Adozioni ai single: la Cassazione apre, il Vaticano chiude

Una sentenza della Corte di Cassazione diffusa ieri, pur ribadendo che l’istituto dell’adozione è consentita solo alle coppie sposate, ha sottolineato che il parlamento “ben potrebbe provvedere, nel concorso di particolari circostanze, ad un ampliamento dell’ambito di ammissibilità dell’adozione di minore da parte di una singola persona anche con gli effetti dell’adozione legittimante”, così come già accade in molti paesi europei. L’adozione da parte dei single, ha aggiunto la Suprema Corte, non è del resto nemmeno in contrasto con la Convenzione di Strasburgo sull’infanzia.
Pronta la replica del Vaticano all’apertura della Cassazione. “La priorità è il bene del bambino, che esige un padre e una madre”, ha sostenuto il card. Ennio Antonelli, presidente del Pontificio Consiglio per la Famiglia. L’invito della Cassazione non è stato condiviso nemmeno dal sottosegretario Carlo Giovanardi, presidente della Commissione adozioni internazionali, che ha ricordato come il quadro normativo italiano riconosca, “in casi eccezionali, seppure in maniera attenuata, la possibilità di adottare a singole persone”.

Raffaele Carcano

Filed under: Generale, Notizie

41 commenti

Tino

In casi eccezionali cioé quando il bambino è portatore di handicap o malato di aids, bell’esempio di tutela dell’infanzia. Gli “scarti” delle coppie sposate vanno ai single.

ANCIA LIBERA

ma si festeggia l’unità d’italia o quella del vaticano !!! – i ns. politici fanno veramente schifo – nessuno di loro ha alzato la voce contro la levata del vaticano – mi vergogno diessere rappresentato da questa classe politica !!

Ale

Secondo loro è meglio per un bambino restare in un istituto in attesa della “famiglia mulino bianco” che forse non arriverà mai, invece che essere adottato da un single che gli voglia bene?

Io ero Sai

1. “La priorità è il bene del bambino, che esige un padre e una madre”
Se fosse così Dio potrebbe dimostrarcelo facendo in modo che non muoiano i genitori di bambini; il mondo è pieno di orfani, eppure dio vuole due genitori per bimbo?
2. Ma se una persona convive con un’altra, dato che non abbiamo le coppie di fatto, contano come due single? Perciò un single può adottare e vivere comunque col compagno/a?

Sergio

I preti sono proprio fissati. Ci indicano sempre come ideale è la «sacra famiglia» nonostante l’eterologa e un marito cornuto.
E che facciamo degli orfani, senza il padre o la madre o persino entrambi? Saranno dei disadatti, degli anormali, dei poveracci? Ah, già per questi ci sono le suore (le ho conosciute, ve le raccomando) e i preti (anche questi li ho conosciuti, ve li raccomando).
Un bambino ha bisogno di affetto, punto. Glielo può dare anche anche la nonna se non ci sono altri. Il Vaticano invece insiste: solo un uomo e una donna sposati possono assicurare una normale crescita al bambino. Geniale.

Giovanni Bosticco

Ad ascoltare i preti, era maledetto:
chi credeva che la Terra gira;
chi faceva autopsie, per studiare il
corpo umano;
le streghe:
i mancini;
gli Ebrei (poi, quando fu aperto Auschwitz,
declinarono ogni responsabilità);
sono rimasti i gay:
se i preti non hanno il “maligno” da combattere,
non si spiega cosa sono a fare.

Southsun

Mia nonna rimase vedova con 7 bambini, di cui tre piccoli.

Quindi, secondo l’ineffabile ragionamento della monarchia clericale assoluta ESTERA chiamata Vaticano – notoriamente produttrice di ZERO bambini pro-capite e ZERO scoperte scientifiche e ZERO progressi sociali – mia nonna non sarebbe stata in grado di occuparsi da sola dei bambini, e si sarebbe dovuta come minimo risposare.
Sennò, i suddetti sarebbero sicuramente cresciuti disadattati, delinquenti e chissà cos’altro.

Tesi vaticana dimostratasi corretta quanto quella di Urbano VIII su Terra e Universo.

Siamo l’unico Paese in Europa che pende dalle labbra di una tirannide teocratica ESTERA (mantenuta con miliardi di euro) che mette becco in ogni dove, ma che protesta la sua sovranità ogni volta che scoppia uno scandalo, sessuale o finanziario.

Giovanni Bosticco

Un problema simile, in un paese civile,
è di pertineza degli psicologi.
Per cosa vengono, su tutti gli argomenti,
a mettere di mezzo il Vaticano?
Su tutti i giornali devo vedere la sua
opinione in prima pagina, mentre un
italiano su quattro partecipa a riti
imposti dalla Chiesa, ed uno su tre firma
l’8/1000 a suo favore.
Il guaio è che un sacco di italiani, che
manco sanno dov’è la chiesa nel loro
quartiere, ritengono indispensabile il
prete per nascere, sposarsi, morire.

