Il “Giornale” contro Pisapia: “l’ateismo nel suo programma”

Alessandro Sallusti, direttore del Giornale, nel suo editoriale odierno ha attaccato la diocesi di Milano, dichiarandosi “sorpreso” che “una parte della curia milanese e del mondo cattolico mene­ghino si stia dando da fare per aiutare Pisapia”. Si è chiesto retoricamente il direttore: “Matrimoni gay, droga libera, ateismo formale e sostanziale (cose pre­viste nel programma della sinistra) sono così attraenti per il cardinale Tettaman­zi?” La risposta di Sallusti è “evidentemente sì, perché non soltan­to il principe della Chiesa ambrosiana non ha dato indicazioni chiare al suo gregge, ma le sue mezze frasi e la sua no­ta ambiguità sono certamente un aiuto ai mangiapreti alla Pisapia”.

Raffaele Carcano

Questo articolo è stato pubblicato lunedì, 23 maggio 2011 alle 19:11 e classificato in Generale, Notizie. Puoi seguire i commenti a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.Non puoi né inviare commenti, né inviare trackback.

Visualizza i commenti o aggiungi un commento

49 commenti a “Il “Giornale” contro Pisapia: “l’ateismo nel suo programma””

  1. Kaworu scrive:

    comunque stiamo parlando del giornale… libero che dice?

  2. civis romanus sum scrive:

    Anyway, sembra una faida tutta interna a loro, CL vs catholics disgusted .

    Fossi milanese a questo punto non avrei più dubbi se votare e per chi .

    Pisapia for president !

  3. Chiara scrive:

    Evidentemente un presidente del consiglio che va con minorenni è molto più morale…spero che i credenti con un minimo di cervello riflettano…
    Chiara

    • Federico Tonizzo scrive:

      Se anche rifletteranno, sarà già troppo tardi per rimediare come si dovrebbe ai danni colossali che il berlusconismo ha già fatto.

  4. Diocleziano scrive:

    La mia impressione, in queste elezioni, è che il voto cattolico non abbia quasi più importanza.
    Intendo come possibilità di spostarlo strategicamente. Sbaglio?

  5. Alex scrive:

    Magari fosse vero

  6. Southsun scrive:

    Moratti, invece, ha il puttanismo nel suo programma.

    Punto, fine.

  7. tianlu scrive:

    Certo è un commento che viene da un giornale proprio autorevole …

  8. ΔΙΩRAMA scrive:

    Strano che non ci sia stata l’arruffata del centrosinistra ai cattolici… cosa sta succedendo?

  9. stefano scrive:

    se vogliamo parlare esclusivamente di politica non tirando in ballo la religione, cosa improbabile peraltro in vaticalia, secondo me Moratti e Pisapia sono entrambi invotabili, residui stantii di un mondo che non esiste più, ammetto che Pisapia è senz’altro più presentabile ma rappresenta comunque un partito, il pd, lontano dalla laicità quanto la Terra lo è dalla stella Vega.

    • Nathan scrive:

      A dire il vero Pisapia non è del PD, ma ha vinto le primarie di coalizione, votato dagli elettori PD che lo hanno preferito ai candidati PD.

    • giulio scrive:

      @ Pisapia non è del PD ma di sinistra e libertà, ha vinto le primarie di coalizione guadagnandosi il sostegno di tutto il centrosinistra

  10. kundalini444 scrive:

    Cosa vuol dire che “ateismo formale e sostanziale” sarebbe in un programma politico?
    L’ateismo non è una scelta individuale? Così come pure il cristianesimo? Che c’entra la politica?
    Semmai la politica deve occuparsi di lacità, non di ateismo.
    Nessun programma che preveda l’ateismo di stato o la religione di stato sarebbe accettabile. La laicità consiste nel permettere ad ognuno di vivere secondo le proprie concezioni religiose e filosofiche. Se il programma della sinistra consiste nel consentire agli atei di vivere secondo la loro concezione filosofica, ben venga! Non è un programma ATEO, è LAICO, difende quindi un sacrosanto diritto.

    • stefano scrive:

      l’ateismo nasce spontaneo nelle menti razionali e Pisapia certamente anche se fosse ateo non andrebbe a strombazzarlo a destra e a manca vista la scarsa confidenza con la laicità propria della politica nostrana.
      la fonte di tanta notizia è nientemeno che libero (elle minuscola) :D il turpiloquio me lo censurerebbero quindi eviterò di commentare una str…ta simile.

