Bertone, il personal trainer del governo italiano

Ieri Prodi e altri sette membri del governo (D’Alema, Mastella, Bindi, Turco, Fioroni, Parisi, Letta – tutti del PD più un Udeur) hanno pranzato con il segretario di stato vaticano Bertone. L’occasione è stata data dalle necessità (?) di celebrare i nuovi cardinali italiani creati da Benedetto XVI nel corso dell’ultimo concistoro. In serata, Prodi e Bertone si sono nuovamente incontrati a Napoli, durante il convegno interreligioso di Sant’Egidio. Un paese afflitto da gravi problemi come il nostro avrebbe bisogno di una classe dirigente concentrata quasi a tempo pieno sul lavoro da svolgere, piuttosto che su politici che passano il tempo a incontrare il premier dello stato più piccolo del mondo (Veltroni, lo ricordiamo, ha incontrato anch’egli Bertone solo pochi giorni fa).

Il quale Bertone, peraltro, non perde occasione per ricordare a Prodi e Veltroni le leggi che, manzonianamente, “non s’hanno da fare”. Né Prodi né Veltroni, ci risulta, gli hanno mai risposto che, come lo stato italiano non si interessa delle leggi dello stato vaticano, lo stato vaticano non si dovrebbe interessare delle leggi dello stato italiano.

Bertone va anche oltre: si interessa delle delibere del comune di Roma e, stando a quanto ha scritto Marco Politi su “Repubblica”, ha detto a Prodi che sarebbe “meglio non affrontare questi problemi sotto Natale: altrimenti passa l´idea che Roma autorizza le coppie di fatto”.

Facciamo prima fuori i capponi, sembra suggerire il cardinale: solo quelli con le piume, o anche quelli assisi su certe poltrone?

Filed under: Generale

27 commenti

antoniotre82

Indecenza allo stato puro. Mi ritengo solo sfortunato nel vivere nella realtà italiana.
Davvero di polli si deve parlare…cucinati a fuoco lento dalla chiesa che in cambio offre i voti dei cattolici…

Se i primi a non rispettare il principio di laicità dello stato italiano sono i politici al governo, che dovrebbero essere invece i soggetti posti a tutela dello stesso, figurarsi in che stato versa questo principio costituzionale.

Tanto varrebbe cancellarlo.

Ma fra i politici non si indigna nessuno? Nessuno si appella alla Corte Costituzionale per questa illegittimità incontrastata e per questo cattolicesimo strisciante?
A me pare che la chiesa dia al governo e al parlamento dei pareri, e già questo non è legittimo, ma diventano anche dei pareri vincolanti !!!
Siamo come sempre nell’assurdo.

Genea

Che nausea, ma perchè nessuno dice a Bertone di pensare ai fatti suoi? E’ così tanto irriguardoso? Si verrebbe fulminati all’istante?
Ogni volta che leggo queste notizie prendo sempre più seriamente in considerazione l’idea di trasferirmi all’estero.

Flavio Pietrobelli

Solo il virgolettato “autorizza le coppie di fatto” esigerebbe una sospensione istantanea del concordato: non solo le leggi, ora le scelte dei cittadini italiani vengono autorizzate o proibite dal clero. E’ una situazione insostenibile, siamo la barzelletta dell’Europa.

dv64

Chi l’avrebbe mai detto, la fallimentare ideologia comunista alleata con l’ipocrita fede cattolica, il papa quasi loda Marx nella sua enciclica e D’Alema trasognante come la pastorella di Fatima. Questa è la prova della teoria evoluzionista, adattarsi per sopravvivere!
Che tristezza, anzi, che schifo, siamo ancora l’Italietta di Camillo e Peppone che fanno finta di litigare ma sotto sotto… ma in fondo, se è diventato presidente uno che lodò sperticatamente l’intervento dei carri armati sovietici in Ungheria 50 anni fa perchè aspettarsi di meglio dagli altri che lo hanno eletto?

N2RT

“Ma fra i politici non si indigna nessuno? ”

So che il 5/6/2007 è stata presentata la Proposta di Legge Costituzionale (PDL 2729) relativa agli articoli 7, 8 e 19 della Costituzione. E’ stata assegnata alla I Commissione Affari Costituzionali il 3 ottobre 2007.

