Confermato il calo dell’8 per mille alla Chiesa cattolica

La Conferenza Episcopale Italiana ha confermato il calo di 35 milioni di euro nei contraibuti ad essa destinati provenienti dai fondi 8 per mille, calo già anticipato diversi mesi fa (cfr. Ultimissima del 15 settembre 2008). E’ ancora Adista a darne notizia, sottolineando come sia la conseguenza di una diminuzione della percentuale di firme a favore della Chiesa cattolica, passata dal’89,82% delle dichiarazioni 2005 all’86,02% di quelle 2006. I vescovi hanno dovuto fare di necessità virtù, tagliando alcune spese: da quelle correnti (meno 20%) alle somme destinate al “Fondo per la catechesi e l’educazione cristiana”.Invariate le spese per la carità.

Questo articolo è stato pubblicato martedì, 16 giugno 2009 alle 17:17 e classificato in Generale. Puoi seguire i commenti a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.Non puoi né inviare commenti, né inviare trackback.

Visualizza i commenti o aggiungi un commento

67 commenti a “Confermato il calo dell’8 per mille alla Chiesa cattolica”

  1. Christian scrive:

    Invariate le spese per opere di carità: mi sembra una buona notizia, almeno le iniziative filantropiche non risentono del calo di contributi di stato.

  2. For all the gods scrive:

    “I vescovi hanno dovuto fare di necessità virtù, tagliando alcune spese: da quelle correnti (meno 20%) alle somme destinate al “Fondo per la catechesi e l’educazione cristiana”.
    doppio gusto
    il risparmio e
    ridurre la catechesi, e l’educazione cristiana
    che è troppa

  3. For all the gods scrive:

    Sempre virtuosi, possono continuare così
    I vescovi hanno dovuto fare di necessità virtù

  4. Sailor-Sun scrive:

    Nel testo non c’è scritto se oltre alla percentuale delle firme per la chiesa è variato anche il numero delle firme stesse.
    Ottima mossa quella di non variare le spese per la carità, così possono dire che sono invariate senza specificare qual’è il dato (scarsino) di partenza.
    Tanto i soldi mancanti ce oi mette lo stato.
    Le firme in calo a chi vanno, ai valdesi, allo stato?

  5. Daglator scrive:

    Ancora presto per poter parlare di una vera e propria inversione di tendenza, ma ciò che mi preoccupa è che come (purtroppo ) giustamente afferma Sailor-Sun, i soldi mancanti ce li aggiungerà lo Stato.
    È comunque un inizio.

  6. E’ un ottimo segnale…speriamo che continui così.

  7. Mario 47 scrive:

    ricevono contributi dall’86% dei paganti tasse (sulla base – capisco – di una distribuzione proporzionale rispetto a chi esprime una preferenza).
    Forse la loro pretesa di rappresentare il 96% degli Italiani andrebbe riconsiderata.

    mario

  8. rik scrive:

    Se ricevono l’86% dei contributi, su meno del 40% di firmatari, significa che meno di 1/3 dei contribuenti firma per la cheisa cattolica.

    In realtà più del 60% dei conribuenti non firma per nessuno, ma le confessioni religiosi si beccano il 100% della torta.

  9. Horace scrive:

    Piano piano la società italiana si sta scristianizzando.

  10. NM scrive:

    Ma facendo quattro conti le cifre sono sempre più sbalorditive..
    Quanti soldi riceve il VaticAno ogni anno, ufficialmente??
    Se 35 milioni di euro corrispondono al 3.8%, si parla di quasi 900 milioni di euro nel totale.

  11. Stefano Grassino scrive:

    Tra sbattezzi ed 8×1000………………..ma vedrete che il PD penserà a tutto.

  12. Maciste scrive:

    Quando si sapranno i dati degli anni successivi? Non c’è un modo per saperlo indipendentemente dagli organi istituzionali?

  13. Maybe scrive:

    @NM:

    ho fatto un calcolo una volta, tra otto per mille e tutte le altre sovvenzioni (edifici di culto, esenzione tasse ecc, tutto insomma) sono arrivato ad uno spannometrico 4,5 miliardi di euro che lo stato dona ogni anno alla chiesa (1 miliardo solo di otto per mille).
    Sì, lo so, meglio non commentare va’….

