Siracusa, critiche per card. Law invitato per festa Santa Lucia: “Ha coperto preti pedofili”

Polemiche per l’invito rivolto dalla diocesi di Siracusa all’ex arcivescovo di Boston, Bernard Francis Law, per i festeggiamenti in onore di Santa Lucia, patrona della città. Il prelato è infatti accusato di aver coperto diversi preti pedofili durante il suo incarico nell’arcidiocesi statunitense, permettendogli di continuare ad esercitare i loro incarichi. Scoppiato lo scandalo, 89 sacerdoti furono accusati e 55 lasciarono l’incarico. Law si dimise nel dicembre del 2002, dopo la denuncia di Snap (Survivors network of those abused by priests), ammettendo le sue responsabilità. Giovanni Paolo II prima respinse le dimissioni del religioso, poi le accettò. Intanto, le diocesi di Spokane, Tucson e Portland gestite dall’arcivescovo dichiaravano bancarotta, travolte dalle richieste per risarcimento danni da parte delle vittime degli abusi sessuali. Ma Law, nonostante le disavventure a Boston, è cardinale e ha fatto carriera in Vaticano, diventando membro di varie congregazioni nonché arciprete della Papale Basilica Liberiana di Santa Maria Maggiore.

I commenti sull’invito a Siracusa trovano eco soprattutto su internet, con critiche diffuse su Facebook. Il vescovo di Siracusa, mons. Salvatore Pappalardo, parla di semplice scambio di cortesie. Tempo fa il prelato si era recato coi fedeli siracusani in pellegrinaggio a Roma ed era stato “accolto in maniera fraterna” nella Basilica di Santa Maria Maggiore, presieduta da Law. Per questo, “mi è sembrato opportuno ricambiare la sua accoglienza in occasione dei festeggiamenti di santa Lucia”, commenta, riferendosi all’invito per le feste che ci saranno dal 13 al 20 dicembre. Alti parroci, come don Fortunato Di Noto, sono però critici. Ma la coordinatrice Unicef per Siracusa, Carmela Pace, si limita a dire: “Non abbiamo realizzato nessun comunicato, ognuno di noi è responsabile delle proprie azione, finché non ci sono dei giudizi definitivi non possiamo pronunciarci”.

Fabio Granata, vice coordinatore di Futuro e Libertà, critica la scelta: “la pedofilia e i silenzi da parte della Chiesa sul tema hanno indignato l’opinione pubblica mondiale”. “Per questo, pur nel rispetto delle valutazioni dell’arcivescovo di Siracusa, ritengo un errore l’invio al cardinale Law”, dichiara. Invito che è definito “un’ombra nei festeggiamenti di Santa Lucia, simbolo di luce”. Granata si dice “solidale con quanti, credenti o meno, hanno esternato meraviglia per questa decisione”.

Valentino Salvatore

Filed under: Generale, Notizie

45 commenti

Giorgio Villella

Nei primi scandali negli USA sui preti pedofili, era la chiesa statunitense in ultima istanza a pagare le vittime se i preti pedofili o la diocesi non avevano fondi e proprietà sufficenti.
Decisero allora di diventare una federazione delle varie diocesi, ciascuna indipendente, così che quando i pedofili di una diocesi non potevano pagare le vittime, le vittime si rifascevano sulla diocesi, che eventualmernte falliva, senza intaccare i soldi del resto della chiesa.
Una furbata che salva la chiesa a scapito delle sue vittime!!!

Paul Manoni

Giorgio, non ti dimenticae dalle vare “pistola fumante” torvata in mano alle diocesi americane…Le assicurazioni che stipulavano, proprio per tutelarsi da eventuali casi di pedofilia al loro interno. Almenoil 35% dei soldi dei risarcimenti infetti, provengono tutti da polizze assicurative, alcune delle quali non sono state nemmeno pagate, proprio perchè le diocesi non facevano nulla per limitare il fenomeno o prendere i dovuti provvedimenti.
(fonte: “I senza dio” di S. Livadiotti). ;)

whichgood

I siracusani credenti si meritano la presenza di questo scempio. Chi vuole Santa Lucia ed è affiliato alla santa Chiesa deve accettare l’onore di ricevere un cardinale nominato dal Vaticano ed invitato dal loro vescovo. Non vedo lo scandalo, semplicemente se parteciperanno alla celebrazione saranno anche loro omertosi. Chi forma parte della Chiesa cattolica deve sapere che questa realtà sono parte indivisibili di questa struttura.