Secondo me non andrà più in là di così, ma comunque è sempre qualcosa…

se si può, metto il link del sito della Camera riguardante il testo:
http://www.camera.it/_dati/lavori/schedela/apriTelecomando_wai.asp?codice=15PDL0032780

Credo sarebbe importante darne risalto (sempre che non sia già stato fatto).

Saluti

N2RT

Daniela

ma a che gioco stanno giocando i politici italiani, ma non si rendono conto che stanno consegnando l’Italia ad uno statarello teocratico?

Silesio

La casta. Credo che esistano anche postriboli di altro bordo frequentati da politici e cardinali. Purtroppo da noi la ghigliottina non è mai arrivata….

Flavio Pietrobelli

@ N2RT

Una modifica del genere discrimina gli atei come sempre: chi ha fede sarà più eguale degli altri. Bisogna parlare di confessioni religiose e associazioni filosofiche non confessionali (come fannoa altre legislazioni più illuminate), altrimenti restiamo cittadini di serie Z.

Lamb of God

Posso andare controcorrente?

Bertone ha paura. Un po’ meno del Papa, ma ha pur sempre una fifa folle della secolarizazzione e dei rigurgiti laicisti degli ultimi 3 anni.

Vuol tastare il polso e non si sente per niente sicuro.

Massimo

Un pò di onestà intellettuale, per piacere.
Non il Pci da solo ma con il PCI in prima linea fu possibili fare e vincere importanti battaglie per le libertà civili (divorzio, aborto, battaglia contro l’ora di religione nelle scuole pubbliche ecc.)e a difesa delle istituzioni democratiche e della laicità dello Stato.
Il suo smantellamento, se ne sia consapevoli o meno, ha affrettato anche la caduta libera verso posizioni sempre più confessionali ed integraliste.
Chi è contrario a quel che sta succedendo ma ha creduto di potersi battere da solo e non ha saputo far tesoro anche di questa risorsa laica, adesso ci deve anch’esso qualche autocritica.

maxalber

Dobbiamo ringraziare il PCI dell’art. 7 della costituzione.
Divorzio, aborto ecc. sono battaglie combattute in prima linea da PSI e radicali in cui il PCI (di retroguardia…) non ha potuto fare a meno di schierarsi (obtorto collo).
Eviterei di incensare chi non lo merita.
Proprio per l’onestà intellettuale richiesta.

Anticlericale

@ Genea

> Ogni volta che leggo queste notizie prendo sempre più seriamente in considerazione l’idea
> di trasferirmi all’estero.

Non dobbiamo fare questo errore!

Purtroppo il vaticano si è incistito in Italia, ma è proprio per questo che noi dobbiamo rimanere qua per combatterlo e rendere l’Italia un paese LAICO.

BX

Dobbiamo pur renderci conto che di atei veri ce ne sono molto pochi… e non credo che si debba solo (anche, nei casi specifici, ma non solo) prendersela coi politici.
Non dico Ferrara, che non fa mistero di adorare il dio che al momento si presenta più potente, essendo il Potere il suo vero dio… ma anche tanti sedicenti atei in realtà sono solo alla ricerca di qualcosa o qualcuno da adorare. In realtà non vedo molta differenza tra le piazze riempite di folle osannanti, sia che stiano osannando il papa, Berlusconi, ma anche la ‘squadra del cuore’, il rockettaro che canta la trasgressione a suon di milioni per concerto, il divo del cinema che si concede alle masse, il comico che cavalca la cosiddetta ‘antipolitica, ecc, ecc.
In Italia abbiamo il papa, e questa è una palla al piede non da poco, ma non vedo in paesi con legislazioni più avanzate del nostro, la mancanza di questa spasmodica ricerca di miti e leggende.
Dico questo non per scoraggiare le bettaglie laiche, anzi, ma perchè ci si renda conto di come certi muri già abbattuti (divorzio, aborto, ecc) possano essere rialzati con nuovi materiali in forme nuove.

