“Confessioni” di un esorcista del maceratese

Sdoganato da Papa Ratzinger, che ne ha riaffermato l’esistenza scatenandogli contro una vera e propria guerra spirituale, il demonio è tornato — almeno formalmente, se mai se n’era andato — nelle diocesi di tutta Italia.

Presenza ingombrante, la sua, come forse non ci si rende ben conto, ma come certamente sa chi contro queste manifestazioni diaboliche quotidianamente lotta. E’, caso più unico che raro, un sacerdote di un piccolo convento dell’entroterra maceratese.

Ogni martedì e venerdì il suo piccolo studiolo — una stanzetta spoglia, un tavolo rotondo con un paio di sedie, e pareti su cui campeggia l’immagine di San Michele Arcangelo che calpesta il capo del demonio — accoglie uomini e donne, giovani e vecchi, studenti universitari, casalinghe e commercianti.

[...]

L’articolo completo di Benedetta Iacomucci è consultabile sul sito del Resto del Carlino 

Tag:, ,

Questo articolo è stato pubblicato mercoledì, 19 marzo 2008 alle 14:06 e classificato in Generale. Puoi seguire i commenti a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.Non puoi né inviare commenti, né inviare trackback.

Visualizza i commenti o aggiungi un commento

58 commenti a ““Confessioni” di un esorcista del maceratese”

  1. dadaLito scrive:

    ti toglie la fattura demoniaca, per darti quella imponibile

  2. Giovanna scrive:

    Ah questo revival del demonio cade giusto ad hoc di questi tempi!!!

  3. nero scrive:

    ma perchè non interviene l’istituto di igene mentale?

  4. Kaworu scrive:

    wow, ha anche il tavolino che si solleva in perfetto stile “spiritista anni trenta”?

  5. nero scrive:

    sbaglio o anche Vanna Marchi usava il sale

  6. piersky scrive:

    Se il demonio esistesse, ratzinger ne sarebbe la sua emanaione terrena

  7. marco melli scrive:

    # nero scrive:
    19 Marzo 2008 alle 14:31

    ma perchè non interviene l’istituto di igene mentale?

    Spero che intervenga anche qualche insegnante di italiano comunque

  8. ren scrive:

    Attenzione attenzione! Tutte le ragazze in possesso di un gatto nero in Italia comincino a fare domanda di espatrio. La prossima mossa sarà la caccia alle famose streghe.

    Si, servirebbe l’Istituto di igiene mentale …

  9. Barbara scrive:

    Ma come si fa nel 2008 a credere al diavolo?! D’altronde come ha detto nero c’è chi ha creduto in Vanna Marchi e company.

    Certa gente e proprio idiota e non parlo solo di gente ignorante perchè non istruita.

  10. nero scrive:

    per mandare via il demonio dall’Italia è necessario mandare via b16

  11. lacrime e sangue scrive:

    Le possibili cause della possessione demoniaca sono problemi psicologici:
    1) malattia mentale
    2) disagio familiare (donne casalinghe frustrate e sottoconsiderate che reagiscono cercando di attirare l’attenzione su di sè…)
    3) familiari convinti che il modo di vivere del soggetto sia demoniaco
    4) superstizione ed ignoranza abissali nei confronti di malattie o comportamenti normalissimi (polluzione notturna, insonnia etc.)
    La chiesa ci lucra alla grande, soprattutto sui fenomeni di disagio familiare, dove non sono presenti malattie mentali ma necessità di visibilità da parte di un membro sottovalutato e sottostimato…

    A proposito di Ratzinger: se non esiste il demonio, non c’è nemmeno l’inferno (visto che è il buco dove dovrebbe stare il caprino e cornuto ex-angelo).
    Il papocchio doveva per forza riaffermarne l’esistenza, sennò oltre al limbo doveva cancellare anche i pentoloni di pece bollente – CHE CI ASPETTANO FUMANTI!!!!! E poi, la grande meringa bianca (S. Benni) ha due chiavi: che senso ha possedere due chiavi, se una delle porte non esiste? Niente inferno, magari poi si può pensare che non ci sia nemmeno l’altra porta del paradiso…

  12. Paolo Garbet scrive:

    Magari il demonio esistesse davvero, così un po’ di concorrenza tra entità soprannaturali potrebbe migliorare il mercato dell’aldilà con una varietà di offerte. In fondo non è detto che passare l’eternità a contemplare la luce sia la cosa più interessante. Ad esempio un demonio al passo con i tempi potrebbe proporre villette a schiera in luoghi caldi (!) con annesse demoniette un pochino zo**ole per tenere compagnia ai dannati.