Fred

Sono daccordo. Non si puo’ sempre selezionare quello che fa comodo e chiudere gli occhi su tutto il resto.

Giorgio Villella

L’arcivescovo di Boston, Bernard Francis Law, è in Italia per sottrarsi alla giustizia statunitense?
Il sospetto è più che legittimo perché nel passato è successo molte volte lo stesso; per esempio Marcinqus fu mandato negli Usa per evitsargli l’arresto in Italia e sacerdoti ugandesi condannati in patria per genocidio sono in Italia e continuano a fare i sacerdoti.

iging

Caro Giorgio, fai bene a pensare male. In effetti i porporati sono maestri del favoreggiamento e dell’ostruzione alla giustizia.
Sarei curioso di sapere come sta andando la denuncia presentata al tribunale dell’Aia conto B16.

Cesare b

“Sarei curioso di sapere come sta andando la denuncia presentata al tribunale dell’Aia conto B16″.
Si’, si’ …. Giusto! Sono curioso anch’io! Ma ho apura, caro iging che dovremo attendere a lungo l’uaar da’ notizia delle piu’ fantasiose inizitive giudiziarie contro il Papa, ma si guarda bene dal tiferire quando sono respinte o lasciate cadere per la loro manifesta infondatezza.
Saluti.

Sandra

Infondatezza dell’apparato legale a sostegno delle iniziative, forse, anzi probabilmente.
Ma infondatezza delle accuse…? Ti risulta una dichiarazione di Ratzinger sul proprio ruolo, sia come prefetto della congregazione per la dottrina della fede che come papa, e sulla responsabilità che tale ruolo rivestiva, sull’infondatezza delle accuse? Sai, tipo “Respingo assolutamente, e giuro su dio, che mai e poi mai ho relativizzato lo stupro di bambini rispetto al nome della Chiesa”. Qualcosa di papale, un po’ più elaborato, ma ci si contenta, poche parole, basta che siano sincere. Troppo difficile?

whichgood

@ Cesare b

Per amore di verità dovrei riportare degli esempi concreti che l’UAAR ha opportunamente pubblicato sul proprio sito anche quando le sentenze sono state lesivi nei confronti del prinipio di laicità. Visto che tutte le pubblicazioni sono online e facilmente accessibili la invito a cercare da solo. Spero di poter ottenere la stessa onestà reciproca da parte sua: a quale iniziativa si riferisce specificamente?

grazie

Sandra

Fino al 2002 c’era l’esenzione (un’altra!) per il clero:
“Although evidence gathered during the investigation establishes that senior Archdiocese managers did not report suspected child sexual abuse to public authorities, the state’s child abuse reporting law is not applicable because it was not expanded to include priests until 2002. The abuse of hundreds of children might have been prevented if the Archdiocese had adopted and followed a policy over the years of promptly disclosing allegations of child sexual abuse to public authorities.”
http://www.bishop-accountability.org/resources/resource-files/reports/ReillyReport.pdf

Comunque, che uomo disgustoso… nessun cattolico si è mai reso conto che uno del genere ha eletto il loro papa??
http://www.boston.com/globe/spotlight/abuse/stories3/121402_legal.htm
http://www.boston.com/globe/spotlight/abuse/stories3/121402_admission.htm

Sandra

@Giorgio,
il commento con i link non passa, riprovo.

