Monaco, conversione ‘principesca’ della promessa sposa

Come spesso usa in presenza di matrimoni nobiliari, la promessa sposa del principe Alberto di Monaco, Charlene Wittstock, ha cambiato confessione religiosa. Era protestante, ora si è convertita al cattolicesimo. Lo rende noto Repubblica.

Raffaele Carcano

Questo articolo è stato pubblicato martedì, 5 aprile 2011 alle 4:58 e classificato in Generale, Notizie. Puoi seguire i commenti a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.Non puoi né inviare commenti, né inviare trackback.

Visualizza i commenti o aggiungi un commento

39 commenti a “Monaco, conversione ‘principesca’ della promessa sposa”

  1. Ffrank scrive:

    Ipociti.. ma d’altronde nobilta’ e ccar si condendono la leadership di questa specialita’. Chi vince ? E’ un quesito dificile, un po’ come quello dell’uovo e la gallina..

  2. TEO scrive:

    Abbandona il protestantesimo, ovvero l’eresia
    la pricipessa più bella che ci sia!

    • Gérard scrive:

      Parigi vale bene una messa…
      Cosi come Caterina di Russia diventò ortodossa eppure il re d’ Enrico d’Inghilterra fece lo strappo da Roma per sposare Anna Boleyn ….

    • nightshade90 scrive:

      se per te l’adesione puramente formale ad una fede dovuta unicamente all’acquisizione di vantaggi terreni e a nessuna riflessione spirituale è una conversione…..ma ovviamente si sà che ai cattolici non importa nulla della sostanza, basta che il potente di turno si finga cattolico e faccia numero affinchè gli si perdoni un’intero stile di vita in aperta opposizione ai principi cristiani (oltre che cattolici)…..

    • Kaworu scrive:

      eh si, l’abbandona proprio per motivi religiosi :lol:

    • alessandro scrive:

      si si perchè ci crede….come io credo che gli elefanti possano spiccare il volo.

    • Guardian of the netherworld scrive:

      Si converte perchè si è convinta nel proprio cuore, poi ben veng se ottiene pure quanto viene in seguito: http://www.autoblog.it/post/32543/lexus-ls-600h-la-nuova-auto-del-principe-alberto-ii-di-monaco

    • Sandra scrive:

      Sì sì, proprio una bella coppia cattolica comme il faut…. Lui ha già avuto due figli fuori dal matrimonio, e con due donne diverse! Decisamente un campione del cattolicesimo.

    • Maurizio D'Ulivo scrive:

      “La religione è solo un tarlo
      quando in gioco c’è Montecarlo:
      e se Parigi val bene una messa
      perch’io dovrei apparire più fessa?
      Niente mi costa sembrare cattolica
      se il mio premio è la fama catodica”

      Non sarà un capolavoro ma almeno qui (a differenza di quanto ha scritto TEO) la metrica è rispettata, e forse anche il realismo della situazione…
      ;-)

  3. Sandra scrive:

    La “fede” cattolica è più adatta a convivere con i soldi sporchi.

    • Federico Tonizzo scrive:

      Sandra, hai fatto il commento perfetto.

    • TEO scrive:

      Soldi sporchi! Dovresti sapere che il capitalismo non è sorto dal cattolicesimo, ma dal calvinismo, cioè da un’eresia del cristianesimo.

      • bradipo scrive:

        e no oh… decidete… o avete inventato tutto o no.

      • Sandra scrive:

        solo perché prima i soldi e il potere erano in mano solo al clero e alla nobiltà!
        “Il potere corrompe, e il potere assoluto corrompe in modo assoluto”. Motto che si adatta bene alla chiesa cattolica, no?

      • Stefano scrive:

        @ Teo
        Certo il lavoro sporco lo avranno fatto anche gli eretici ma sicuramente sul risultato non ci avete sputato sopra….

      • Stefano scrive:

        @ bradipo

        c’è radice e radice….

      • Federico Tonizzo scrive:

        @ TEO:
        La chiesa cattolica apostolica romana è una multinazionale della corruzione (innanzitutto morale) e della circonvenzione (a fini economici) dei “poveri di spirito”, e lo IOR è un paradiso fiscale.
        Proprio niente di cui vergognarti, eh? :evil:

  4. Andrea scrive:

    Per Sandra: a proposito di soldi, come la mettiamo con i finanziamenti di Soros alle organizzazioni dell’umanesimo laicista?

  5. giuseppe scrive:

    L’amore per il suo principe le ha fatto ritrovare la strada per la verità. Magnifico !

    • bradipo scrive:

      Già, è una meraviglia, non avrei saputo spiegarlo meglio.

    • nightshade90 scrive:

      l’amore per il suo principe? è come se io mi fingessi mussulmano solo per poter sposare un’immigrata marocchina a cui il marocco non dà il permesso di sposarsi senza una conversione ufficiale.

      mi pare ovvio che sia solo una conversione formle e di facciata. ma in effetti è tipico dei cattolici e della loro ipocrisia rallegrarsi per “conversioni” di questo genere…..anche perchè di conversioni vere non ne beccano certo molte, vista la fuga di fedeli….

    • Kaworu scrive:

      mi domando se siate allocchi o se vi vada bene tutto pur di fare brodo…

  6. cesares scrive:

    Tanto che c’era poteva anche rifarsi una bella verginità chirurgica così si sposava col vestitone bianco che fa sempre un bell’effetto.

  7. Francesco scrive:

    Per quanto mi sforzi non riesco a trovare un minimo di interesse per questa notizia.

    • Kaworu scrive:

      dai era per dare il contentino ai troll :)

      in tempi di sbattezzi e preti importati dal terzo mondo (sorvoliamo poi sulle suore), una che si fa cattolica per puro interesse pecuniario evidentemente gli fa piacere: rispecchia in pieno i valori del cattolicesimo.

    • Francesco scrive:

      Effettivamente, hai ragione.

  8. FSMosconi scrive:

    Non trovate anche voi divertente leggere i vuoti commenti dei troll che credono che si tratti di una conversione sponatnea? :lol:

    • Kaworu scrive:

      si vabbè, ci credono come ci credo io.

      tra l’altro il futuro sposo è un campione di cattolicesimo:

      due figli da due donne diverse e soprattutto che NON ha sposato e NON li ha concepiti all’interno del sacro vincolo del matrimonio.

      sorvoliamo poi su quel che è il principato di monaco in sé…

  9. ser joe scrive:

    E’ forse uno che fa Casini (o casotti ?)

  10. Painkiller scrive:

    Com’era il detto? Pecunia non olet…. dichiararsi appartenente ad una religione per avere soldi, ville, fama, ecc, la signora sà come guadagnare menando per il naso i gonzi.