  13. faidate scrive:

    Ricordiamoci che le persone che affollano lo studiolo dell’esorcista sono in gran parte dei credenti che, così come seguono le sue procedure, obbediscono anche agli indirizzi di voto che provengono dal loro capo spirituale e dai suoi impiegati, e anche da loro dipende il nostro futuro.

  14. nero scrive:

    marco melli scrive:
    19 Marzo 2008 alle 14:45
    potevi aggiungerla,

  15. nero scrive:

    @ Marco
    una “i” la si può aggiungere in qualsiasi momento, ma i docenti d’Italiano lasciamoli in classe a ripetere stupidaggini sull’Inferno, Purgatorio e Paradiso.

  16. alfredo scrive:

    certo che ci sono il demonio e l’inferno!

    Non l’avete ancora capito chi comanda?
    Attenti!

  17. Pietro Schioppetto scrive:

    da come ne parlava padre Morther , in una sua raccolta di domande e risposte , sembrava si parlasse di DnD.

  18. darik scrive:

    “Le sono capitati casi di possessione diabolica? “La maggior parte della gente è colpita da malefìci. Che si combattono con riti e preghiere di liberazione. ”

    la migliore wanna marchi!…

    mi domando se la superstizione sia figlia della religione o…….viceversa!?

    forse sono sorelle; figlie della paura e dell’oscurantismo.

    brrr!!! ke orribile famiglia!

    darik

  19. nero scrive:

    sia come sia per poter esercitare la professione di esorcista devi essere laureato in teologia.
    La Marchi la laurea non l’aveva

  20. L’ultima conferenza del ciclo “Nessun Dogma, i martedi’ della cultura laica”, organizzata dal circolo UAAR di Bologna, e’ in programma martedi’ 25 marzo a Bologna, Sala Silentium di vicolo Bolognetti 2.
    Si parla di Demonologia: superstizione, esorcismi e pensiero magico
    con SALVATORE LIMONGI, docente di filosofia, università di Bologna.

    Ciao
    Roberto Grendene

  21. IDIC2 scrive:

    Un tizio muore e finisce all’inferno. Mentre attraversa la soglia tremebondo e impaurito viene accolto da una donna bellissima. Entra è si ritrova in un luogo da sogno; un enorme giardino, con bungalow, piscine , biblioteche insomma un posto da re.

    La “hostess” gli assegna un bungalow fornito di tutte le comodità e lo educe sulle regole della casa che consistono più o meno nel godersela per l’eternità

    “Solo una cosa – aggiunge uscendo – Lo vede quelle muraglia laggiù (e indica un’alta muraglia distante quache km)… beh, non cerchi mai di scoprire cosa c’è oltre”.

    E se ne va.

    Il nostro si abitua presta a questa sua entusiastica vita, tra parentesi la compagnia è di alto livello, ma, in fondo in fondo ha sempre sto tarlo che gli rode: cosa c’è al di la del muro.

    Per farla breve, ad un certo punto so procura una scala, e finalmente volge lo sguardo sul territorio proibito… e cavolo, ci rimane… fuoco, piogge di zolfo, diavolacci con forconi che tormentano povere anime, pianti e stridor di denti ;) )))

    “Cosa fa lì, cosa le avevo detto…- scenda, presto” dice la bellissima hostess improvvisamente apparsa ai piedi del muro.

    “No, mi scusi, davvero, non lo farò più…. non mi mandi di là, lo giuro è l’ultima volta…. mi creda”, balbetta l’uomo terrorizzato.