Fino al 2002 c’era l’esenzione (un’altra!) per il clero:
“Although evidence gathered during the investigation establishes that senior Archdiocese managers did not report suspected child sexual abuse to public authorities, the state’s child abuse reporting law is not applicable because it was not expanded to include priests until 2002. The abuse of hundreds of children might have been prevented if the Archdiocese had adopted and followed a policy over the years of promptly disclosing allegations of child sexual abuse to public authorities.”

Comunque Law è rimasto a Roma, la prudenza non è mai troppa…

Cesare b

Law e’ rimasto a Roma perche’ il Vaticano, giustamente, non ritiene di avvalersi per il governo d’ una Diocesi di chi per anni non ha assolto correttamente ai suoi compiti. E’ evidente che le sue attuali funzioni sono, in pratica, una degradazione rispetto al suo precedente incarico. Se nessuno lo ricerca per sottoporlo a processo o per fargli scontare una condanna passata in giudicato, non vedo con quale fondatezza si possa continuare ad additare il suo come un caso di prelato criminale sottratto dal Vaticano alla Giustizia.
Saluti.

Cesare b

Law e’ rimasto a Roma perche’ il Vaticano, giustamente, non ritiene di avvalersi per il governo d’ una Diocesi di chi per anni non ha assolto correttamente ai suoi compiti. E’ evidente che le sue attuali funzioni sono, in pratica, una degradazione rispetto al suo precedente incarico. Se nessuno lo ricerca per sottoporlo a processo o per fargli scontare una condanna passata in giudicato, non vedo con quale fondatezza si possa continuare ad additare il suo come un caso di prelato criminale sottratto dal Vaticano alla Giustizia.
Saluti.

FSMosconi

@cesare

Se nessuno lo ricerca per sottoporlo a processo o per fargli scontare una condanna passata in giudicato, non vedo con quale fondatezza si possa continuare ad additare il suo come un caso di prelato criminale sottratto dal Vaticano alla Giustizia.

Ma come? La tua massima difesa è un’Ad Ignorantiam?
Per altro ti faccio notare che è stato invitato dal suo Paese natale in Italia dalla stessa chiesa cui fa parte nel bel mezzo dello scandalo. Non è sospetto?

Sandra

Degradazione un par di ciuffoli…. Sai cosa prende di stipendio Law???? Un essere così disgustoso poteva aspirare al massimo ad accamparsi sotto a un ponte. Non è stato sottratto alla giustizia, perché la legge non aveva ancora previsto l’obbligo legale per i preti di riferire alle autorità. Forse, che ingenui!, si aspettavano di poter contare sull’obbligo morale, che spinge qualsiasi essere umano decente a proteggere un bambino. Adesso che ci si è accorti di essere incappati in un doloroso e lungo caso di fiducia mal riposta, sono corsi ai ripari. Questo però non toglie che il card. Law è uno schifo.

Sandra

Sulla fondatezza leggiti il rapporto Reilly. E pensa a chi ha subito la peggiore degradazione da questi mostri, invece di preoccuparti della degradazione di Law.

whichgood

@ Cesare b

AVatican official in 2003 unforgivably claimed that condoms had tiny holes in them, deeming them useless, and Pope Benedict has argued that condoms “aggravate” the AIDS crisis. Benedict’s beloved predecessor, who also peddled the same medieval nonsense about birth control, is on the road to sainthood, despite his complicity in the sex-abuse crisis. Bernard Law, the disgraced former Archbishop of Boston who resigned after court documents showed he had covered up sex abuse, was rewarded with a prominent position in the Vatican.

These are the types of thugs and monsters who are revered in the Catholic Church. At what point will rank-and-file Catholics demand better?

http://www.chicagotribune.com/topic/ht-doug-daniels-are-hippies-to-blame-for-priest-pedophilia-20110525,0,2831469.story

E ora smettila di raccontare balle per coprire le TUE GUIDE SPIRITUALI PEDOFILE, OMERTOSE, CRIMINALI.

firestarter

Cesare b,

le tue difese fanno vomitare. Su questo ed altri argomenti, senza vergogna, continui a propinarci che X non ha colpa perche’ per legge esiste(va) il privilegio Y che sottrae(va) X dall’agire contro tale privilegio o atto ignobile. Veramente rivoltante, nonche’ un insulto per l’intelligenza dell’interlocutore.

