Enciclica papale: la risposta degli atei

Il Papa si tranquillizzi: gli atei non si sentono senza speranza. Anzi, vivono benissimo così, nell’orizzonte attuale della loro vita terrena, senza doversi cullare nella speranza di un sereno aldilà. Questa la risposta della Uaar all’ultima enciclica papale, Spe Salvi, firmata e pubblicata dal Vaticano oggi stesso. «L’esistenza di un miliardo di non credenti al mondo – spiega il segretario dell’Uaar Raffaele Carcano – dovrebbe essere sufficiente per far capire al Papa che l’uomo può vivere benissimo senza Dio, ma con la ragione».

Il Papa, infatti, se la prende in particolare con l’ateismo, che avrebbe provocato «le più grandi crudeltà e violazioni della giustizia». Ma forse si è dimenticato di aprire un manuale di storia: «vogliamo parlare del nazismo, con cui il Vaticano stipulò un concordato poche settimane dopo la sua ascesa al potere? Delle Crociate? Della Santa Inquisizione?», si chiede Carcano.

Per non parlare dell’idea che la scienza sia diventata irrilevante per il progresso dell’umanità, a causa del suo distacco dalla religione. E di quella per cui, a fondamento dell’idea di libertà, debba per forza starci la fede. «Ma come si fa a parlare di fallimento dell’Illuminismo? È all’Illuminismo che dobbiamo la democrazia, la libertà, l’uguaglianza. E poi, sentire parlare di libertà il sovrano di uno stato illiberale, francamente, sembra una contraddizione».Insomma, conclude Carcano, è chiaro che il nemico numero uno di questo Papa siamo noi, gli atei. Ed è comprensibile: «il numero di non credenti sta aumentando. Anche grazie all’attuale Papa e a encicliche come questa».

Comunicato Stampa UAAR del 30/11/2007

Archiviato in: Generale, UAAR

104 commenti

Antonio

Spero che il Comunicato Stampa dell’UAAR trovi spazio sui giornali nazionali di modo che molti possano leggerlo e capire chi sono e come vivono gli atei.

claudio

è grazie all’illuminismo che avete smesso di bruciare e torturare gli “eretici”, è grazie all’illuminismo che le menti si sono liberate, è grazie all’illuminismo che esiste il dono più grande per un uomo, LA LIBERTA’.

claudio

…sentir certe parole mi mette solo tanta rabbia e tristezza, però mi rende ancor più consapevole che la mia scelta di vita mi rende libera la mente.

w la libertà, w l’illuminismo, w garibaldi

Mauriziom_63

un papa antipatico e arrogante, meno male che il suo operato contribuisce all’aumento dei non credenti………….la vera “speranza” è che un giorno la gente apra gli occhi e si accorga di quante menzogne raccontano quelli del vaticano !

Daniele+

“VATICANO, Enciclica: la sofferenza va accettata e condivisa”
Recita un articolo sull’ottimo sito VIVERE-MORIRE dell’ADUC.
“U.E. – ITALIA, La denuncia dagli Usa: in Italia si muore soffrendo inutilmente”
Recita un altro articolo.
Occorre dire altro?

Marco

I clericali sono ridicoli con queste encicliche. Ma chi si credono di essere?? W GLI ATEI!

Silesio

Poveretto. Si sta dando la zappa sui piedi. Si mette ad attaccare la scienza. Il capo degli ignoranti ha preso la parola!

OF

L’ illuminismo é l’ uscita dell’ uomo dallo stato di minorità che egli deve imputare a se stesso.

Kant

Gianni B.

Il segretario di Woityla, oggi papa B16, ha provato a mettere in riga gli islamici e se ne è inimicato 1 miliardo e mezzo in un colpo solo.
Oggi è riuscito a inimicarsi 1 miliardo di atei.
Mancano solo i buddisti… per fortuna che Gesù predicava la pace e la fratellanza universale.
Chi ferma questo Papino piccino picciò, prima che faccia scatenare la III guerra mondiale?

Grazie UAAR di esistere, e complimenti al segretario Carcano per la degna quanto intelligente risposta :)

fabrizio

Ma che volete, i papi son fatti così: 77 pagine per friggere in un elegante latino cose dette e ridette, variando con il bilancino il peso dei vari componenti; che comunque restano sempre gli stessi, ovvero concetti banali e superati dal pensiero sia scientifico che filosofico. Già la famosa Fides et ratio di Giampy II, del 1998, diceva più o meno ‘sta roba qua, partendo dal celebre Conosci te stesso di Delfi. Guarda un po’, anche l’ateo parte da lì, ma fa una strada ben diversa: e niente affatto disperata come la vedono questi tracotanti signori che si permettono perfino di cancellare i dati più ovvi della Storia. Il vero problema è che adesso si scomoderanno in centinaia per commentare queste parole, sui giornali e in TV, con chissa che spreco di erudizione teologica e politica. E tutto ciò accrescerà, come sempre, il peso delle parole di BXVI, che in sé sono ben povera cosa.

OF

noto con piacere che qualcuno ha citato già Kant qualche ultimissima prima

claudio

STANZACENTOUNO scrive:

30 Novembre 2007 alle 15:18
@ claudio:
certo che e’ grazie all’illuminismo, ecco perche’ cercano di demolirlo….

me pare ‘na mossa sbajata…

Zac

Questa enciclica la dice lunga. E’ come se fossimo tornati indietro di mille anni – Religione contro Ragione.
Mi sembra che questo papa e questa chiesa siano stati messi all’angolo e cerchino di liberarsi dando colpi contraddittori di qua e di la, alla cieca.
E’ l’inizio della loro decadenza.

claudio

loro combattono la libertà, l’ateismo e l’illuminismo e noi come ho letto giorni fà rispondiamo “santificando” Ipazia

Aldissimo

Francamente mi sono rotto di sentirmi dire che sono un essere malvagio per il solo fatto di non credere a qualche entità soprannaturale.
Siccome non posso querelare per diffamazione il signor Ratzinger, mi stavo chiedendo se fosse possibile chiedere il sequestro sul territorio nazionale del testo dell’enciclica, in base alla legge Mancino.
(Come al solito, basta sostituire la parola “ateo” con la parola “ebreo”, per rendersi conto della gravità delle affermazioni clericali)

Vash

Siamo sempre alle solite, bisogna che esattamente come il Papa può sfogare la propria frustrazione nei telegiornali, deve essere dirito delle persone da lui insultate di poter fare repliche sempre nei suddetti telegiornali!

lapalissiano

L’inquisizione rispetto ai cento milioni di morti sotto i regimi comunisti ( per parlare solo di quelli) é una candida creatura.
Quello che il papa contesta, giustamente, non é il fatto di essere atei in sé stesso, quanto l’arroganza di chi pretende di guardare gli altri dall’alto in basso, come fate voi, dichiarando una guerra continua alla religione e volendo a tutti i costi ridurla in cenere. Questa si chiama intolleranza e la radice di tutte le ideologie totalitarie risiede proprio li.

watchdogs

beh fosse per lui si continuerebbe a morire di vaiolo, poi dice che la scienza non aiuta!