GIOACOLP

L’adozione pone sotto la lente due condizioni. Quella dell’adottato, e dell’adottante. La prima, se avviene in età del bambino sotto i due anni, spesso viene elusa, trascurata, quasi mai presa in considerazione, per ragioni che attengono alla incapacità di esprimere un giudizio da parte dell’adottato circa l’adottante.
Solo in età più vicina alla ragione, l’adottato riesce ad esprimere un suo parere sull’adottante, cionostante, il suo giudizio, verrà soppesato con sufficenza, e semmai si ponesse in contrasto con l’educazione cattolica, verrebbe soffocato.
La nostra cultura, permeata com’è dalla famiglia cattolica-cristiana, monogama, puritana, omofoba, trina, è l’antitesi della accettazione di altro che non sia ciò che madre chiesa ci ha inculcato. Ciò detto figuriamoci cosa può rappresentare per gli ambienti giudicanti, il confronto tra un omosessuale, maschio o femmina che sia, e un eterosessuale.
La famiglia, può fare acqua da tutte le parti, ma la consacrazione dei coniugi sotto la volta celeste, resterà purtroppo per ora un invalicabile tabu.
Non voglio pensare, quale potrebbe essere la lotta per l’adottante single, se mai questultimo non fosse protetto dalla solita cupola sistina.

Tino

Veramente l’unico paese che accetta l’adozione dei propri orfani da coppie omosessuali è un paese cattolico: il Brasile non so se tra l’altro abbia firmato la convenzione sull’adozione che comunque esclude le coppie gay, ritenendo solo i single e famiglie. Cina e paesi asiatici non ne vogliono sapere di coppie gay, quanto ai paesi musulmani che io sappia è proprio vietata l’adozione esistono forse altri istituti ma che escludono anche i non musulmani quindi gli stranieri. Quindi una coppia omosessuale per adottare deve fingersi single per farlo, o meglio uno dei due membri della coppia. Non per difendre la cultura cattolica che tra l’altro in certi paesi come l’America latina si dimostra più aperta nei confronti della famiglia, è una delle rare zone dove si accetta facilmente che una donna vada all’estero per lavorare lasciando i figli, ma semplicemente per evitare queste discussioni manichee sulle culture, come se nelle culture non cattoliche queste cose fossero accettate e promosse.

Tino

@ GIOACOLP
Trovo poi particolarmente insensato il tuo riferimento alla monogamia. Nelle culture poligame (lasciamo perdere i musulmani prendiamo i mormoni) l’omosessualità è più accettata? Io credo che il successo degli omosessuali nei paesi dove hanno ottenuto i diritti sia dovuto al fatto che non hanno mai voluto mettere in discussione la monogamia.

Soqquadro

Sulla monogamia siamo d’accordo. E credo che di poligamia si possa parlare solo parlando anche di poliandria, ma non come è sempre stata applicata nelle società che la hanno applicata (ossia come una fregatura per le donne, cmq, e a prescindere), ma esattamente come musulmani e mormoni vorrebbero la poligamia.
Se un uomo può avere più mogli di sua scelta, ciascuna donna (e quindi anche ciascuna moglie dell’uomo di cui sopra) può avere più mariti di sua scelta. Poi magari affittano davvero il Mulino Bianco, per starci tutti :P
Adesso vorrei sapere se a tutti i difensori culturali della poligamia starebbe bene che ciascuna delle sue moglie sposasse in simultanea altri 3 uomini (ma anche di più)

fanecchissimo

@Tino

perchè citi altre religioni come se questo rendesse migliore il cristianesimo?
il paragone andrebbe fatto con una cultura laica, purtroppo poco rappresentata.

quindi il tuo ragionamento parte da una base scorretta(io credo consapevolmente)

musulmani e mormoni poi sono metri di paragone perticolarmente intolleranti(nel vedere comune).(regola del piano inclinato, citi il peggiore per fare di tutta l’ erba un fascio)

un assassino con una motosega che esce e fa un massacro non è molto migliore di chi tira una bomba atomica, o sbaglio?
questo vuol dire che vorresti in casa l’assassino con la motosega?
perchè questo è estrapolabile dalla tua critica.

il tuo ragionamento non è logico, la tua critica è sterile. Pensa prima di parlare, non sei l’ unico a conoscere “l’arte di aver ragione” di Schopenhauer.

saluti, e rifletti.