Alex

@ Cesare b

Ma a te non fa schifo un atteggiamento del genere? Una pesona che per sua stessa ammissione ha protetto anni dei pedofili che hanno distrutto la vita di bimbi indifesi e che adesso stia continuando a gestire indisturbato una basilica?
Se ad esempio il ministero della pubblica istruzione avesse “degradato” ad insegnante un preside che avesse coperto decine di insegnanti pedofili penseresti la stessa cosa?

firestarter

Alex,

a lui non fa schifo perche’ e’ simbiotico ad una societa’ di criminali parassiti nella quale il nostro si sente protetto e sicuro. Come se non bastasse non ha la decenza di stare zitto ma si permette di venire qui a propinare le sue vomitevoli tautologie sul fatto che i privilegi squallidi stabiliti per legge sono legali, oppure le sue ignobili ed offensive spiegazioni sul perche’ un criminale come Law sia protetto dal Vaticano. La liberta’ di pensiero e di parola fa si che certi individui possano giustamente esprimere le loro idee rivoltanti. Tuttavia mi riservo il diritto di fare presente a tali individui quanto faccia schifo cio’ che affermano, a derido in anticipo le loro obiezioni sulla offensivita’ delle mie parole invitandoli a stare zitti qualora non volessero accettare la pubblica derisione del letame che espellono.

Francesco

Cesare b.
Dalla notizia si evince che si e’ dimesso lui, all’inizio Giovanni Paolo II prima respinse le sue dimissioni, ora e’ cardinale.

“E’ evidente che le sue attuali funzioni sono, in pratica, una degradazione rispetto al suo precedente incarico.”

Ta telefonato il papa per dirtelo o anche questa e’ delle tue supposizioni che dobbiamo accettare come dogmi.

“Se nessuno lo ricerca per sottoporlo a processo o per fargli scontare una condanna passata in giudicato, non vedo con quale fondatezza si possa continuare ad additare il suo come un caso di prelato criminale sottratto dal Vaticano alla Giustizia.”

Ha ammesso le sue responsabilita’ e la chiesa non solo non lo manda via ma gli affida ancora incarichi.
Contento tu, come sempre delle vittime nessuna parola da parte non solo tua ma di quasi tutti i superstiziosi che venite qui.

ALESSIO DI MICHELE

1) “dobbiamo aspettare il giudizio definitivo”: cicciolina bella, guarda che ha confessato !
2) In altri tempi avrei gioito di questo viaggio: una volta i pedofili, in Sicilia, erano “morti nel cuore degli amici”, e loro hanno uno stile molto personale di gestire queste cose, ruvido ma efficace. Ma, nella generale decadenza, …

Francesco

“Ma Law, nonostante le disavventure a Boston, è cardinale e ha fatto carriera in Vaticano, diventando membro di varie congregazioni nonché arciprete della Papale Basilica Liberiana di Santa Maria Maggiore.”

Ma cosa? Lui in fondo ha fatto il suo dovere o dobbiamo credere ancora alla favoletta che la chiesa e’ buona ma nel suo interno ci sono delle cattive persone, del resto se guardiamo i cani (a parte qualche rara eccezione) che vengono qui ad abbaiare in difesa della loro padrona chiesa, si ci puo’ fare un idea di che razza di gente appartiene a questa “confessione religiosa”.