Lady Godiva

Il Vaticano ha una paura sola: rimanere senza soldi per mantenere il suo enorme apparato.
La speranza, le anime, l’umanità non c’entrano niente.
I danée, quelli vuole.

Aldissimo

@lapalissiano
il signor Ratzinger non contesta l’ateismo in se stesso????

per favore lavati le orecchie o inforca un buon paio di occhiali quando segui le esternazioni del signor Ratzinger… nella sue inutili 77 pagine di enciclica scriva a chiare lettere, nero su bianco, che solo per il fatto di non credere al suo dittatore celeste, la gente è destinata a bruciare in eterno all’inferno, non importa se aiuta le vecchiette ad attraversare la strada.

Apoftegmatico

Da ateo non mi preoccupo affatto di come “sarebbe” il mondo senza Dio, poichè non c’è mai stato.
E finiamola con questa storia della redenzione.
Non sono mai stato un depravato, nè lo sono stati i miei amici e familiari, quindi da cosa dovrei redimermi?

Archeologo

Ben detto, Carcano! :-)
L’utilizzo di queste encicliche serve solo per cercare di creare un nemico agli atei: ossia cerca di muovere i credenti contro gli atei… roba da estremisti, da agitatore di folle. Ma, d’altronde, è solo una ennesima dimostrazione dell’agonia in cui si trova il Vaticano che spera di combattere: la conoscenza, gli atei, le altre religioni (perfino quelle Cristiane) e in realtà qualsiasi cosa che sia “ruba-fedeli”; sempre con maggiore arroganza e tramite lo sfruttamento della fiducia (che ritengo, mal-riposta) dei credenti che ciecamente si fidano nel seguire le ‘istruzioni’ del Papa.
Tuttavia, con queste “uscite” se la gente non “ci casca”, le parole (storielle, la morale e quant’altro) della Chiesa Cattolica saranno sempre meno seguite e più facilmente paragonate a lamentele isteriche. Non tutto il male viene per nuocere :o) ma bisogna, giustamente, stare allerta, per controllare, e evitare che questi attacchi abbiano l’effetto da loro sperato.
Saluti, Archeologo.

lacrime e sangue

Un pò di storia per chi ci/mi odia e sta seminando post al vetriolo.

Lapalissiano: espressione derivata da Monsieur de Lapalisse, famoso nobile francese noto per la sua tendenza a profferire sempre banalità… Nomen omen?

Caro signor Lapalissiano, ti ripago della tua stessa moneta, quella che mi hai gettato addosso alcuni post fa. Non ti lamentare dunque, sei stato tu il mio maestro. Chi semina vento raccoglie tempesta…

Flavio

B16 che denuncia il dilagante ateismo non la pensa in modo differente dai fondamentalisti islamici.

Rapanui

Dai Razzy contina così, sparale ancora più grosse sulla scienza e sull’illuminismo. Anche moltissimi cristiani ragionano e prima o poi si accorgeranno che un papa così non rappresenta più i loro ideali o le loro speranze, ma dimostra solamente il proprio fanatismo,il disprezzo per l’uomo e l’amore per il potere. Le bugie hanno le gambe corte e la storia è lì a testimoniare quanto ha fatto la chiesa per l’umanità.

Magar

@lapalissiano
Noi non vogliamo ridurre in cenere la religione e dar vita a ideologie totalitarie più di quanto tu desideri sgozzare, sventrare e squartare gli atei.

Cosimo

Nessuna crudeltà è mai stata commessa in nome dell’ateismo. Enormi ed infinite crudeltà sono state e saranno commesse in nome della religione. Qual è meglio? risposta del 99.9% degli italiani – inclusi i media servi del potere e i parlamentari zerbini del vaticano: la religione. Non c’è speranza in un Paese migliore.

giordana

Aldissimo: bella l’idea del sequestro! Possibile che lo stato italiano non si senta offeso dai discorsi oscurantisti e velenosi di Herr Ratzinger?

layos

Riporto un passo veramente spassoso:
“L’ateismo del XIX e del XX secolo è, secondo le sue radici e la sua finalità, un moralismo: una protesta contro le ingiustizie del mondo e della storia universale. Un mondo, nel quale esiste una tale misura di ingiustizia, di sofferenza degli innocenti e di cinismo del potere, non può essere l’opera di un Dio buono. Il Dio che avesse la responsabilità di un simile mondo, non sarebbe un Dio giusto e ancor meno un Dio buono. È in nome della morale che bisogna contestare questo Dio. Poiché non c’è un Dio che crea giustizia, sembra che l’uomo stesso ora sia chiamato a stabilire la giustizia. Se di fronte alla sofferenza di questo mondo la protesta contro Dio è comprensibile, la pretesa che l’umanità possa e debba fare ciò che nessun Dio fa né è in grado di fare, è presuntuosa ed intrinsecamente non vera”

In pratica questa è una dimostrazione pseudologica che Dio esiste apriori. In sostanza:
– Se Dio non esistesse, non potrebbe fare nulla
– Fare ciò che non può fare nemmeno Dio, non è possibile
– Se Dio non esiste, nulla può essere fatto.

Quindi non c’e’ via d’uscita. O Dio esiste, o Dio esiste. Chissò il povero Odifreddi, di fronte ad un sillogismo così sfrontato, che razza di capitombolo sulla sedia che farà…..lui che insegna logica.

Stefano P.

Auguro una lunga vita al Papa.
Grazie di cuore per tutto il lavoro svolto a favore dell’ateismo (non è che sotto sotto è un socio UAAR che vuol sgretolare la Chiesa con le sue stesse armi?).

Vassilissa

Gianni B e altri.
ma vi ricordate la figuraccia che ha fatto in sud america, quando è andato a dire agli indios che i conquistadores hanno portato l’amore di gesù 😆

lapalissiano

Magar, io non ho voglia di sglozzare nessuno. La reazione aggressiva e compatta ( certo che in questo sito sono in minoranza) la dice lunga.
Rotolatevi pure nel vostro mondo fatto solo di disprezzo, tanto la chiesa sopravviverà anche a voi.

layos

p.s. Vorrei sottolineare l’uso splendido dell’avverbio “intrinsecamente”. :-)

pope eye

Caro b16,quel tuo sguardo così amorevole e quel sorriso così disteso dicono tutto. Assomigli al protagonista di un famoso film di Murnau…

layos

@lapalissiano

“la chiesa sopravviverà anche a voi”

Gli egizi, i greci, i romani, i maya e tutte le civiltà estinte avrebbero detto lo stesso di tutte le religioni e gli dei che si sono di volta in volta inventati.
Basterebbe che l’India o la Cina ci conquistassero e riducessero in schiavitù, obbligandoci a credere alle loro divinità o a non credere affatto, per spazzare via il cristianesimo nel giro di 3-4 generazioni (così come ha fatto la chiesa cattolica evangelizzando il Sudamerica a colpi di machete).