Vittorio

Ormai non mi meraviglio più di tanto, dopo aver visto il Pres. della Regione Campania, baciare nel Duomo di Napoli, la teca col sangue di S.Gennaro subito dopo il cosiddetto “miracolo”. Non bastava solo l’atto di presenza?

Vash

Il Vaticano riesce a fare quello che fa perchè utilizza lo stesso metodo che usava Berlusconi quando era al governo, cioè “se non è in televisione non esiste”.
La maggior parte delle persone purtroppo ragiona così perchè ha una cultura personale troppo scarsa e le vere notizie non se le va a cercare su internet, anche perchè non ha idea nemmeno di come si faccia e leggere troppo li annoia.
Sono assolutamente sicuro che se le cose che sappiamo noi venissero riportate regolarmente anche nelle trasmissioni televive di punta e se i telegiornali facessero davvero il loro mestiere, non solo il vaticano non avrebbe più possibilità di toccare l’Italia, ma tutti i politici clericali verrebbero cacciati e visti come traditori.
Di sicuro basterbbe ricordare agli italiani quali sono i vantaggi fiscali del Vaticano, quali sono i favori che gli vengono fatti e comparare il tutto con quanto pagano di tasse i cittadini e quante ne pagherebbero di meno se il Vaticano sborsasse tuto il dovuto. In questo caso si arriverebbe di sicuro alla rivolta popolare!

Asatan

Concordo con Vash. La totale assenza di informazione ottunde il paese, impedendo il sollevarsi della più che sacrosanta indignazione.

Facciamo 2 conti?

A scuola a qualcuno è stata spiegata la costituzione, il principio di laicità delleo stato, di eguaglianza fra cittadini, etc.?
Io ho avuto la fortuna di avere una prof di scienze che sacrificava un po’ delle sue lezioni per spiegarci a costituzione e farci un po’ di storia delle rivoluzioni sociali in italia (divorzio, abort, ecc..). Ma quanti hanno questa fortuna?

In tv no nsi vede niente di tutto questo. Non è solo il vaticano ad approfittarsi della politica, i nostri uomini politici sono di una tale pochezza da avere bisogno di appoggiarsi a figure forti. Il vaticano gliele offre. Nel tragico vuoto di idee della politica un’informazione imparziale sarebbe catastrofica. Un informazione addomesticata, orientata su 4 regolette semplici per quanto asurde, falsamente rassicurante rende gli italiani delle pefette pecore da pascere.

Sinceramente credo che per fare arrivare alla massa certe informazioni l’unica sia un mass linikng di dati articoli o filmati per renderli più visibili in internet e iniziare a muovere qualcosina. Con “Sex crimes and the vatican” ha funzionato.

Gianni B.

Sicuramente nel 2007 manca quel colossale movimento operaio che negli anni 60-70 faceva da contraltare alla Chiesa, MILIONI di persone incazzate che andavano in piazza e ribaltavano tutto, e come ho già detto in un altro post, l’ultimo vero statista degno di questo nome della sinistra italiana è stato Berlinguer che sicuramente non andava a pranzo con i cardinali e neppure a Gerusalemme.
Oggi le coscienze sono anestetizzate da tutti questi media… televisione (pilotata e deficiente), DVD, Playstation, digitale terrestre, satellite, e ci metterei anche Internet!
La gente non si schioda più da casa per andare fuori a protestare, e questo gioca in modo incredibile a favore dei politici e dei cardinali, che continuano a fare imperterriti i loro porci comodi alle nostre spalle certi che nessuno (o pochissimi) reagirà.
L’unico che è riuscito a mobilitare davvero le folle negli ultimi tempi è stato Beppe Grillo, con tutti i limiti dell’antipolitica che rappresenta… ci vorrebbe un suo comizio tutti i mesi!!!