    • Dalila scrive:

      Concetto semplice che in Italia è ancora fin troppo duro da digerire.

  11. Jeeezuz scrive:

    Pisapia uccide i delfini gettando cotton fioc nel water.

  12. marco scrive:

    il giornale cosa scrive di nuovo?

  13. FSMosconi scrive:

    Hanno una tale mancanza di argomenti da mordere persino la mano che gli da da mangiare, è assurdo… :shock: :lol: ;) :(

  14. Paul scrive:

    Il Giornale non va neanche bene se dovete imbiancare la casa, figuriamoci per il resto…

  15. Non farò commenti fino a scrutini finiti.

  16. Bright77 scrive:

    Cxxxo!Cosa mi sono perso?Ero rimasto a Pisapia che islamizza Milano……

  17. Paul Manoni scrive:

    Bravo Bright77! ;)
    Pisapia, stando alle loro disinformazioni propagandistiche da perdenti dell’ultimo minuto, e’ al tempo stesso un Ateo, che non vede l’ora di costruire moschee e favorire i credenti islamici. Pisapia e’ TUTTO, PUR DI ACCAPARRARSI I CATTO VOTI! ;)
    Chissà cosa ne pensano i frequentatori di chiese, delle “Olgettine” e del “Bunga-Bunga”… ;)

  18. Giuseppe Bellomo scrive:

    Ad attaccare, per l’ “ambiguità” sui temi etici, la curia di Milano sono gli stessi che hanno tollerato e difeso i comportamenti libertini del premier. Non sanno più dove sbattere!
    E poi, il linguaggio intollerante e sprezzante dei tanti cattolici alla Giovanardi nei confronti dei cosiddetti “diversi”……….!

  19. deki scrive:

    Ma voi volete prendere Il Giornale come voce di riferimento per i cattolici milanesi? Dai, Sallusti è un servo del papi, deve attaccarsi a tutto pur di giustificare lo stipendio che prende dal capo. Io, da cattolico, se abitassi a Milano voterei Pisapia, ma è una posizione personale, i cattolici, ad oggi, non mi risulta che si riconoscano in alcuna parte politica o partitica.
    Molto intelligente invece, come sempre, mi sembra la posizione di Tettamanzi: equidistanza, a differenza delle cretinate che spara Sallusti

    • Nathan scrive:

      Equidistanza ufficiale, ma sicuramente spera nella vittoria di Pisapia. Molti preti della diocesi, sulla linea di Tettamanzi, si sono invece sbilanciati pronunciandosi apertamente per Pisapia, e questo fa incazzare parecchio i clerico-fascisti ciellini e berluschini vari

  20. LUIGI DE LAURETIS NISII scrive:

    PISAPIA FOR EVER!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    • LUIGI DE LAURETIS NISII scrive:

      RISPETTO ALLA MORATTONA,per il resto……………………………. ognuno decide secondo la propria coscienza.

  21. Pisapia, troppo ateo per i clericofascisti, troppo cattolico per gli irrazionatei.
    Per entrambi meglio la moglie di un petroliere e seguace della religione del bunga bunga.

  22. fab scrive:

    Le sbavate di Gollum sono formali o sostanziali?

  23. matteo scrive:

    pisapia si è mangiato anche il flying spaghetti monster

  24. Maurizio_ds scrive:

    Ma cosa significa l’espressione “ateismo formale e sostanziale”? Se uno è davvero ateo, lo è sia nella forma che nella sostanza, è inevitabile.
    Detto questo, Pisapia in realtà ha fama di essere persona mite e moderata, per cui dubito fortemente che ci saranno sfracelli. Se però riuscisse a tenere lontani quelli di comunione e fatturazione, della compagnia delle opere eccetera, sarebbe già un buon risultato.

  25. Alessandro Sallusti scripsit:

    non soltan­to il principe della Chiesa ambrosiana non ha dato indicazioni chiare al suo gregge, ma le sue mezze frasi e la sua no­ta ambiguità sono certamente un aiuto ai mangiapreti alla Pisapia.

    Scusate, ma non dovrebbe essere una notizia positiva per molti atei qui?
    O l’importante è lamentarsi, per cui ora fate vostre le parole di Sallusti e vi lamentate anche con l’arcivescovo per non aver dato indicazioni di voto, ma se le avesse date vi sareste lamentati lo stesso?