Lamb of God

Ratzinger fa tenerezza mentre ques’enciclica sembra un grido disperato, quasi che il credente debba andare alla ricerca dell’isola che non c’è fra atei, marxisti, purgatorio ed inferno.

Il paradiso non è manco contemplato!

Comunque il nostro caro Papa dovrebbe leggersi qualche libro di storia un po’ più pluralista, perchè secondo me certe info totalmente sbilenche le ha trovate sul sito di Socci o del CESNUR …

lapalissiano

watchdogs scrive:

30 Novembre 2007 alle 15:57
lapalissiano, intolleranza? arroganza? guardare dall’alto al basso? stai forse parlando del papa?

c’è gente che si è letterlamente rotta le balle di essere criminalizzata da lui e da quelli come te, sappi che in italia (quello stato vicino al vaticano) c’è una costituzione, che ha un articolo 21 che tutela la liberta di pensiero. caspita, come mai la critica verso il vaticano e i papi diventa in automatico arroganza e intolleranza, mentre l’arroganza e l’intolleranza dei cattolici è sempre derubricata a amore?

mi fate schifo, lo dico dal basso all’alto…

Ti descrivi per quello che sei e non meriti alcuna risposta.Te lo dico dal basso verso l’alto, se ti fa’ piacere.

Francomats

Senza speranza sono senza dubbio i non atei, che si sono lasciati abbindolare sul’esistenza di un mondo dell’aldilà abilmente inventato da chi, sul mondo reale intende esercitare il potere su di loro. I credenti non hanno speranza, hanno illusione, e si sa come l’illusione riesca a nutrire e soddisfare ottimamente coloro che persa la fiducia sul reale, proiettano tutte le loro angoscie, paure e speranze sull’irrazionale. Non esisterebbero maghi, fattucchiere, streghe,stregoni, falsi medici, ed insieme a tutti questi, a livelli enormemente superiori, religioni, se l’uomo anzichè poggiare i piedi sulla realtà, quale essa sia, tentasse di eluderla rifugiandosi nelle illusioni.
Quale speranza seguivano quei poveretti che, abbattuti dalla disperazione per i loro gravissimi problemi familiari, perso il senso del reale , si rifugiavano nell’illusione che donava loro Vanna Marchi? E le bombe umane, che con il loro sacrificio si illudono di ottenere il paradiso colmo di fanciulle vergini tutte per loro?

davide

quanto l’arroganza di chi pretende di guardare gli altri dall’alto in basso, come fate voi, dichiarando una guerra continua alla religione e volendo a tutti i costi ridurla in cenere. E allora posso sapere se la Chiesa non ha fatto lo stesso ad esempio coi culti pagani e con tutto quanto non era secondo i suoi schemi?

rosalba sgroia

GRANDI!
Una risposta DOVEROSA, PACIFICA E CIVILE ad un’enciclica piena di attacchi all’ateismo, al laicismo e alle conquiste di libertà e uguaglianza.

Gli atei non lanciano bombe, non gridano vendetta, non usano violenza, ma la ragione di fronte ad accuse che tendono a rinnegare le conquiste della democrazia.
E rispondono con serenità.

:-)

giuseppe

Tranquilli, nessuno ce l’ha con voi, anzi, ma se “anche la speme, ultima dea, fugge i sepolcri” che colpa ne abbiamo ?

lapalissiano

Lamb of God ,

come fai a dire che il paradiso non é contemplato nell’enciclica se ancora non é uscito il testo ufficiale e ci sono solo anticipazioni di stampa che riassumono ? Tipico vizietto, anzi “dimenticanza” dei laicisti!
E poi se non sei credente perché ti preoccupi tanto del discorso sul paradiso ? Hai paura di finire altrove ?

Fausto Sanna

Invito tutti a usare un tono più pacato nella discussione.
Grazie

simone

voi atei accusate tanto la chiesa, ma è solo grazie ad essa che in giro non vi sono più streghe…

Silesio

Adesso che Ratz si è sfogato, speriamo che per un po’ stia zitto. Intanto in nome delle religioni si continua ad ammazzare ed a farsi saltare in aria. Ci vuole un bel coraggio ed una bella faccia tosta per scrivere certe cose.

simone

la chiesa, durante la storia, si è sfogata a sufficienza e a mietuto abbastanza vittime da poter guardare adesso tutti dall’alto in basso e invocare la pace…
la peggiore invenzione del cristianesimo è il perdono

olimas

l’UAAR citata anche sul sito di richard dawkins

“Atheism has been a hot topic recently thanks to best-selling books questioning the value of religion such as “The God Delusion” by Richard Dawkins and “God is Not Great” by Christopher Hitchens.

The Pope seemed to be addressing the fresh interest in atheism in the developed world with phrases such as: “Let us put it very simply: man needs God, otherwise he remains without hope.”

Italy’s Union of Atheists, Agnostics and Rationalists (UAAR) said by taking such stands the Pope would push more people away from the Church.”

link all’articolo http://richarddawkins.net/article,1939,Papal-encyclical-attacks-atheism-lauds-hope,Reuters-Philip-Pullella

ciceracchio 2la vendetta

dopo quanto detto dal presule con scarpette rosse annesse ;
mi sento dimorto offeso sentire dire che l’atesimo e il laicismo come l’illuminismo sono il male del mondo e’ veramente boia ,,,,,un dittattore di uno statarello qualunque dove comanda solo lui ….e’ troppo , mio viene il sospetto che stia preparando un jhiad
contro chi non va in chiesa e non si sottomette alle sue ferneticazioni
che si guardasse dentro e si ricordasse cosa hanno fatto loro i cattolici di male….
loro la savezza dell’uomo????mi viene da vomitare se penso al silenzio quando in sud america massacravano intere generazioni , i fascisti di pinoscet e company ……
insomma poi l’illumionismo ha regalat non senza sacrificio la liberta’ allumanita’
altrimenti ci sarebbero ancora le ghigliottine in piazza navona,,e oltre
uno stato teocratico che agogna a mettere i cattolici in politica x assumere il potere sui
cittadini che tornerebbero sudditi del papa re ??e’ questo che vuole???
beh certo visto la nascita di codesto padrone di uno stato estero ,,,,
e’ il modo x arrivare a tale robe….poi noi non metteremo in dicussione che la religione incita alla sofferenza x dire che sarai finalmente salvo , insomma il masochismo al ottava
potenza ,,,,la scienza solo la scienza da’ qualita’ della vita e allunga la vita…
loro sperano nei miracoli , dobbiamo rispondere alle deliranti parole di questA ENCICLICA MEDIOEVALE….W LA LIBERTA’ W LILL’UMINISMO W LA RIVOLUZIONE FRANCESE
W GARIBALDI …

Gianni B.