manuel

Tino

@ fanecchissimo
Sterili sono le teorie che non vengono dimostrate empiricamente come la tua, ricordare che il Brasile è l’unico paese che consente l’adozione dei propri orfani a coppie straniere è sterile? è automaticamente dimostrare che i cattolici sono superiori? Voi descrivete la cultura cattolica come se fosse l’unica responsabile di queste chiusure e se vi dico che non è vero sono scorretto e sterile? Mentre Zerco fa in tutta tranquillità propaganda sul filo dell’Iran paese che impicca i gay, tu non hai di meglio dare che insultarmi e farmi il processo alle intenzioni degno di un inquisitore? C’è poco da fare di tutta un’erba un fascio, nei paesi musulmani adottare è praticamente impossibile anche per le coppie etero, l’adozione in diritto musulmano è regolata in maniera totalmente diversa. La realtà è che i paesi che hanno autorizzato l’adozione ai gay poi di fatto si trovano bloccati nell’adozione internazionale che la vieta (il brasile probabilmente non ha firmato la convenzione, non so in caso contrario sarebbe in infrazione). Io non pretendo aver ragione semplicemente nel mio paese la Francia ad autorizzare l’adozione per single (per ragioni patrimoniali unicamente ed era l’unico tipo di adozione all’epoca) è stato napoleone non la rivoluzione francese.

fanecchissimo

@tino

scaldarsi è spesso dimostrare di avere torto.

infatti se noti, non ti ho attaccato come persona, e soprattutto non ho detto che citare come si comportano altri paesi era sbagliato.
sbagliato, mi ripeto, è accostare a questo che siano di questa o quella religione, come fosse vincolante e sufficiente per dimostrare che non esiste un’alternativa.(inoltre un popolo quasi mai è di una sola religione)
mi riferivo quindi in particolare al tuo secondo messaggio, che purtroppo è povero di argomentazioni e ricco di sensazionalismo.

mi ripeto, non attacco te come persona, perchè non ti conosco… credo semplicemente non valida la tua modalità di argomentare, e rispondere ancora in questo modo goffo, su temi che non erano quelli del contendere, dimostrano la tua malafede.

es: cosa c’entra con il mio post il fatto che in Iran vengano impiccati i gay?
es2: che processo ti avrei fatto dicendo che mi sembra che le tue argomentazioni siano sterili, e consapevolmente di parte ?

io, al contrario dell’ inquisizione, non ho mai bruciato o impalato nessuno.
anzi, chiedo soltanto una dialettica che non si perda nel voler aver ragione senza avere argomenti validi, come nel tuo secondo post. questa è una pratica populistica e onestamente poco rispettosa dell’ intelligenza dell’ interlocutore.

non ti ho intimato di non scrivere più niente, solo attento a quel che scrivi, perchè se pretendi la ragione in tutti i modi, la malafede esce fuori.

Nell’ articolo di partenza si esponeva il ruolo della chiesa cattolica in questa situazione che potrebbe migliorare per chi ha bisogno di aiuto.
Mettersi a fare confronti, come se questo spostasse il ruolo della chiesa cattolica nella situazione, con paesi messi forse peggio, non è certo aver colto il succo del discorso.

è inoltre singolare chiamare le religioni culture:
la cultura poligama mormona
la cultura poligama musulmana…
sei sicuro di sapere di cosa parli? e sei sicuro che un credo sia uguale ad una cultura?

buon pro ti faccia lottare per la libertà omosessuale in iran, comunque!
e buona giornata.

Tino

@ fanecchissimo
la religione è anche una cultura, lo so benissimo vivendo in un paese laico ma culturalmente cattolico basta vedere anche tra gli atei il senso di colpa nei confronti del denaro e dove la riuscita individuale è malvista contariamente a quello che succede nei paesi protestanti. A me non interessa nulla di dimostrare chi ha torto o chi ha ragione, se una persona sensata legge si renderà conto che nei miei messaggi dimostro una conoscenza delle leggi e della realtà forse non perfetta ma almeno c’è quando si parla di adozione. Tu a parte voler dimostrare che i miei interventi sono sterili e di parte (quale??) che grado di conoscenza hai? Boh i miei messagi non sono sensazionalistici sono i tuoi ad essere moralisti. Se poi conosci popoli che praticano la poligamia e accettano l’adozione gay fammi sapere. No, la monogamia non è un’ostacolo all’adozione gay o dei single.

StefanoM

“La priorità è il bene del bambino, che esige un padre e una madre”

Che pirla che sono, pensavo che invece avessero bisogno di affetto e amore.

sauro

Quanto versa lo stato agli orfanotrofi per il mantenimento dei bambini?