Luigi Tosti

Siete i soliti anticlericali incalliti. Che male c’è ad invitare sua Entità padre Law alla festa di Santa Lucia? Non è forse la santa protettrice dei ciechi? E chi, meglio di questa Entità, è in gradi rappresentare la “cecità” della Chiesa di fronte agli stupri perpetrati ai danni dei bambini a livello planetario? E poi basta con la montatura della pedofilia da parte dei preti cattolici. Come giustamente evidenziato da Marco Tarquinio su Avvenire, la pedofilia dei preti cattolici è un fenomeno estremamente circoscritto, perché né su Marte né sugli altri pianeti del sistema solare vi è stato un solo prete che si sia macchiato di questo crimine.

iging

I romani che la sapevano lunga, non dicevamo forse “promovetur ut amoveatur”, ovvero è stato promosso per poterlo rimuovere da un posto scomodo?

andrea pessarelli

“un’ombra nei festeggiamenti di Santa Lucia, simbolo di luce”
un conto – ha inoltre dichiarato granata – è se lo avessero invitato alla festa di santa ombretta

ALESSIO DI MICHELE

@ Luigi Tosti:

sempre problemi della testa: il Vaticano è cieco, ma la magistratura, la polizia e l’ amministrazione carceraria hanno un particolare torcicollo che li fa sempre stare girati dall’ altra parte; e quest’ ultimo è infinitamente più grave di quella cecità.

Sandra

“Il vescovo di Siracusa, mons. Salvatore Pappalardo, parla di semplice scambio di cortesie.”

Ma ovvio. Che altro, il merito forse? Un’organizzazione come la Chiesa cattolica è centrata sullo scambio. Il card. Law è forse a Roma per il “bene” che ha fatto? Dipende da cosa si intende per “bene”, certo aver fatto sempre girare molto denaro per la chiesa cattolica è un merito che va ricambiato con cortesia. Curioso che Pappalardo non abbia ancora afferrato il concetto di cosca, il carciofo con le foglie che si stringono intorno al cuore.

whichgood

” Un mondo dove la carità è un optional, la verità un miracolo e il sesso si fa ma non si dice. Dove nessuno si fida di nessuno, tutti spiano tutti, e vince chi riesce a tirare il colpo più basso, in un’eterna guerra dei dossier per il controllo di una formidabile macchina da soldi. Un catalogo degli orrori che ha finito per nauseare un papa sempre più solo. Stanco. E consapevole di aver contribuito a consolidare un sistema perverso”

(da I senza dio, l’inchiesta sul Vaticano, di Stefano Livadiotti)

Dario

Non c’è nulla di assurdo sull’invito dell’Arcivescovo di Siracusa al Cardinale Law… soprattutto se si considera che l’Arcivescovo ignora (o vuole ignorare) che anche nella sua gloriosa Diocesi vivono ed operano preti e/o religiosi che certamente hanno avuto a che fare con la pedofilia (sono siracusano, so ciò che affermo). Come siamo messi bene… Evviva Santa Lucia!

Alex

Spero proprio che questo invito serva a fare aprire gli occhi alle pecorelle cattoliche in modo che vedano davvero chi sono i loro pastori. E quanto gli conviene continuare a fidarsi ciecamente di loro.

civis romanus sum

Il regalino di Natale della chiesa cattolica per i pargoletti di Siracusa: Mister Law, oppure detto ,,, Il guardiano dei porci.

bright77

Forse ultimamente ho frequentato un pò troppo Spinoza.it ma non rieso a non ironizzare:
del resto lo hanno invitato alla festa della protettrice dei ciechi e quindi da buon ceco il cardinale(de sto ber paio de ciufoli)come poteva vedere?

Sandra

Law ha festeggiato gli 80 in buona compagnia, Ruini ha espresso apprezzamento.
http://news.bostonherald.com/news/regional/view.bg?articleid=1378486

Giustamente si è notato che, per sensibilità, avrebbe fatto meglio a festeggiare con discrezione, in forma privata, invece di inviare un centinaio di inviti.
http://www.thebostonchannel.com/news/29683981/detail.html

Bernard Law si è dimesso il 21 novembre.
http://www.huffingtonpost.com/2011/11/21/cardinal-bernard-law-resigns_n_1106098.html

Lucia

“finché non ci sono dei giudizi definitivi non possiamo pronunciarci”.” E’ ASSOLUTAMENTE RISBILE.

Uno dei 89 sacerdoti e’ gia’ stato condannato (Geoghan) e l’hanno fatto fuori IN PRIGIONE.