IL PASTORE TEDESCO

La testa è cuneiforme e la fronte leggermente convessa, quasi senza solco mediano. Ha occhi a mandorla molto scuri. Le orecchie sono erette, a punta e rivolte in avanti, il naso è diritto. Possiede 42 denti con chiusura a forbice.

Gli arti anteriori sono diritti e paralleli mentre quelli posteriori sono leggermente arretrati. La pianta del piede è dura e di colore scuro. Il colore può essere anche nero o grigio uniforme con sfumature più scure.
Lo standard esclude il colore bianco ed il pelo lungo salvo che venga indossata l’apposita mantellina bianca da concorso.

L’altezza al garrese, per i maschi, è tra i 60 e i 65 cm ed il peso va dai 30 ai 40 Kg.

Le patologie più ricorrenti, sono la displasia congenita dell’anca, del gomito e del ginocchio che porta ad aprire in continuazione le zampe in atteggiamento ieratico davanti a cani di più piccola taglia, e una spiccata tendenza alla dissociazione mentale, tipo alterazioni del flusso ideatico fino alla fuga delle idee e all’incoerenza, alterazioni dei nessi associativi fino allo sbranamento di qualunque altro cane che possa mettersi in competizione per l’osso.

E’ utile portarlo spesso fuori a contatto con le persone. Il miglior addestramento è quello basilare: terra, resta, riporto.
Il ruolo ideale del pastore tedesco è quello di cane da compagnia, ma bisogna evitare assolutamente di farlo socializzare con atei, laici, e islamici, in quanto non ne sopporta l’odore. E’ infatti probabile che si lanci contro di loro, oppure che li spaventi con fastidiosi e prolungati latrati. Se il problema dovesse persistere, si consiglia una visita dal veterinario.

Kundalini444

Volevo suggerire agli amministratori del sito di ampliare alcune sezioni; per esempio, nella sezione UAAR-fai-da-te, potrebbe essere utile stilare un volantino di “risposta” all’enciclica; in cui siano chiaramente e sinteticamente esposte le ragioni degli atei, che giustamente dovrebbero sentirsi offesi ed attaccati dal papa. Un volantino che tutti possano scaricare e distribuire ai conoscenti. Oppure una petizione, una lettera da firmare in quanti più possibile, e da inviare a giornali e/o portavoce.

Pin8

Il Papa farebbe bene a leggere il Vangelo con gli occhi del bambino o della vecchietta
perchè la sua scienza teologica e filosofica gli ha rovinato qulche neurone di troppo!!
Il suo è un Dio che già Gesù Cristo ha mandato in pensione 2000 anni orsono.
Pensare poi simili idiozie sulla scienza è roba da trogloditi !!

AI Storia Forum

Non mi ritengo ateo, ma il riferimento all’Illuminismo in questa enciclica lo trovo allucinante e completamente fuori dalla storia e dalla realtà. Trovo poi assurdo parlare di scienza senza etica, come se l’unica etica fosse quella cristiano-cattolica, una esclusiva di Piazza San Pietro. Che vadano a parlare di etica a quelli di CL o della Compagnia delle Opere… la facciano a loro la ramanzina, visto che si appellano all’etica cristiana

Marco.g

Il testo integrale dell’enciclica è già disponibile. Naturalmente non l’ho letta tutta… ma ho fatto una ricerca, e, a meno di essermi sbagliato a usare la funzione, la parola “illuminismo” compare in totale 1 VOLTA! Titoli dei giornali: “I contenuti della “Spe Salvi”: Marxismo e l’Illuminismo falliti” Andiamo bene…

antoniotre82

A quanto pare qualcosa si sta mobilitando nella società italiana, i cretini stanno diminuendo e si espandono a macchia d’olio e il papa è lì pronto con uno strofinaccio a cercare di asciugare e mettere in cattiva luce l’ateismo.

Non dovrebbe essere per eccellenza la religione della tolleranza e dell’aiuto e dell’amore verso il prossimo di qualsiasi ideale esso sia?
Per la chiesa se sei ateo puoi anche morire con buona pace per l’animaccia tua, anzi addirittura ti si dice che se non credi nel dio della bibbia vivi una vita reprorevole e indegna sempre sull’orlo del baratro come se avessi della sporcizia dentro, che dovresti farti ribrezzo da solo, e imprecare per il fatto che purtroppo per te sei dotato di ragione e razionalità.

L’ateismo ha provocato crudeltà ed ingiustizie?

E cosa sono allora i privilegi della chiesa di cui gode bellamente in Italia? Non sono forse un’ingiustizia nei confronti di tutte le altre confessioni e nei confronti anche di chi non crede? L’ateismo invece non gode di nessun privilegio e anzi si dimostra molto più democratico e tollerante verso le persone religiose credenti, cosa che la chiesa non fa verso gli altri ideali, condannandoli e temendoli, e cercando di eliminarli.
Che prima si spogliasse di tutti i privilegi, rinunciandovi per amore della giustizia e della democraticità e della non ingerenza nella cosa pubblica, e poi può anche dire la sua al riguardo.

Si può vivere benissimo senza credere in nessun dio, non è mica indispensabile, questo potrebbe servire alle persone fragili e con poca personalità, che cercano di compensare i loro vuoti e le loro impotenze nei confronti della vita credendo in qualcosa di immanente e trascendente, senza pensare invece che la vita appartiene a loro stessi e a nessun altro, e non verrano giudicati proprio da nessuno se non da un tribunale terreno per le loro azioni.

Perchè far vivere le persone in un’illusione? cos’è questa se non pura crudeltà?
E’ crudele e inumano appropriarsi delle coscienze delle persone fin dall’infanzia, approfittando e abusando della loro incapacità di intendere e di volere, perchè la maggiore età deve esistere per tutte le altre scelte a tutela della persona e non deve valere invece per il battesimo? E’ semplicemente crudele e parassitario.

claudio r.

Ma i cento milioni di morti del comunismo sono come i dieci milioni dei gazebo di berlusconi?
E poi cosa centra il comunismo con l’ateismo, anche mussolini era ateo eppure non mi pare fosse comunista; anzi famosa la sua prova dell’inesistenza di dio ” se dio esiste mi fulmini
all’istante, siccome sono vivo dio non esiste”.
Eppure il cardinal gasparri firmo’ i patti lateranensi e achille ratti pio XI disse la famosa
frase sull’uomo della provvidenza, evidentemente quando si concedono privilegi, potere e
denaro, vanno bene anche gli atei ancorche’ siano dittatori.
E che dire dell’affacciata di gianpaolo II dal balcone insieme a pinochet?
I discorsi li porta via il vento: sono i fatti che contano e i fatti dicono che tutte le religioni,
in partcolare quelle positive, sono movimenti di carattere filosofico-politico per la gestione del potere puro e semplice, punto e basta.

stefania

“la chiesa sopravviverà anche a voi”

Intendi forse, la Chiesa ucciderà anche voi? Perchè è in questo modo che è sopravvissuta nella sua attuale forma.