Soqquadro

So che per i bambini in accoglienza (case temporanee per problematiche familiari, affidati da tribunale dei minorenni) la Regione Lombardia versa circa € 2000/mese cadauno.

sauro

Ogni bambino tolto agli orfanotrofi è un mancato guadagno per chi li gestisce.

Painkiller

Già e chissà come mai lo stato invece di gestire direttamente le case famiglia preferisce farci lucrare i preti che tengono i bambini in orfanotrofio per periodi lunghissimi.
Pensano proprio al bene dei bambini tenendoli rinchiusi e privi di una qualsiasi forma di famiglia per anni…..

safidy

Meglio perseguire un (dubbio) ideale che sviluppare la potenziale felicità di DUE persone.
Il solito vomito.

POPPER

temo solo che il parlamento non durerà molto, e i single dovranno aspettare ancora un po’ per avere un bambino in adozione, ma bene la Sentenza, questo dovrebbe costringere il parlamento a legiferare in materia ed è ineludibile la sentenza a questo punto.

Mai tenpi sono lunghi, lo sono già ora per le adozioni consentite; almeno adesso sappiamo che berlusconi può essere interdetto dai pubbici uffici e lui dovrebbe dimenttersi a questo punto.

Tino

La cassazione non può costringere il parlamento a legiferare, al massimo la Corte Costituzionale può dichiare incostituzionale il divieto di adozione ai single. Solo un elezione in cui i cittadini eleggono partiti favorevoli all’adozione per single potrebbe succedere. Non so se sia il caso del PD, non credo.

POPPER

intendevo per costringere una specie di sollecito ineludibile legittimo da parte della Cassazione, scusa il termine improprio.

FSMosconi

Qualcunoi riscordi ai gonelloni che certe volte è meglio tacere e sembrare idioti puttosto che parlare e togliere ogni dubbio (cit. Wilde)…

giulio

Secondo me meglio due genitori che uno, e meglio un genitore che l’orfanotrofio.

Kaworu

meglio un genitore equilibrato di due che non sono in grado di fare quel “mestiere” (tutt’altro che facile e tutt’altro che corrispondente al semplice “mettere al mondo/mantenere economicamente”).

non è la quantità che conta ma la qualità, cosa su cui si soprassiede spesso e volentieri.

giulio

Allora diciamo che ceteris paribus due genitori sono meglio di uno.

giulio

Non sono per una preclusione per i single, ma direi che chi decide le adozioni deve tenere conto anche del fatto che la candidatura è di una coppia o di un single.

Kaworu

l’unica cosa di cui dovrebbero tenere conto è il benessere del bambino ;)

l’adozione è questo: un modo per garantire il benessere del bambino, non per dare un figlio a chi non può averne uno suo.

può sembrare una questione di lana caprina, però a conti fatti non lo è per nulla (anche per questo mi fanno salire la bile quelli che dicono “vabbè non puoi avere figli… adotta”. come se fosse la panacea del “male” del mancato genitore e come se tutti fossero adatti ad un carico del genere. sese, bello il mondo delle fiabe…)

Tino

@ giulio
Ma di fatto poi per i single non è molto semplice adottare come per le coppie gay, a parte negli USA che è sostanzialmente l’unico paese dove la pratica è veramente diffusa. Qui in Francia ad esempio credo che ci sia stato solo un uomo single negli ultimi cinque anni ad aver adottato per 15 donne single.

nightshade90

“Allora diciamo che ceteris paribus due genitori sono meglio di uno”

allora, secondo questo ragionamento, diciamo che ceteris paribus meglio 5 genitori (una bella famiglia poligama) che i 2 della comunissima famiglia monogama……

Paul Manoni

Il Card. Antonelli e Giovanardi, in realtà sono la stessa persona…!

Sandra

“La priorità è il bene del bambino, che esige un padre e una madre”

Non è completa. Manca che sia il padre che la madre siano psicologicamente equilibrati, che siano in grado di creare un ambiente familiare il piu’ possibile sereno, che siano consapevoli della responsabilità che essere genitori comporta e che si impegnino a volergli sempre bene. Se non si trovano due persone cosi’ per un solo bambino, una sola è sufficiente, per il suo bene.

Kaworu

tra l’altro il sesso dei due è piuttosto irrilevante (come dimostrano carrettate di studi, oltre alla mera evidenza).

il problema è che per certa gente è sufficiente quello che due hanno nelle mutande.

che poi siano buoni genitori… chi se ne frega.

Davide P

Cardinali? Famiglia? E cosa ne sa un cardinale delle famiglie? Ne ha forse una, con tutte le gioie ed i problemi giornalieri che ne conseguono? Di certo è l’ultima persona a poter dare giudizi su una cosa del genere, a lui totalmente sconosciuta, almeno a livello pratico.

Commenti chiusi.