    “Ma sì, stia tranquillo, non le succederà niente. Vede, quando le ho detto di non guardare mai al di là del muro, era per non farla spaventare… sa le scene sono un po’ forti e non tutti….”

    “Davvero, è terribile….ma, mi dica, cos’è quel posto… chi sono quelle persone?”

    “Ah quelli… quelli sono i cristiani… e quello è il loro inferno… bah, l’hanno voluto così!”

  22. Claudio scrive:

    L’articolo inizia con un errore. Ratzinger non lo ha riabilitato . E’ stata sempre una verità della fede cattolica. La prima attività che cristo compie e esorcizzare.
    Per dire di come la gente parla e poco sa.
    Grazie

  23. GIANNI scrive:

    @ Barbara

    certa gente è proprio idiota..” hai ragione , certa gente è proprio idiota…rimane da stabilire se lo è chi crede o chi non crede all’esistenza del demonio…

  24. lacrime e sangue scrive:

    @GIANNI e Claudio
    Forse non conoscete i vostri stessi teologi: sono circa duecento anni – e qualche medievale l’aveva anche anticipato – che la grande teologia, non
    la baracca giostrante del Catechismo, ha espresso l’opinione che inferno=privazione della visione diretta di dio e non fiamme e forconi; diavolo=personificazione dell’angoscia umana per la lontananza da dio.
    Ma credo che voi due non siate abbastanza colti per conoscere Hans Kuhn…

  25. Kaworu scrive:

    @gianni

    direi che è buona la prima che hai detto.

    del resto io sono anche favorevole a questa selezione naturale…

    che i beoti vengano spennati e soccombano.

  26. lacrime e sangue scrive:

    Per vedere un calcagno crocifisso:
    http://www.antoniolombatti.it/b/Frodoteca.html
    Scoperta del 1968, il chiodo è trasversale e non frontale, per i due piedi e non unico…

  27. Akrasias scrive:

    @lacrime e sangue
    Vita eterna? Riflessioni sull’aldilà (H. Kung)
    Non fare tanto il saputello che non sai scrivere neppure il cognome:”Vita eterna? Riflessioni sull’aldilà” (H. Kung)
    Ma tu l’hai letto tutto il libro?

  28. Akrasias scrive:

    @Kaworu
    Se come dice Dennet, la religione è un fatto frutto dell’evoluzione naturale e non finirà tanto facilmente, sarebbe interessante chiedersi chi allora sarebbero i beoti?

  29. vico scrive:

    trovo affascinante dal punto di vista antropologico questi riti. Vicino a Forlì sorge la ridente cittadina di Sarsina che consiglio di visitare, anche per il bellissimo museo archeologico.Nella locale basilica di San Vicinio viene imposto il collare del santo per cacciare il demonio, con annesse leggende.Sono cerimonie di sapore barbaro, rigurgiti di arcaiche superstizioni.
    D’altronde i nomi dei demoni sono spesso quelli delle divinità concorrenti di Javè il che dimostra che Berlusconi, nel demonizzare gli avversari è un vero dilettante.

  30. lacrime e sangue scrive:

    @Akrasias
    Gentilissimo come sempre, e come tutti i tuoi compari cattolici… Controllato su internet di corsa come si scriveva, vero?
    Comunque, saputello (grazie del complimento: sapevo già che leggere e diffondere il sapere offendeva i cattolici, quindi è con piacere che constato di aver colpito nel segno anche nel tuo caso; vi brucia farsi ricordare che i propri teologi stanno abolendo l’inferno e il diavoletto cornutone) a parte, ho letto questo e ben altro, ma almeno IO mi ricordo i contenuti, a differenza tua, che hai memoria solo di quello che ti fa comodo…

    A tua edificazione consiglio: Ute Ranke-Heinemann, Francesco Saba Sardi, Guy Bechtel, Luigi Lombardi Vallauri, Jacques Le Goff (L’immaginario medievale, 1985, tr.it. Laterza 1988, Mondadori 1993, pp.123ss; va’, che ti aiuto, sennò ci metti una vita a capire cosa leggere…), Anonimo (Contro Ratzinger, I e II, della ISBN), tutto Deschner ovviamente, Gianni Grana (on-line al sito http://www.giannigrana.it), bertrand Russell. Bah, tanto per cominciare, ovvio…

    Sapere aude!!!