  14. GerardReve scrive:

    La vera evoluzione si avrá solo quando la classe dirigente italiana continuerá e porterá a termine quello che i Savoia non fecero una volta aperta la “breccia di porta Pia”. CONFISCARE LA TOTALITÀ DEI TESORI VATICANI E INTEGRARLI NELLE CASSE STATALI, CON MAGGIORE PREDISPOSIZIONE AL WELFARE. AAAhhhh che immagine aulica…

  15. daigoro scrive:

    di questo passo (circa 3% all anno) tra 10 anni saranno a – 30% cioè al 50% circa dell’8permille.

    questo consentirà una spartizione più omoenea tra le varie confessioni religiose.

    ma a quel punto gli atei continueranno ancora a dover pagare l’8permille alle religioni senza poter pretendere soldi per sostentare il proprio gruppo?

  16. Silvio scrive:

    alla fine ci guadagnano, comunque chissene frega coi soldi ci hanno sempre saputo fare.

    M’ importa, che aumenta la gente che si rifiuta di dar loro ulteriore denaro,
    credo che il merito non vada tanto alla radicalizzazione della chiesa cattolica degli ultimi anni: Ruini Bagnasco fino a Benito XVI (come lo chiamano qui i giornali satirici),
    no di cittadini nauseati dalla chiesa cattolica c’è ne sono sempre stati,
    anche prima che facesse la faccia cattiva come negli ultimi anni).
    Credo che il merito vada a Logici come Odifreddi e Giornalisti come Curzio Maltese,
    per il coraggio di informare correttamente anche sapendo che in questo paese ci si fanno
    molti nemici a scrivere libri simili (2 esempi ma c’è ne sono molti altrettanto meritevoli).
    Ma sopratutto al UAAR per l informazione precisa sullo sbattezzo,
    sul 8 % , su come difendersi insomma. è un pochino anche a noi che ognuno secondo le sue possibilità
    sostiene
    diffonde
    informa
    grazie a tutti continuiamo cosi.

  17. Lorenzo Galoppini scrive:

    Ogni tanto una buona notizia…..che provenga dalla Cei (e non dall’ultimo sito laicista comunista antagonista e anticlericale) lascia decisamente…sorpresi.

  18. Papa Mike scrive:

    Penso che 35 milioni di euro in meno siano ancora troppo pochi…E’ comunque confortante sapere che le persone si stanno accorgendo del raggiro.
    Finanziare in qualche modo una qualsiasi religione e’ rivoltante.
    Dico ma li avete visti?!!?!?…AVETE MAI VISTO UN VESCOVO SOTTO I 100 KG!!!!
    Si permettono pure di parlare di carita’!!
    8 X mille alla ricerca!!!
    Uniti si vince!!
    Ciao a tutti

  19. Lello scrive:

    @Lorenzo
    già… basta solo che lo Stato non reintegri…

  20. Viano di Vagli scrive:

    Se leggete con attenzione, si fa riferimento agli ottopermille del 2005 e del 2006, che vengono pagati tre anni dopo. Se saremo ancora vivi tra tre anni, ricordate che gli introiti fiscali del 2009 dello Stato, da soli, sono calati del 20% grazie alla crisi economica e, di conseguenza, anche la parte riservata alla Chiesa Cattolica. Questo per evitarvi future brutte figure.

  21. frank scrive:

    E’ solo l’inizio, sempre ex cattotroll all’orizzonte .
    speriamo che lo stato non rimpingui la mancanza.

  22. daigoro scrive:

    x vdv

    non mi risulta che nessuno abbia riscontrato una riduzione del pil o del gettito irpef nel 2005-2006, pertanto la variazione negativa di ottopermille devoluta alla ccar è dovuta ad un calo di preferenze, questo è un fatto.

    per quanto riguarda il 2009 non essendo ancora finito non si possono fare previsioni, aspettiamo i dati del ministero.

    quanto alle brutte figure penso che il tuo commento scoordinato abbia già conseguito l’obbiettivo.