Giuseppe Murante

x Raffaele Carcano:
seguendo il commento di Aldissimo, seriamente, ed in qualita’ di segretario dell’UAAR, non ci sono gli estremi per accusare Ratzinger di diffamazione? Possibile che questi possano insultarci liberamente?
E’ come se noi si comprassero pagine di pubblicita’ sui quotidiani per dire che in fondo tutti i preti sono pedofili (a parte che noi avremmo piu’ possibilita’ di sostanziare l’accusa).

luciano

Ma il vero problema, secondo me, è che in televisione, cioè il mezzo che l’80% degli italiani usa per formarsi un’opinione, la posizione degli atei è assolutamente inesistente, mentre al papa e a tutta la sua combriccola viene data la possibilità di sbruffoneggiare su ogni questione senza, di fatto, nessuna possibilità di replica. Finchè il contesto è questo, è chiaro che il papa può permettersi di offendere chiunque senza nessun pericolo

Dario

ragazzi, siete veramente spassosi, mi sto divertendo un mondo a leggere, dal post di Aldissimo
(“Come al solito, basta sostituire la parola “ateo” con la parola “ebreo”, per rendersi conto della gravità delle affermazioni clericali” giustissimo!)a quello sul pastore tedesco; solo non capisco questo accanirsi sul comunismo e continuare a parlare dei crimini del comunismo, che fissazione Berlustronziana è? Forse leggere un po’ di più la storia non farebbe male a quel signor Lapalisse; Marx diceva che a nessuno dovrebbe essere permesso di diventare tanto ricco finchè c’è gente che muore di fame; ora, mi pare che questo sia uno dei condividibili (anche per quei cattivoni di atei che imperversano in questo forum) principi del cristianesimo, ce ne sarebbero altri da citare, ma perchè invece è proprio la destra dei “non-proletari” che vuole fare suoi i principi del cattolicesimo? quali sono i principi, gli ideali della destra e del capitalismo? lo stesso dio del vaticano, il soldo! che ci passa per la cruna dell’ago di tutti i totalitarismi fascisti sostenuti dalla chiesa? poi spiegatemi che ci vedevate di comunista nell’ex CCCP? è stata una dittatura che non mi pare avesse molto a che fare con certi principi di fondo. ancora al cristianissimo TG2 osano affiancare il nome di Salvator Allende a quello dei dittatori eletti dal popolo!! Sono arcistufo dell’ingerenza di questo Maledetto XVI nella politica e nelle nostre vite! perchè accanirsi contro di lui? ma come si fa a chiederselo ancora? c’è persino il divieto di amare se non nel piccolo recinto stabilito dal clero! ci si preoccupa che due persone non possano vivere insieme o che usino del caucciù sopra i propri cosi al di fuori del matrimonio, e neanche un sommesso cenno di condanna verso la guerra in Afghanistan ed Iraq! e ci chiedete perchè ci arrabbiamo?
scusate, così non posso fare a meno di vantarmi di essere devaticanizzato e comunista!
pace a tutti e basta con l’inquisizione, perdonatemi i toni accesi, più scrivo e più me ne vengono in mente!!

giordana

Stiliamo una nostra ex-ciclica e firmiamola tutti, poi mandiamola agli organi di stampa. Il commento di Odifreddi è stato riportato, ma è troppo poco come risposta.

slick henry

Questo Papa vive fuori dal mondo. E’ l’apostolo di una religione intollerante e bigotta, che vede un nemico in chiunque appaia diverso.

darik

leggo troppo perbenismo tra gli atei;
ripeto:
fintanto ke uova marce e pomodori non voleranno per piazza s.pietro,
la setta clericale continuerà a pretendere di dominare l’italia.
darik

Massimo

Insisto, state attenti ai tempi politici della Chiesa ricalcati sulla storia: nel 1891, con l’enciclica Rerum Novarum, Papa Leone XIII si prefigge di combattere la lotta di classe marxista con quel solidarismo cattolico che fu già del Medioevo (così com’è inteso certo volontariato contemporaneo). Mentre per il già citato Concordato dell’11 febbraio 1929 Pio XI celebrò Mussolini con queste parole “…un uomo come quello che la Provvidenza ci ha fatto incontrare, un uomo che non avesse le preoccupazioni della scuola liberale” (Provvidenza per la Chiesa cattolica stà per Dio). In questi due passaggi, pur a distanza di 38 anni l’uno dall’altro, è chiarissima sia l’individuazione del nemico che la scelta di campo politico-militare, nonché la strategia sociale (fondata sulla carità e non sui diritti). E per maggior chiarezza ricordo che lo stesso Papa, nel 1932, ancora rivolto a Mussolini, pose una robusta analogia fra il totalitarismo fascista e il totalitarismo clericale. Poi, la politica del papa che lo seguì non si discostò dalla sua fino alla caduta del nazifascismo. Papa Giovanni XXIII “il papa buono”, il papa del Concilio Vaticano II, fu il primo Papa eletto dopo la Liberazione, finché uno dopo l’altro si arriva all’attuale, che non ha aspettato niente a mandare a dire ai suoi fedeli che chi si fosse creduto che quel Concilio fosse stato posto in discontinuità rispetto alla storia della Chiesa si era sbagliato. Punto e a capo? Punto e da capo!

UDM

Trovo incomprensibile la censura di post di vivace denuncia, assai meno virulenti di tanti altri accettati.
D’altra parte è impossibile trovaee espressioni adeguate che possano rendere i giusti sentimenti
di chi viene insultato con tanta protervia e improntitudine,
dopo aver subito le infinite millenarie imposture da parte di chi guazza negli sfarzi, negli ori e negli spudorati privilegi a spese subdolamente coartate da tutti, non importa se e come credente.

Polenta

ottimo Carcano.
L’ateismo non ha sulla coscienza nessuna guerra, nessuna inquisizione, nessuna collusione con nazismo e fascismo. Il vaticano, ahilui, non può affermare altrettanto e tantomeno B16 (pessima vitamina)

giacomo

quanta ingnoranza in tutto quello che scrivete….

tanto lo so che non pubblicherete mai un post come questo

un credente

rosalba sgroia

Questa notizia ha avuto molto successo su OKNO ed è rimasta visibile per molte ore( c’è ancora, da ieri). Il dibattito è acceso e questa enciclica ha stupito anche i credenti!

W Ratzinga, encicliche rotantiiiii!

Antonio

Oggi su La Repubblica a pagina 21 in alto a destra viene riportata una frase del Comunicato Stampa dell’UAAR con a fianco la foto di Silvio Berlusconi.
Non capisco l’accostamento.
Non mi risulta che il Signor Berlusconi si sia mai dichiarato ateo.