  31. Kaworu scrive:

    @akrasias

    gli ingenui che buttano soldi e vita in certe idiozie ad esempio.

    non certo chi su queste idiozie ci campa ;)

    sai, per far funzionare la religione c’è bisogno di entrambe le cose, se vengono a mancare i beoti, i furbi non mangiano più.

  32. Guastardo III di puglia scrive:

    @ Paolo Garbet scrive:

    SEI UN GRANDE HAHAHA

    ………………………………………………………………………………………………………..

    <>
    …prossimamente NELLE DIOCESI DI TUTTA ITALIA

  33. Ale scrive:

    Sto leggendo tutti i commenti qui presenti.E’ veramente impressionante come la fede in Gesù Cristo sia proprio una favola per molti di voi.

  34. Kaworu scrive:

    @ale

    se vuoi trovare chi crede alle favole, fai meglio ad andare sul sito dei cattolici romani ;)

    oltretutto non è la fede la favola, è la cosa in cui hanno fede che è una favola.

  35. vico scrive:

    @ALE
    IL CRISTIANESIMO E’ UNA DELLE PEGGIORI FAVOLE DELLA STORIA, SENZA LIETO FINE E MILIONI DI MORTI A CARICO,

  36. bardhi scrive:

    @ lacrime e sangue
    come mai il sito http://www.antoniolombatti.it/b/Frodoteca.html è tutto fotografie è non pagine html con link e vari

  37. Andrea scrive:

    Che pietà che mi viene leggendo queste dichiarazioni, leggendo la piccola intervista del resto del carlino ho rivissuto le esibizioni del mago gabriel quando lo facevano vedere a mai dire tv, in particolare quella sui folletti del bosco. Io mi auguro che sia davvero poca la gente che prende sul serio ste cose.

  38. lacrime e sangue scrive:

    @Bardhi
    A parte il fatto che ho il sospetto di aver sbagliato filo per il mio post sulla crocifissione, ecco un link con bibliografia http://www.enricobaccarini.com/Misticismo/sacra-scr-teol-c-0101.pdf
    con una citazione:
    “Sempre il Bernabeo richiama la concordanza tra questi rilievi sindonici con l’esame obiettivo dei resti di Yehonan, crocifisso durante la guerra giudaica, ritrovati nel 1968 presso la necropoli di Giv’at ha Mitvar (ora zona residenziale di
    Gerusalemme). 1 reperti sono stati studiati da Nicu Haas del Dipartimento di Anatomia della Scuola Medica “Hassad”. Posti nel 1994 al Rockfeller Centrum ora
    sono stati trasferiti nel nuovo grandioso Museum of Israel, in un edificio posto
    accanto allo Shrine of the book (Santuario del Libro) che custodisce i testi di
    Qumran. Ora questi reperti mostrano il radio destro eroso a livello del carpo per
    la probabile rotazione dell’avambraccio attorno al chiodo che teneva affisso il
    cruciario (l’ulna era troppo frammentata per evidenziare lesione alcuna), il
    calcagno sinistro e il frammento di un osso tarsale del piede destro trafitti da un
    grosso chiodo a testa piatta e gambo squadrato lungo 13 cm e infisso su un
    pezzo di legno d’ulivo, la tibia spezzata prossimamente in conseguenza del
    crurifragio.
    R. A. BERNABEO, Le stigmate come fenomeno storico-scientifico, in Studi su
    Padre Pio, I, gennaio – aprile 2000, pp. 65-82.”

  39. macs scrive:

    poveraccio pure satanasso, non sta più in pace nemmeno lui….

