San Benedetto del Tronto (AP): inaugurata sala del commiato

Il 1 novembre è stata inaugurata a San Benedetto del Tronto una sala del commiato, presso lo stabile dove ha sede l’area crematoria. La sala (70 metri quadri) è priva di simboli religiosi ed è concepita come luogo multiconfessionale e laico: presenti solo un leggio e una fontana con una vasca circolare, con piante acquatiche e mosaici.

Questo articolo è stato pubblicato martedì, 4 novembre 2008 alle 19:42 e classificato in Generale. Puoi seguire i commenti a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.Non puoi né inviare commenti, né inviare trackback.

Visualizza i commenti o aggiungi un commento

9 commenti a “San Benedetto del Tronto (AP): inaugurata sala del commiato”

  1. fabio l'anticristo scrive:

    ottima notizia!

  2. Bene.
    Piccoli passi per dare diritti civili minimi ai cittadini atei e agnostici

    Questa la sala del commiato (“Sala d’Attesa”) a Bologna:
    http://www.flickr.com/photos/28130842@N04/sets/72157606407026867/show/

  3. Marco C. scrive:

    Un piccolo passo per San Benedetto, un grande passo per l’ateismo.
    Prima o poi, ne sono certo, ne inaugureremo una anche a Macerata!

  4. Miao scrive:

    Giusto per completare la notizia. A SBDT il sindaco è di rifondazione.

  5. Druso scrive:

    Qualcuno può indicarmi se esiste anche a Milano?

  6. Carlo Capriotti scrive:

    Il sindaco e’ del PD. Comunque bravi. E’ meglio finire sulle cronache nazionali per queste cose piuttosto che per concorsi miss italia ed altre amenità

  7. Barbara scrive:

    Bene!Solo non la avrei inaugurata il 1° novembre ricorrenza cattolica.

  8. San Giovese scrive:

    Finalmente. Chissà se la cittadinanza capià l’importanza e il significato di questo gesto o ci sarà qualcuno che chiederà se si può mettere un crocifisso sul muro…
    L’idea della vasca con piante acquatiche mi piace. Mi piacerebbe sapere l’argomento del mosaico(spero non sia la resurrezione di Cristo :-P , se invece il tema è classico verranno additati come satanisti? hihihi).
    Scherzi a parte è un bel gesto di civile laicità(ops, è una ripetizione).

  9. Ben venga anche a Vicenza questa iniziativa che trovo splendida, pertanto, sprono la sezione della città del Palladio.
    SalutiBelli,
    sal