Raffaele Carcano

@ Antonio
Dev’essere un errore di stampa di un’edizione locale. Qui a Roma la foto è quella di Margherita Hack.

simona valesi

La scienza sta avazando, con le staminali e la vittoria vicina su malattie un tempo inguaribili, come Prometeo che rubò il fuoco agli dèi e per questo venne incatenato ad un monte con un’aquila che gli rodeva il fegato in eterno, secondo la leggenda, finchè Ercole non lo liberò… La religione, tutte le religioni, temono la fine del dolore, della paura e la vita serena e libera di chi rifiuta di chinarsi all’ignoto. La vera umiltà è della scienza, che pazientemente studia, prova e riprova per migliorare la nostra vita. Ma la religione, oggi, come unica zattera di salvataggio a cui aggrapparsi, ha l’ignoto, il sentimento, l’emozione: è ora che gli atei parlino alla gente della bellezza della libertà dalla tirannìa religiosa, prigione della mente, che emozionino, che facciano riscaldare il cuore. La religione ha sempre parlato della “freddezza” della scienza, ma Bertrand Russell aveva prontamante risposto: la religione è come una casa calda e accogliente, la scienza è uscire fuori da questa casa e vedere, conoscere il mondo: l’aria frizzante del mattino all’inizio sembrerà sferzarci, ma a poco a poco ci rinvigorirà e ci guarderemo gli uni con gli altri senza più barriere, pregiudizi, pensieri del passato che ci rendono schiavi.

chiericoperduto

@giacomo
quanta ignoranza in quello che credete voi cattolici…
mi dispiace ma sono costretto a risponderti con la stessa supponenza dei cattolici.

simona valesi

La scienza sta avanzando, con le staminali e la vittoria vicina su malattie un tempo inguaribili, come Prometeo che rubò il fuoco agli dèi e per questo venne incatenato ad un monte con un’aquila che gli rodeva il fegato in eterno, secondo la leggenda, finchè Ercole non lo liberò… La religione, tutte le religioni, temono la fine del dolore, della paura e la vita serena e libera di chi rifiuta di chinarsi all’ignoto. La vera umiltà è della scienza, che pazientemente studia, prova e riprova per migliorare la nostra vita. Ma la religione, oggi, come unica zattera di salvataggio a cui aggrapparsi, ha l’ignoto, il sentimento, l’emozione: è ora che gli atei parlino alla gente della bellezza della libertà dalla tirannìa religiosa, prigione della mente, che emozionino, che facciano riscaldare il cuore. La religione ha sempre parlato della “freddezza” della scienza, ma Bertrand Russell aveva prontamente risposto: la religione è come una casa calda e accogliente, la scienza è uscire fuori da questa casa e vedere, conoscere il mondo: l’aria frizzante del mattino all’inizio sembrerà sferzarci, ma a poco a poco ci rinvigorirà e ci guarderemo gli uni con gli altri senza più barriere, pregiudizi, pensieri del passato che ci rendono schiavi.

Sua Beatitudine Marcinkus IV Patriarca di Ciaparat in Gattonia

“Pietà l’è morta” – Fuoco sul vaticano e sui compagni talibancattocomunisti che continuano a foraggiarlo con l’8×1000.
Una ripartizione truffaldina,anticostituzionale che non va modificata, va ABOLITA subito!
Il XX Settembre 1870 il Papa Re Boia e Criminale Pio IX – oggi santificato – fu sbaragliato a Porta Pia.
Siamo ancora in tempo a chiedere al Tribunale dell’Aja i danni di guerra!
Come per gli industriali/ mafia in sicilia, chi foraggia,sovvenziona questi satrapi parassiti va guardato con sospetto!

Silesio

Oggi B16 ha continuato a straparlare. Ha attaccato l’ONU. Sta forse recitando la parte del Bin Laden cattolico? Quante lettere “B” (Bin Laden, Benedetto 16, Bush, Berlusconi, Bertinotti…) Tutti quanti credono nell’Assoluto…

Alessandro

Be’, fa un po’ tristezza vedere come un intellettuale, se siamo daccordo che un teologo possa esserlo, faccia la fine del tifoso da stadio. L’illuminismo avrebbe fallito, mentre se il cattolicesimo si spegne nel relativismo e nella secolarizzazione è colpa del male. Forse nella prossima enciclica il Papa avrà la bontà di spiegarci come mai esiste una fetta di umanità fatta di persone di buona volontà che non credono, che sono serene, felici, almeno tanto quanto i credenti, ed eticamente ineccepibili. Forse nel “De arbitro cornuto”.

Sandro

Il Sig. carcano mi mette molta tristezza.
Dice che gli atei non hanno bisogno di speranza. Solo gli animali vivono senza speranza.

Dire che la Chiesa aveva fatto accordi con il nazismo quando Hitler uccise oltre a milioni di ebrei anche migliaia di cristiani! Mi mette tristezza perchè invece di usare la ragione cerca di fare un miscuglio di luoghi comuni falsi smentiti ormai da tutti gli storici, ma lui li riprende perchè gli fa comodo.
Ricordo anche che grazie alle crociate oggi è libero di scrivere e di parlare altrimenti ora stava sicuramente a farsi esplodere con una bella cintura.

Ma la ragione dove stà? Vedo in questo sito solo frasi “CONTRO LA CHIESA” e basta!!
Nulla che invece che spieghi per bene perchè l’essere atei possa rendere felici? Non c’è un articolo che spieghi questo! Ma il motivo è chiaro… non esiste!

Non troverai mai la verità se non sei disposto ad accettare anche ciò che non ti aspettavi. (Eraclito)

antoniotre82

@ sandro

che qualcuno sia anticlericale è indubbio, ma queste sono convinzioni personali proprie che nulla hanno a che vedere con l’atesimo e l’agnosticismo.
Un vero ateo non è anticlericale, se non nella misura in cui vuole evitare che la chiesa invada la vita pubblica, per difendere il principio di laicità.
L’ateismo non è certo la ricetta per vivere felici, l’ateismo non ha propositi di questo genere, è solo una corrente di pensiero che si basa sulla razionalità e non sulla fantasia, e già per questo motivo è più apprezzabile e vera.

L’ateismo vuole liberare gli uomini dagli inganni delle religioni, per uno spirito di filantropia, perchè un ateo ama il genere umano e non le favole.
E qui non si tratta di punti di vista su un argomento interpretabile in più modi, qui si parla di inganni provati in ogni modo possibile e immaginabile, prove insindacabili e schiaccianti se non si è ottusi e fanatici, prove incontrovertibili che le religioni si basano sull’invenzione.

Un ateo è anticlericale solo perchè è anche a favore del laicismo (laicismo dovuto per legge, ma che viene sistematicamente calpestato dalla chiesa cattolica).
Se la chiesa cattolica rispettasse ilò principio di laicità dello stato italiano, non si sarebbe NESSUN anticlericale.