  40. Claudio scrive:

    @ lacrimeesangue
    Come vedi la teologia ha varie anime. Però se tu non conosci evita di citare. Kung dice una stronzata nella misura in cui ripeto é presente nei vangeli la figura del diavolo, Cristo è venuto per infrangere le opere del diavolo, diversamente non si capisce la sua venuta. Tanto è vero che le sue prime attività sono state quelle di scacciare demoni dando il potere a tutti coloro che in lui credono il potere di farlo. Il creato comprende anche entità puramente spirituali, intelligenze pure. Alcune si sn ribellate a Dio. I motivi con cui i teologi spiegano sn svariati. Insomma è verità di fede. La chiesa ufficialmente non ne ha mai negato la presenxza nè mai avrebbe potuto farlo. Certo rimane il fatto che alcuni preti e vescovi non vi credano. Ma vanno contro i vangeli.

  41. lacrime e sangue scrive:

    Claudio,
    io capisco che sei in buona fede, che vorresti portarci tutti a dio, sperando di far cosa buona, di salvarci da noi stessi, per amore; ma qui si tratta di farci credere agli spiriti.
    1) A quale diavolo fai riferimento? Nella bibbia ci sono entità non umane di vario tipo. Gesù prende per esistenti queste entità, come d’altronde la setta di Qumran. Ma per brevità, ti invito a leggere un sunto della storia del demonio in http://www.coscienza.org/Diavolo.htm (articolo di Andrea De Pascalis) [ho scelto il sito di un credente per venirti incontro]
    2) ci chiedi di credere in un tizio con le corna e le zampe caprine, copiato spudoratamente dai fauni greci e romani?
    3) ci chiedi di credere in un tizio che ci promette salute, benessere economico, felicità, amore, sesso, piacere in questa vita?
    4) Ci chiedi di credere che influenzi la storia umana: fu dio ad assassinare i primogeniti in Egitto, fu dio ad annegare tutta l’umanità nel diluvio (compresi i popoli che non lo conoscevano, perchè stavano in Europa, America, Africa, Asia o Australia, visto che all’epoca lo conoscevano solo quattro gatti in Palestina; ma se li ha annegati, come mai Colombo li ritrova nel 1492?) e fu dio a fare parecchie altre porcherie… Satana non può davvero competere con la “bontà” di dio
    5) mai sentito parlare di lettura simbolica della bibbia? Se accetti per vero tutto come “Parola di Dio” letterale, allora per coerenza devi accettare che è il sole a girare attorno alla Terra, solo per citare un esempio.

    Gesù e i suoi seguaci credevano che il giudizio fosse vicino, vicinissimo, che nessuno di loro sarebbe morto prima di parteciparvi: come può dio sbagliarsi di brutto? Fai una ricerca seria, senza preconcetti, e scoprirai che nel Valgelo c’è scritto che il mondo doveva finire mentre loro erano ancora vivi… Questo errore di previsione invalida l’ipotesi che gesù sia dio.

  42. Claudio scrive:

    CAro amico, io non ti voglio convertire. Basta che tu ti comporti secondo coscienza. Poi credi acosa ti pare più giusto. In quello che dici ci sono alcune imprecisioni. Il fatto che il diavolo abbia corna e forcone è un’immagine popolare di tipo medievale. Il demonio come gli angeli sono puri spiriti. Il male non è assenza di Dio , ma è un essere personale, puro spirito. Questo insegna la dottrina cristiana. Chi dice il contrario puoi chimarlo eretico e tranquillizzarlo che nessuno lo brucerà, ma che è in errore. Non attribuisse al dottrina cristiana cose che non dice. Certo non è un altro dio. E’ una creatura.Gli angeli ti meravigli che non li vedi? Chiaro, non sono materia!
    Poi ci si può credere, ci si può non credere. Certo è che risulta un fatto affato strano come un bambino possa mostrare una forza sovrumana e parlare lingue sconosciute addirittura aramaico antico che è conosciuto solo da studiosi. E’ strano che l’ostia consacrata generi sulla lingua ustioni di 3 grado.
    La possessione tuttavia è fatto eccezionale. La chiesa raccomanda di distinguere i casi di malattia mentale da quelli di possessione vera. Il codice di diritto canonico richiede che si riscontrino fatti quali il possedere una forza sovrumana, conoscenza di cose oscure e lontane, parlare lingue sconosciute, avversione alle cose sacre.
    Io conosco un sacerdote esorcista e ti assicuro che è persona credibile e mi ha raccontato cose assurde. Le ha viste con i suoi occhi perchè non credergli?
    Poi fai riferimenti ai fatti raccontati nel vecchio testamento. Fermati o sole è chiaro che è una cosa inesatta perchè affondava nelle convinzioni del tempo.
    Il fatto che gesù non sia Dio non può essere provato affatto.così come non può essere provato che sia Dio. E’ fatto di fede. La fine del mondo nessuno può sapere quando avverrà. Solo Dio. Ti esorto a leggere i vangeli e vedere come Gesù non ha mai detto che era prossima la fine del mondo.