  23. MaxM scrive:

    “Invariate le spese per la carità”….

    che è una battuta se vedete i resoconti nel sito 8xmille . it vi renderete conto che tutte le spese se ne vanno per l’autosostentamento del clero.

  24. takeshi scrive:

    Tanto, col meccanismo imbroglio della redistribuzione intascano sempre circa un miliardo di euro. E ha ragione MaxM, la somma destinata alle opere di carità è ridicola paragonata alla marea di soldi destinata al sostentamento nel lusso di quegli sfacciati.

  25. #Aldo# scrive:

    State tranquilli che se il gettito calasse al di sotto di un certo livello la soluzione sarebbe un innalzamento della quota: 9 per mille, 10 per mille, 11 per mille… Scommettiamo 50 centesimi?

  26. Stefano scrive:

    @ Viano

    Il discorso non fa una piega sui soldi, non ha niente a che vedere con le firme…

  27. Mariano08 scrive:

    La notte scorsa non ho dormito bene,forse ho mangiato troppa nutella , però ho fatto un sogno bellissimo . Un volteggiare di angeli e santi su un firmamento blu e tutti mi invitavano con grazia dovuta, con inchini e premure ad avvicinarmi alla mensa del signore e , passata una nuvola di marzapane mi guardavo intorno sbigottito per tutto quel ben di dio . Gli angeli e i santi se ne stavano in disparte , quasi timorosi di creare disturbo, e io vedevo solo cappucci rossi ricolmi di ori di brillanti e di grandi croci indiamantate , che si abbuffavano con il ventre alquanto prominemte e interloquivano tra loro scambiandosi soddisfazione .
    La tavola era imbandita con fragole ,uva moscata , pesche che di più grosse non ne avevo viste e poi tacchini ripieni , maialini al forno , patatine novelle con calici di vino grandi come lampadari. Chiesi ai santi e agli angeli : e voi ? Noi non possiamo mi risposero , noi siamo troppi come troppi sono i bisognosi della terra . Se tutti mangiassimo che cosa resterebbe dell’8 per mille .

  28. Marco C. scrive:

    “Se saremo ancora vivi tra tre anni, ricordate che gli introiti fiscali del 2009 dello Stato, da soli, sono calati del 20% grazie alla crisi economica e, di conseguenza, anche la parte riservata alla Chiesa Cattolica”

    Ma Viano, cosa dici ?
    Guarda che l’ 8×1000 mica se lo possono tenere per sè i cittadini, semplicemente scelgono a chi darlo e il destinatario chiesa cattolica ha subito un calo di firme e di introiti.
    Leggi bene l’ articolo, si parla anche della diminuzione delle offerte deducibili (volontarie) dei fedeli e del fatto che i soldi destinati ad opere di carità sono sì sempre gli stessi da tre anni, ma rappresentano solo il 20% degli introiri della CEI. La maggior parte è destinata alle cosiddette opere di “educazione” (proselitismo ?).

  29. For all the gods scrive:

    Mariano08 scrive:16 Giugno 2009 alle 22:37Un volteggiare di angeli e santi su un firmamento blu e tutti mi invitavano con grazia dovuta, con inchini e premure ad avvicinarmi alla mensa del signore e , passata una nuvola di marzapane…”
    Hai visto la busta del lievito Paneangeli prima di dormire?

  30. For all the gods scrive:

    ma il loro stipendio, e quello delle suore, frati ed alti prelati lo dà lo stato italiano(?) credo. Hanno casa gratis, si cuccano ugualmente se vgogliono il buono famiglia, la pensione anticipata quando c’era e sono longevissimiiii, tutto dall’Italia come cittadini.E’ vero che come pensionati si anno vedere in chiesa a passare una parte del tempo, a prenere omaggi e riverenze, te ne accorgi quando i preti sono 2, uno è già in pensione probabilmente.
    Tutto il resto dove lo fumano, all’estero?