Giovanni

Occorre ricordare che il contrario di illuminismo è oscurantismo e che il contrario di relativismo è assolutismo? B16 non fa altro che confermare la sua predilezione per l’oscurantismo e l’assolutismo. Mi viene inmente una scritta sul sagrato della cattedrale di Buenos Aires (ridordate che Pio Laghi giocava a tennis con Videla?). “la sola iglesia que illumina es la que arde”.

Alessandro

forse me la sono cavata troppo presto con una battuta. Quindi dirò qualcosa in più sperando di essere chiaro. Il male, per me che sono agnostico, è la Verità data per assoluta, è il volere cancellare l’attività forse più nobile dell’uomo: il dubbio. E’ anche grazie al dubbio che siamo costretti a darci un metodo, a sottoporre al vaglio della ragione ciò che il sentimento e la passione non riescono a dirimere. Ma ci rendiamo conto o no che questo Papa che parla tanto di ciò che è bene per l’uomo, che possiede la fede e conosce la Verità, va in Africa a dire che l’AIDS dipende da una visione errata del matrimonio? La malattia come colpa: uno dei concetti basilari della medicina dell’antichità! E vi rendete conto di quanto sia pericoloso che dica cose del genere in giro per il mondo? Cio che terrorizza il Papa è che l’ateismo e l’agnosticismo sono più difficilmente attaccabili delle religioni, che mentre ad un maomettano può dire ad esempio che il suo non è un Dio logos, poco può fare con chi fa del bene al prossimo perchè segue un etica laica fregandonese del premiuccio della vita eterna. Concludo dicendo che non essere clericali non significa essere anticlericali, sebbene si faccia del tutto per farlo credere.

Jubal

Ratzinger, è sulla strada sbagliata. Il vaticano è edificato su una duna.
Non credo che se un dio esiste possa lasciar fuori un Gino Strada per lasciar spazio ad un Marcinkus qualsiasi…

Mt 7,21.24-27

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: “Non chiunque mi dice: Signore, Signore, entrerà nel regno dei cieli, ma colui che fa la volontà del Padre mio che è nei cieli.
Perciò chiunque ascolta queste mie parole e le mette in pratica, è simile a un uomo saggio che ha costruito la sua casa sulla roccia. Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ed essa non cadde, perchè era fondata sopra la roccia.
Chiunque ascolta queste mie parole e non le mette in pratica, è simile a un uomo stolto che ha costruito la sua casa sulla sabbia. Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ed essa cadde, e la sua rovina fu grande”.

Poi, io penso che Dio esiste come creatura degli uomini e non viceversa…
Dio non è quindi morto (F.W. Nietzsche) ma è assai grave…

Bruno

“la storia mi fa aborrire i preti: non una piccola offesa* fatta a me da un miserabile che poteva ancora non esser prete, ma diciotto secoli di delitti, di rapine, di sangue, ma i roghi ed i tormenti, ma un immenso cumulo di mali, di corruzione, d’ignoranza, di ferocia, ma la servitù della mia patria e di tante contrade della Terra, mi fanno ribollire l’anima a pensare al prete, che è stato ed è cagione di tutte le umane miserie. Lasciamo codesto argomento: chi li ama se li tenga e ne goda” Luigi Settembrini “Ricordanze della mia vita”
*piccola offesa: la pena di morte a seguito della spiata di un parroco

woland

…guardare i credenti, e i cattolici in particolare, dall’alto in basso…
Diciamocelo francamente: è un po’ vero.
Ma non è colpa nostra se per sperare e per avere una vera morale, non abbiamo bisogno di dio.
E, conseguentemente, giudichiamo chi ne ha bisogno per dare un senso alla sua vita, una sorta di bambino che, per comportarsi bene, ha bisogno di credere che la befana gli porterà il dono del paradiso.
E che se invece si comporterà male l’Uomo Nero lo porterà via.
Rivendicate pure, cattolici, il diritto di credere alle vostre fiabe fino all’ultimo giorno della vostra vita che non ha altre speranze.
Ma non azzardatevi ad intervenire nella mia.

Toptone

Per Sandro.

Vatti a vedere COSA sta facendo IN QUESTI GIORNI, novembre-dicembre 2007, la tua chiesa maledetta in Uganda.

Sempre che tu possa, visto che sui media italocattolici non è passata parola…

La tua orrenda religione sta chiedendo a gran voce – insieme a tutte le altre confessioni, musulmani compresi – l’annientamento fisico dei gay, usciti allo scoperto al Summit dei Paesi del Commonwealth la settimana scorsa per chiedere il DIRITTO ALL’ESISTENZA.

Questi mostri di bigottume stanno chiedendo al Governo dell’Uganda di istituire “Squadroni anti-gay” e di operare “arresti di massa” e di “confinare i gay su di un isola del Lago Vittoria per farli morire di fame e di sete”.

Ma apri il cervello e gli occhi! Chi è l’intollerante? Chi l’assassino? Chi è che odia???

La tua chiesa è doppia come Giano Bifronte e fa schifo ai vermi.

(mi scuso con tutti voi per i miei molti post su questo argomento, ma questo è UNO SCANDALO e non può passare sotto silenzio!!)

Toptone

Per Sandro (e per tutti).

Se vuoi vedere il contegno della tua orribile chiesa durante il Nazismo leggi “Vicari di Cristo – Il lato oscuro del Papato” di Peter de Rosa, un ex-sacerdote cattolico irlandese.

Lì troverai una messe di dati e circostanze incontrovertibili e inoppugnabili del passato criminale della tua magnifica chiesa, che nessuno storico vaticanista potrà mai edulcorare.

Per il presente, invece, ci basta la cronaca internazionale (vedi sopra).

Ah, un’altra cosa: il libro non è scritto da un ateo comunista, ma da un fervente sostenitore di Gesù e della sua Parola.

Saluti.

woland

Il lato drammatico del ragionamento di Sandro stà prorpio nella sua domanda: ” mi spieghi come puo’, un ateo, essere felice”.
Io non ho nessun dubbio sul fatto che Sandro sia felice credendo.
Ma la fede non puo’ essere spiegata. Altrimenti non sarebbe “fede”.
Quindi rimane il fatto che dobbiamo credere alla felicità di Sandro per il fatto stesso che lui afferma di essere felice credendo.
Ma Sandro non ammette che noi si possa essere felici anche senza fede.
A lui non basta che noi affermiamo la nostra felicità esattamente come fa lui.
Per Sandro un ateo DEVE essere infelice solo perchè non è credulo come lui.
E chiama questa sua posizione bigotta e fanatica “propensione al dialogo”…

Caro Sandro, non troverai mai la verità se non sei disposto ad accettare ciò che la tua chiesa nega. E cioè che milioni di atei possano essere felici esattamente come voi.
E scusami se penso che possano esserlo anche di piu’ perchè piu’ di voi credenti si SENTONO intimamente liberi.
Anche da dio.