  43. nero scrive:

    Claudio scrive:
    20 Marzo 2008 alle 13:
    Come vedi la teologia ha varie anime.

    Inizia a pregare per le anime bruciate dal “Summis Desiderantes Affectibus” di Innocenzo VIII e successivamente dal “Malleus Maleficarum” approvato dai padri della chiesa Alessandro VI, Giulio II, Leone X, Adriano VI. Carnefici, altro che dotti padri della chiesa, questa è la gentaglia che difendi in nome di lui e in sua vece de diavolo che infesta le diocesi Italiane. Quando sarà fatta giustizia per tanta povera gente.

  44. nero scrive:

    Vangeli estremamente attendibili quali fonti storiche.

  45. nero scrive:

    l’immagine del demonio non è quella descritta dal popolo ma ciò che salomonicamente viene descritto nella bibbia.

  46. nero scrive:

    il demonio è descritto con dovizia di particolari nella bibbia da cui poi la gente ha tratto ispirazione. Salomonicamente citando

  47. Claudio scrive:

    Nero. Ripeto i tribunali laici erano più efferati di quelli ecclesiastici. Informati! In ogni caso si è sbagliato. Si è chiesto perdono. Si guardi avanti… E soprattutto si gurdi anche al tanto bene che fa la chiesa. Gli uomini sbagliano, si sa. E se continuano a sbagliare è anche colpa della comunità. Facile puntare il dito. Bisogna sostenere ad aiutare chi sbaglia, nella chiesa come fuori. Trovami il passo della bibbia a cui ti riferisci. Poi ne riparliamo.
    ti saluto

  48. Daniela scrive:

    per akraisas,
    dennett è un ateo e insieme a richard dawkins e harrris, è uno degli intelettuali più importanti del mondo anglosassone e non solo, e se avessi letto il libro “rompere l’incantesimo” dennet paragona la religione a credenze irrazionali, a superstizioni, elementi irrazionali che al giorno d’oggi possono essere dannosi e nocivi per l’essere umano, d’altronde non si nega che il cervrello abbia una parte razionale e una irrazionale, però ci si aspetta dalle persone che nelle loro scelte di vita usino la parte razionale o che se proprio vogliono usare la parte irrazionale, che lo facciano senza danneggiare gli altri.

  49. nero scrive:

    informati! i tribunali laici da chi venivano indottrinati?

  50. nero scrive:

    informati! che ruolo hanno avuto gesuiti, domenicani in particolare e francescani

  51. nero scrive:

    il santo uffizio ex inquisizione è attualmente presieduto da razi e il martello delle streghe è ancora lì ma cosa vuoi guardare avanti

  52. nero scrive:

    che mi tocca fare.
    claudio leggiti “rilevazione” capitolo 13 Tutto e informati

  53. nero scrive:

    scusa “rivelazione”

  54. lacrime e sangue scrive:

    Caro Claudio,
    Perchè mi induci in tentazione? E’ così facile trovare la risposta alla tua domanda!
    Ecco un brano del Vangelo di Marco, 13, 28-32 dove Gesù dice che vedranno la fine dei tempi prima di morire (quindi entro un trentennio-quarantennio al massimo):
    “Dal fico imparate la similitudine: quando vedete che il suo io si fa tenero e mette le foglie, voi sapete che vicina è l’estate. Così anche, quando vedrete tutte queste cose, sappiate che il Cristo sta per venire. In verità vi dico: non passerà questa generazione che non mi volle, prima che tutto ciò avvenga.”