  31. Andrea (Milano) scrive:

    Spero che la cifra da loro ricavata diminuisca ancora vertiginosamente ne prossimi anni.
    Che muoiano di fame!
    Non meritano alcuna compassione.

  32. d’io continua a scomunicarli e…grazie mille!

  33. brunaccio scrive:

    SCUSATE OFF TOPIC DI OFF TOPIC MA GIUDIZI SU MIA PERSONA STOP
    ANDREA MI
    risposto su sito PISA FESTA LUMINARIE a tua un po’ maliziosa contestazione tra l’altro già OFF TOPIC..vai a leggere ragazzino appena puoi così patti kiari amicizia lunga

  34. Mario 47 scrive:

    Per fortuna che il numero di preti e suore cala anch’essi, così hanno meno spese per il loro sostentamento e la diminuzione dell’8 per mille non li danneggia poi tanto!

  35. fresc ateo scrive:

    Sempre meno denari a coloro che vivono alle spalle del popolo da 2009 anni senza fare nulla 450.000 esseri inutili x costruire il pil nazionale, sono solo buoni a prendere e farlo andare in deficit , ma vi rendete conto tutti senza fare nulla di utile??? incredibile un giorno la storia dira’ che degli inventori di una religone ,di un dio mai essistito hanno vissuto come nababbi alle spalle di una nazione intera.

  36. fresc ateo scrive:

    Cercasi preti :di buona volontà x lavorare le vigne e uliveti in collina paga sindacale .

  37. strozzapreti scrive:

    Il calo dell’ 8 x 1000 è dovuto ad un pluralismo di fattori ( cambio di fedi religiose, disamoramento dal cultoreligioso ), ma vedrete che la Cei troverà ed imporrà ai servili cattoparlamentari un nuovo modo di approvigionamento, il male andrebbe combattuto alla radice.

  38. quel cermanio di cermania con quale braghe assorbe il fallimento…che spero duri da quì all’eternità?
    Preghiamo!

  39. Marco Uno scrive:

    Verranno aumentate le solite sovvenzioni extra di comuni e regioni, quelle che non scoprirai mai se non leggi questo sito.

  40. franca p. scrive:

    sapete cosa ho notato? quando c’è stato il terremoto si cominciò a parlare del 5 o 8 per mille da destinare alla ricostruzione. Come ha reagito la chiesa? forse qualcunaltro lo ah notato, si è precipitata all’AQ con donazione e da allora nessuno ha più parlato di 8 per mille per il terremoto. forse come me anche altri lo hanno notato. sarà una delle ragioni del calo. spero. io di sicuro non l’ho dato.

  41. takeshi scrive:

    Basta con questa organizzazione parassitaria, andate a lavorare, disgraziati!

  42. rino scrive:

    lo stato.. deve.. fare come israele.. far pagare le tasse al vaticano(e non sovvenzionarlo.. più)molti italiani.. ormai hanno.. capito.. la vera natura del vaticano:i soldi.. e una l’hobby tra le più potenti al mondo.. con interessi.. in tutto… la loro.. difesa.. e la carità cristiana… (solo. facciata.. per accappararsi.. miliardi.. )il papa tempo.. fà donò a una chiesa di roma..100.000 euro..(ma chi sà perchè per festeggiare.. il compleanno.. di suo fratello.. ne ha spesi oltre 500.000 di euro.. questa e vera carità cristiana..)l’italia deve.. annullare i patti lateranensi.. e far pagare il dovuto.. a questi.. para..ss..iti.

  43. Albatros scrive:

    E’ un passo avanti, ma occorre insistere nel far sapere a tutti che, se non firmano per nessuno, il loro 8 per mille va comunque al vaticano in proporzione al numero di quelli che esprimono una preferenza.
    Quindi firmate per lo Stato, o i Valdesi, o la comunità Ebraica, o per chiunque altro.
    Occorre tornare al sano principio che i costi dei culti religiosi, come dell’educazione religiosa, se li pagano i religiosi stessi su base volontaria!
    Altrimenti che fede é ?
    Già paghiamo gli stipendi a oltre 30 000 insegnanti di religione per obnubilare le menti dei bambini con superstizioni e leggende !