Geoghan aveva sodomizzato — lui solo, con la piena conoscenza di molti, tra i quali LAW — oltre 130 bambini.

Ricordo ancora con somma ripugnanza un’intervista di una povera madre di una catolicissima famiglia irlandese che, piangente, disse di aver SUPPLICATO Law di allontanare Geoghan che aveva sodomizzato TUTTI I SUOI figlioletti (7 !!). Ovviamente Law SPOSTO’ Geoghan in un’altra diocesi, per continuare a fare la SUA carriera.

Law avrebbe dovuto finire in PRIGIONE come tutti gli altri, altro che essere celebrato a Siracusa.

Sandra

Lettera della donna a Law su Geoghan a st. Brendan, 6 settembre 1984 (la violenza fu sui nipoti):
http://www.boston.com/globe/spotlight/abuse/documents/geoghan_090684.htm

Risposta di Law che assicura impegno nell’investigare il problema, 21 settembre 1984
http://www.boston.com/globe/spotlight/abuse/documents/geoghan_090684.htm

Law incontra mons. Mark H. Koehan, zio “protettore” di Geoghan dai tempi del seminario, 29 ottobre 1984:
http://www.boston.com/globe/spotlight/abuse/documents/law_calendar_102984.htm

Law trasferisce Geoghan a St. Julia, Weston, 31 ottobre:
http://www.boston.com/globe/spotlight/abuse/documents/law_geoghan_103184.htm

Lettera di protesta per il trasferimento di Geoghan a Law dal vescovo ausiliare di Boston, D’Arcy:
http://www.boston.com/globe/spotlight/abuse/documents/geoghan_120784.htm

Interessante vedere quanto spazio D’Arcy dedichi alle vittime di Geoghan (zero), rispetto a quello per la scarsa raccolta di offerte del parroco di St. Julia. E quindi la preoccupazione che l’impatto di un prete “discutibile” come Geoghan potrebbe avere sull’unità dei parrocchiani, ma senza una parola sulla responsabilità che un tale trasferimento comportava rispetto ai bambini. Una congrega di cinici mostri.
Law fece comunque spallucce, e Geoghan continuò indisturbato.

RobertoV

Anche il cardinal Levada accusato e contestato negli USA per la sua gestione dei casi di pedofilia è stato “degradato” ad un ruolo secondario: è “solo” stato messo a capo della Congregazione della fede, al posto dell’attuale papa.

Per le vittime, purtroppo, ci sono sempre solo retoriche parole di circostanza, di lavaggio di coscenza.
Ma l’aver spostato in altre sedi dei preti colpevoli dovrebbe essere punito come favoreggiamento e occultamento di prove oltre che incitamento al crimine.

RobertoV

Non so se era già stato segnalato, ma ho trovato un articolo di due settimane fa in cui si parla di nuovi rapporti in Irlanda contro 85 preti (160 vittime di abuso). Ed anche qui si parla di spostamenti e occultamenti e vi sono ammissioni e accuse di responsabilità nella gestione dei casi di pedofilia.
http://www.bbc.co.uk/news/uk-northern-ireland-15960621

Roberto Bellassai

Finalmente anche a Siracusa,ci si è svegliati,facendo un volantinaggio contro la presenza del Card,Law,e ciò non può che farmi piacere,perchè Siracusa,e provincia,è un territorio storicamente clericale,ad esempio,negli ultimi tempi,il Presidente della Provincia Regionale di Siracusa,Nicola Bono,non appena eletto,ha invitato a presenziare il Consiglio Provinciale,il Vescovo di Noto,Mons. Antonio Staglianò,mentre l’ex Sindaco di Noto,Avv.Corrado Valvo, oltre ad inventarsi l’Assessore alla Chiesa,che poi ha dovuto ricredersi,invitò a presenziare in Consiglio Comunale,il Vescovo di Noto,Staglianò,nel silenzio delle forze politiche,delle due Città!

Commenti chiusi.