino il parto cesareo, perché farebbe fare alle donne meno figli.”

E ne farebbero di più senza taglio cesareo con figli nati handicappati grazie alla sofferenza fetale e magari un bel prolasso dell’uteoro o rischio di morte per emorragie?
Ma quest’uomo ci è ci fà?

Giorgio Pozzo

Quantomeno curiosa la supposta relazione tra natalità e sviluppo economico.

Se consideriamo che in Turchia, come in molti Paesi, esiste un divario piuttosto marcato tra persone che vivono nelle città e persone che vivono in campagna, dal punto di vista del livello culturale e conseguente benessere, dovremmo indignarci se questo Erdogan punta a ribassare il livello culturale metropolitano invece che aumentare quello rurale.

Commenti chiusi.