  44. Macklaus71 scrive:

    Bella notizia! Uhm, però… quando i preti rimangono a corto di denaro non si sa mai come possono reagire. E’ come togliere la pappa ad un mastino perennemente affamato.

  45. Viano di Vagli scrive:

    Rino: “e una l’hobby tra le più potenti al mondo.. con interessi.. in tutto… la loro.. difesa.. e la carità cristiana…” certo che qui in parecchi c’ hanno “lobby” di sparar bischerate.

  46. Stefano scrive:

    @ Viano

    “certo che qui in parecchi c’ hanno “lobby” di sparar bischerate”

    Viano, religione a parte, sei geniale!

  47. peppe scrive:

    certo che qui in parecchi c’ hanno “lobby” di sparar bischerate

    Confermo. Una di queste è riportata in corsivo, qui sopra.

  48. Stefano scrive:

    @ peppe

    non l’hai capita…
    Leggi più su…

  49. barbara scrive:

    @Jan Hus

    Ti rispondo qui perchè hanno chiuso i post su PISA FESTA DELLE LUMINARIE
    Si io mi sono sbattezzata.Perchè me lo hai chiesto?

  50. fresc ateo scrive:

    il viano dei vagli ;le chiama bischerate io le chiamerei furti ai danni del popolo.

  51. peppe scrive:

    @peppe
    non l’hai capita…
    Leggi più su…

    L’ho capita l’ho capita :D … voleva essere una battuta del Viano, ma non fa ridere, visto che quanto scritto da Rino corrisponde a verità fino all’ultima sillaba.

  52. Simona scrive:

    @brunaccio:

    so che sull’altro trail su questo discorso dell’OPM cercavate un/una valdese… a riguardo dei fondi utilizzati a scopi culturali – ma ho visto troppo tardi ed era già chiuso come post.. ecco qua il mio contributo, se può servire ancora:-).

    Con l’OPM i valdesi (e metodisti) dichiarano di finanziare iniziative “sociali, culturali ed educative”, e che nemmeno un euro va ad attività di culto. Questo secondo me è vero al 100% (da valdese, parlo dall’interno;-)…). Rimane comunque il fatto che alcuni contribuenti possano non essere d’accordo sul fatto che in Italia ci sia bisogno anche di avere una piccola casa editrice protestante come la Claudiana, che è riuscita cmq a pubblicare in italiano, con fatica, fior di testi di teologia, di pensiero filosofico e di critica varia, senza i pregiudizi e preconcetti tipici di tanta letteratura dichiararamente filo-cattolica… io credo che sia importante avere una voce piccola ma professionale come questa, in un panorama culturale così monocorde (del resto la Bibbia – come il Corano ecc -, anche per gli atei, è pur sempre un libro di cultura che aiuta a capire tanta produzione letteraria, da Dante in poi, o no?;-)..)…

    E altri possono non essere d’accordo che ci sia bisogno di avere in Italia, sempre per maggior pluralismo nella nostra cultura, oltre che di decine di collegi e università cattoliche, anche di una (1) facoltà di teologia protestante (valdese) e di un (1) collegio “europeo” di fondazione valdese. Ci sono poi anche istituti per anziani, per disabili, per bambini svantaggiati – immigrati e italiani – ecc. (e al “Centro Diaconale la Noce” di Palermo, ad esempio, nella scuola non si insegna …l’ora di religione valdese, eheh) … che di tanto in tanto ricevono per i loro progetti dei finanziamenti OPM valdese – insieme a tanti altri enti e ONLUS invece “completamente estranei” alle nostre chiese. In un caso e nell’altro, non si tratta mai di istituzioni di tipo confessionale o aperte ai soli valdesi, ma sono aperte a tutti – italiani e anche stranieri.

    Poi, ognuno è ovviamente libero/a di NON firmare per l’OPM ai valdesi, ma – almeno – è proprio la grande “trasparenza delle informazioni” sul sito http://www.ottopermillevaldese.org che vi permette di decidere scientemente in proposito, e di stabilire per voi stessi se ciò che la chiesa valdese considera un’ “iniziativa educativa e culturale” (es sostenere un progetto editoriale di una casa editrice protestante) sia invece per voi un’iniziativa di culto.