Marcello Corongiu

Ho una proposta di modifica del concordato (ove non si riuscisse, come temo, ad abolirlo) nella parte realtiva al divieto dei membri della Chiesa di iscriversi e militare in qualsiasi partito politico. Almeno farebbero un partito di prelati e i vari Veltroni, Prodi, Fini e Berlusconi la smetterebbero di coltivare l’elettorato cattolico. Inoltre forse sparirebbero Casini, Mastella & c…

Genea

@Anticlericale
Lo so, fuggire non è la risposta e non è onesto. Lo dico nei momenti di sconforto (tanto con il mutuo sulle spalle e il lavoro qui c’è poco da fare gli esuli). Nonostante questo però continuo a rompere le scatole in giro e, come dice Asatan, pure io linko il più possibile documenti e altro per far conoscere la verità alle povere pecorelle smarrite di questo paese. In fondo se le masse sono così influenzabili in un senso si potrà pure prima o poi invertire la corrente.

Marco.g

“Debbe, dunque, avere uno principe gran cura che non gli esca mai di bocca una cosa che non sia piena delle soprascritte cinque qualità; e PAIA, a vederlo e udirlo, tutto pietà, tutto fede, tutto integrità, tutto umanità, tutto religione. E non è cosa più necessaria a PARERE di avere che questa ultima qualità. (…) perché il vulgo ne va sempre preso con quello che PARE, e con lo evento della cosa; e nel mondo non è se non vulgo; e li pochi non ci hanno luogo quando li assai hanno dove appoggiarsi”

Niccolò Machiavelli, Il Principe

BX

X Alessio di Michele.
Quindi, se ho capito bene, meglio (o meno peggio) un idolo in carne ed ossa piuttosto che uno che non esiste. Quello, tu dici, non esistendo, non muore mai. A riprova di quanto sia vero ciò che affermi c’è la circostanza che da tempo qualcuno si è affannato a proclamare la ‘morte di dio’ ma lui è a ncora lì a imporre la sua non-presenza a tante persone, mentre i suoi rappresentanti in terra ne approfittano proprio perché, tanto, come si fa a dimostrare che è morto chi non è mai esistito… Ma c’è chi, e non parlo solo di sprovveduti, vive intanto dei suoi surrogati.
Dio è sempre stato una droga potente, e non credo che i suoi surrogato possano servire per disintossicarsi: spianano solo il terreno per un suo ritorno in forze. Chi avrebbe mai pensato di ritrovarsi con le religioni a farla da protagoniste come forse mai prima d’ora, al punto da prospettare concretamente con le loro assurde contrapposizioni di mandarci tutti nell’aldilà?

davide

meglio non affrontare questi problemi sotto Natale: altrimenti passa l´idea che Roma autorizza le coppie di fatto”. E allora? che male c’è se Roma, culla del diritto da diritti ad altri che ne hanno bisogno. Meglio non sottovalutare la spinta molto pericolosa della Chiesa secondo la quale solo che rientra entro certi canoni può avere diritti

Alieno

Hanno preso gli ordini da eseguire?E la sparata di D’alema sui matrimoni gay era il prezzo per leggittimarsi agli occhi del vaticano?Fanno schifo

N2RT

@ Fabio Pietrobelli

“Bisogna parlare di confessioni religiose e associazioni filosofiche non confessionali (come fanno altre legislazioni più illuminate), altrimenti restiamo cittadini di serie Z.”

Su questo hai ragione, infatti bisognerebbe aggiungere una frase del tipo “libertà di professare la propria religione o di non averne”. per il resto, penso che basti una Legge successiva alla modifica costituzionale alla quale far riferimento, nella quale si specifica anche quanto dici.

Comunque credo che la presentazione di una tale proposta di Legge Costituzionale andrebbe a rivoluzionare molte cose. Almeno qualcosa è stato presentato e, credo, eliminare la “sovranità” della chiesa può mettere in discussione molte cose: proprio a causa degli articoli in questione siamo cittadini di serie Z, già con una modifica del genere si sale alla serie B. Da lì poi il passo è breve…..

Saluti

N2RT

ciceracchio 2la vendetta

ha ragione beppe grillo la catto medioeval chiesa fa’ le leggi , e gli american ci usano come truppa mercenaria ,,,che schifo

Antonio

Come si spiega la presenza di D’Alema , lui che è ateo e non battezzato ?

strangerinworld

quando ci sono di mezzo i preti
prodi e veltroni non sono meglio di berlusconi

baciapile di Razzinga per il voto delle pecore e dei buoi

Commenti chiusi.