    “In verità vi dico: non passerà questa generazione che non mi volle, prima che tutto ciò avvenga.” = la fine dei tempi era prevista per gli anni ’50-’60, ’70 al massimo del I secolo d.C. = “questa generazione”, non le seguenti 5 per secolo (=95 generazioni)

    Claudio, la tua fede ti rende felice, vedo che ti offre molta consolazione, ma rende anche troppo sicuri di sè…
    Rifletti con calma sulle parole di Gesù. Non rispondere subito, prenditi tempo e analizza il significato della previsione di Gesù.

  55. emmeesse scrive:

    Bah, direi che Claudio (essendo mio omonimo uso il nick per evitare confusioni) non e’ irrazionale.
    Il problema e’ il presupposto. Claudio crede nelle fonti che cita. Noi no. E potremo e vorremo sempre avere discussioni civili con Claudio. Ma questo empasse sulle fonti temo sia irrisolvibile…

  56. lacrime e sangue scrive:

    @Claudio
    Ecco dal Vangelo di Marco, 13, 28-30:

    28Dal fico imparate questa parabola: quando già il suo ramo si fa tenero e mette le foglie, voi sapete che l’estate è vicina; 29così anche voi, quando vedrete accadere queste cose, sappiate che egli è vicino, alle porte. 30In verità vi dico: non passerà questa generazione prima che tutte queste cose siano avvenute.

    “non passerà questa generazione prima che tutte queste cose siano avvenute” = sarete ancora vivi quando il giudizio verrà. Sono passate più di 95 generazioni da allora e quei fedeli sono polverizzati da secoli…
    Claudio, rifletti su questa previsione di Gesù: lui credeva che “tutte le cose” (la fine dei tempi e l’arrivo di dio) fossero vicine, così vicine da poterle vedere durante la SUA generazione.
    Vedi che questo non toglie nulla al suo messaggio positivo (rispetto del prossimo, pace, tolleranza etc), che va bene per chiunque cristiano o non cristiano perchè ha validitù umana.
    Cosa cambia? la divinizzazione di Gesù non può essere accettata, perchè un dio che sbaglia clamorosamente la previsione del Giudizio non è affidabile.

    Perchè attaccarsi ad un libro scritto da uomini? Se hai fede, e so che ce l’hai, dovresti credere oltre le parole degli uomini, cioè arrivare alla spinoziana “religione naturale”, che non ha bisogno di dogmi umani perchè non attribuisce a dio nessun attributo umano (bontà, collera, volontà etc. sono caratteristiche umane che diminuirebbero il grado di divinità di dio).
    Un dio de-umanizzato dai difetti e dalle emozioni degli uomini sarebbe già meno vicino alla superstizione… Riflettici, aspetta a rispondere, rifletti ancora…

  57. Claudio scrive:

    @Lacrime e sangue
    MAtteo 24, 36 deve essere letto con i versetti in cui i discepoli chiedono quando verrà distrutta gerusalemme, cioè i versetti precedenti. Per quel che rigurda la fine del mondo- discorso che gesù intreccia al precedente- Gesù dice che quel giorno nessuno lo sa, neanche il figlio dell’uomo. Infatti il tempio di Gerusalemme venne distrutto nel 70 a.C. Circa una generazione dopo il discorso tenuto da Gesù. Tutto coincide.
    Certo il messaggio di Gesù è utile anche ad un credente, ma certo questi versi – come vedi- non possono ninficiare la divinità di Gesù. Tu credi che se così fosse stato la chiesa nel corso dei secoli, visto che attentava alla fede, non l’avrebbero corretto o manipolato? Credo proprio di si!!!!

  58. Claudio scrive:

    Se vuoi rispondere puoi farlo a labeonis@gmail.com