    Per me, come ho detto, personalmente non lo è, ma …ammetto che potrei essere di parte… ;-)

    Per quanto riguarda la ricerca sulle staminali embrionali, vi confermo che è tra i progetti finanziati con l’OPM valdese (come anche i profilattici contro l’AIDS – oltre che i pozzi per l’acqua – in Africa…), ma vorrei spiegare al “don” del trail precedente che è stata proprio la prof. Elena Cattaneo (e… non un nostro pastore o una pastora eheh) dell’Università di Milano a spiegarci, in una recente serata di presentazione dei progetti finanziati con l’OPM valdese, che SOLO con le cellule embrionali si possono fare alcuni tipi di ricerche importantissime per alcune malattie neurologiche rimaste altrimenti ancora incurabili… come ad es. mi pare una certa “Kore”, una sindrome che ti fa sembrare in preda a un delirio di danza, o …un “ballo di s. vito” se si vuole, e invece purtroppo sono i muscoli che ti partono da soli, sotto l’impulso dei nervi malati… fino alla morte.

    La dott. Cattaneo ci ha anche raccontato che la cosa più importante per lei e la sua equipe di ricercatori, in gran parte cattolici, nell’ aver ricevuto un fondo OPM della chiesa valdese per la ricerca sulle staminali embrionali da lei condotta, più che l’importo in sé (piccolo, come tutti i nostri fondi…ricordo a tutti che la chiesa valdese riceve oggi 6 milioni, contro i 990 della CEI e gli 80-90 milioni dello stato – spesi malissimo come sapete, ormai da anni…), è stata la vicinanza di un’altra chiesa cristiana che li capiva, come …“un raggio di sole sulle loro coscienze, ormai molto rattristate dalla scomunica “de facto” ricevuta dalla loro stessa chiesa, mente erano convinti di fare qualcosa di buono e doveroso, nel loro mestiere, per alleviare le sofferenze del loro prossimo”… (“sic” – o giù di lì…)

    Beh, spero di essere stata utile… cari amici, UAAR, firmate per chi volete, ma spero almeno apprezziate la trasparenza e la coerenza… nemmeno un euro va alla costruzione di nuove chiese, o a stipendiare i nostri pastori e pastore – che ci paghiamo rigorosamente da soli – e questo E’ SICURO, ve lo dico dall’interno (siamo sempre “in bolletta!” come si suol dire;-)…). Grazie a tutti per l’attenzione, Simona – una cittadina laica, cristiana, valdese

  53. Andrea (Milano) scrive:

    @ brunaccio

    OFF TOPIC
    Non si trattava di un giudizio sulla tua persona ma su un certo modo di approcciarsi allo sbattezzo, nel quale ho riconosciuto il tuo.
    Inoltre ho specificato che il mio giudizio non lo ritngo per nulla il più giusto o assoluto, ho solo detto che la pensavo diversamente.
    Non volevo giudicarti come persona, volevo solo esporti una posizione.
    Spero che non porterai rancore per questo, come avevo già detto nel post non era mia intenzione offenderti, perchè (anche se non lo adotterei in prima persona) rispetto il tuo punto di vista che è essenza indiscutibile dell’espressione della tua libertà.
    mi spiace davvero che te abbia frainteso la mia posizione, inquanto come ho sempre detto ho sempre stimato i tuoi commenti (dunque le tue posizioni).
    Un’ultima domanda: la parola ragazzino, che usi cion tanto disprezzo, la attribuisci a una persona in base a che criterio?

  54. Ivo Mezzena scrive:

    Meno soldi alla chiesa, meno pedofili stipendiati…

  55. i.v. scrive:

    quando arriveremo al 2% delle firme, e di conseguenza questi signori dovranno rammendarsi gli addobbi da messa, potremo dire di vivere in uno stato laico!

  56. mariaeus scrive:

    Eppure, non è difficile.
    Basterebbe inserire un codice nel Mod. 730 o Unico nella casella di scelta per l’8xmille, esattamente come si codifica l’add.le reg.le o com.le.

    Ma così non fanno, preferiscono una firma in busta chiusa destinata al macero e decidere le percentuali a tavolino.

    Chiesa ladra!

  57. Apostata scrive:

    Un calo del 3% in fondo non è un gran che; la fettona della torta che gli resta è comunque bella grande. E vedrete che quei milioni perduti in qualche modo li recupereranno. Magari grazie alle benevole elargizioni dello Stato, come un aumento dei contributi alle scuole private e parificate, ai fondi per la manutenzione degli edifici religiosi, intesi alla stregua di beni artistici e culturali da proteggere, anche si tratta di orrende costruzioni postmoderne, sostegni a iniziative culturali e sociali di rilevante interesse e così via. Non credo che si stiano stracciando le vesti. Al limite, se dovesse proprio andare male, gli resta sempre la vendita dell indulgenze.

  58. Marco C. scrive:

    “certo che qui in parecchi c’ hanno “lobby” di sparar bischerate.”

    E quale sarebbe la bischerata ?
    Dire che il Vaticano ha albergi, appartamenti, banche ?

  59. ser joe scrive:

    Tempi duri anche per i vescovi. Spero di trovarli in fila all’ufficio di collocamento con gli altri disoccupati.

  60. peppe scrive:

    Tempi duri anche per i vescovi. Spero di trovarli in fila all’ufficio di collocamento con gli altri disoccupati.

    Speriamo di no. Già preti e suore hanno fatto incetta di social-card a scapito dei contribuenti italiani. Se questi parassiti si iscrivono pure al collocamento penso che non ci sarà da sorprendersi se fiotte di disoccupati prenderanno d’assalto chiese e monasteri… con giusta ragione peraltro.

  61. peppe scrive:

    Al limite, se dovesse proprio andare male, gli resta sempre la vendita dell indulgenze.

    Finchè a finanziare la CCAR ci sono le pecore del gregge anelanti perdono, io non ho nulla in contrario. E’ quando mettono le mani in tasca ai non credenti o ai diversamente credenti (il che succede puntualmente) che si crea il problema.

  62. Sua Beatitudine Marcinkus IV scrive:

    La ricerca sul cancro deve far affidamento sulla vendita di arance ed orchidee fatta da volontari a chiedere l’elemosina sulla pubblica piazza.
    Una vera indecenza: Cristo dovrebbe sterminare questi politici corrotti che hanno trovato questo escamotage per far confluire denaro fresco allo Stato Canaglia più corrotto del globo!

    http://www.google.com/search?client=safari&rls=it-it&q=Vaticano+stato+canaglia&ie=UTF-8&oe=UTF-8

    Avanti popolo è giunta l’ora,
    chi non lavora non mangerà!

  63. Jan Hus scrive:

    Dal Vangelo di Marco 10:17
    Mentre usciva per mettersi in viaggio, un tale, di nome Joseph Ratzinger, incontrò Gesù e gettandosi in ginocchio davanti a lui gli domandò: “Maestro buono, che cosa devo fare per avere la vita eterna?”. Egli allora gli disse “va’, vendi quello che hai e dallo ai poveri e avrai un tesoro in cielo; poi vieni e seguimi”. Ma Ratzinger, rattristatosi per quelle parole, se ne andò afflitto, poichè aveva molti beni. Gesù, volgendo lo sguardo attorno, disse ai suoi discepoli: “quanto difficilmente coloro che hanno ricchezze entreranno nel regno di Dio!”. E Gesù risprese “è più facile che un cammello passi per la cruna di un ago, che un ricco entri nel regno di Dio”.

  64. popkorn scrive:

    grande simona

  65. tomaraya scrive:

    SEMPRE TROPPI

  66. frank scrive:

    @simona
    Grazie per il cortese intervento.

  67. bob scrive:

    ….poveretti, han dovuto fare di necessità virtù. Regaliamo loro un punteruolo, col quale potranno fare un buco nella cintura che gli regge la tonaca…