Gaetano

Sentir parlare certa gente mette semplicemente i brividi.
Quello che dice il “pastore tedesco” è fuori, da ogni realtà, da ogni interpretazione, è completamente privo di senso. Ma che dialogo si può auspicare con certa gente? Nessun dialogo!
Noi siamo atei, viviamo benissimo senza dio, anzi viviamo meglio senza dio, e (se mi permettete) abbiamo una moralità superiore alla loro.
Non c’è bisogno di credere in una entità superiore per amare, per amare il prossimo, per fare del bene.
Sarebbe opportuno esser chiari su questo punto. Il bene che noi facciamo è assolutamente diverso dal “bene” comunemente inteso dai cattolici. L’ateo non fa del bene perchè spera un giorno di essere “ricompensato” da una “salvezza eterna”. Si può voler bene e fare del bene, anche senza pretendere nulla in cambio, senza sperare (egoisticamente) in una “ricompensa futura”.
In questo noi siamo migliori dei “credini”. E questo bisognerebbe urlarlo con forza. Che poi dovremmo vedere qual’è questo “bene” che i cattolici dicono di fare (forse si riferisco al 20% circa dei ricavati dell’ottopermille che investono in opere di bene. Bravi! Ma è lecito a questo punto chiedersi cosa fate del restante 80%? O si rischia di finire sul rogo?).
Bhe, cosa dire poi delle critiche alla scienza, è un copione vecchio, datato, che questo papa con piacere rispolvera. Sostanzialmente quello che dice della scienza in questa sua ultima enciclica, lo avevamo già sentito, sempre da lui, in quel di Mariazzell (in Austria) solo agli inizi di settembre.
Ovviamente è tutto un capovolgimento della realtà. Tutte le conquiste in campo scientifico, si son potute avere “nonostante le religioni” e non “grazie alle religioni”. E’ una cosa da respingere assolutamente. Ma questa è storia, storia proprio della Chiesa, che è fatta di censure, roghi, torture, per limitare, per confinare la scienza e il sapere in generale.
Semmai la Chiesa, ma in generale l’impostazione dogmatica (che è tipica di quella cattolica) è per sua natura contro la scienza, e quindi contro la democrazia. Scienza significa, avere dubbio, ricercare, sperimentare, confrontare i risultati, e capacità di mettersi in discussione. Cosa centra la Chiesa con queste caratteristiche? Io dico che la Chiesa non centra nulla nemmeno con la democrazia, è molto lontana da essa. (in quale democrazia un dirigente, con compiti di rappresentanza si definisce “infallibile”? solo nella chiesa e solo in quella cattolica).
Quindi stia tranquillo il papa, pensi semmai alle sue pecore, ai comportamenti del suo gregge. Noi non siamo pecore (mi piace ricordare una battutta di Einstein “Per essere l’immacolato componente di un gregge, bisogna prima di tutto essere una pecora”), viviamo di sentimenti umani e di ragione. In questo io mi riconosco, e non in altre stravaganterie.
Più tosto verrebbe da chiedersi: quanto male è stato fatto nel mondo storicamente sotto il marchio “DIO LO VUOLE”? Purtroppo la risposta è TANTO forse TROPPO.
E putroppo la Chiesa continua a fare del male anche oggi.
Si pensi al fatto che in questo paese non c’è la possibilità di decidere cosa fare della propria vita! E’ ormai passato un anno dalla morte di Piergiorgio Welby e ancora ho chiara in mente l’icona di quell’uomo sofferente, straziato dalla malattia, che non poteva decidere di morire, perchè qualcuno ha datto “DIO NON LO VUOLE”. Vi sembra poco?
Vi sembra banale che una persona non possa vivere tranquillamente la propria sessualità?
Vi sembra poco impedire la ricerca sulle cellule embrionali proponendo come unico argomento “DIO NON LO VIOLE”?
A me è questo che fa soffrire, il non poter essere libero fino in fondo di decidere per conto mio, cosa fare della mia vita, che non possa scegliere come vivere al meglio, secondo quelle che ritengo le mie “verità”. Anche io sono dell’idea che la vita sia sacra! Per me è così. La vita è sacra, ma mi riferisco a quella degli altri! DELLA MIA VITA DECIDO IO! QELLO CHE E’ BENE PER ME POSSO SAPERLO SOLO IO!
Quindi con questi “credini”, non credo potrà mai esserci nessun dialogo, nessun confronto.
Da questo papa non mi aspetto nulla di buono su questo versante.
Se il papa questo lo capisce, bene, altrimenti tireremo avanti lo stesso.

Triste

Gaetano un pò di rispetto verso i cristiani! Il papa parla in generale e non attacca mai con parole ingiuriuose o offensive. Perchè vi sentite assediati? L’ateismo è davvero migliore di ogni fede? Quella di B16 è un’analisi del novecento. E la storia non può essere cancellata. La guerra civile spagnola per esempio, il massacro scentifico dei contadini russi da chi fu portato avanti? i morti rossi e neri? Perchè poi PIo IX avrebbe dovuto cedere lo stato pontificio ai piemontesi? Troppi luoghi comuni nella tua analisi! Non è che proclamandovi Atei finiate per essere più religiosi di ogni altro? Attenzione al dogmatismo ateo!

lorenzo a.

ma se la religione cattolica produce tutto il bene del mondo come mai lo stato pontificio non era meglio degli altri stati dell’italia dell’epoca, ma anzi si distingueva per corruzione, razzismo e prostituzione?

non erano forse i papi a comandare, o forse quei papi non erano cattolici?

Eugenio B.

Le parole del Sig. Ratzinger sono sconcertanti….
Però è anche fortunato…se si ammala guarirà certamente grazie alla preghiera…e non certo per merito di quegli scellerati degli scienziati che si occupano di quell’ orribile cosa che è la scienza medica…
A proposito…ma che se ne fa allora del medico personale ?

Secondo me si dovrebbe intraprendere un’ azione legale nei confronti di quest’ uomo…

aa

………..e come tutti sanno, B16, non viaggia in auto o in aereo, ma a cavallo e, quando ha la febbre, non usa antibiotici ……..

Red Passion

Suvvia ragazzi, bisogna ammettere che ci vuole del gran coraggio! Il mondo è pieno di dolore derivante da povertà, guerre, malattie, ingiustizie, ecc…, ecc…. Poteva lui B16 attaccarle visto che il vaticano si trova sempre dalla parte di chi le provoca? Ci voleva un diversivo ed ecco venir fuori dal cilindro l’ateismo. Per quanto mi risulti, l’ateismo in quanto tale non ha mai fatto del male a nessuno, ma è anche vero che non porta soldi al vaticano. E quindi? E quindi addosso all’ateismo reo, in realtà, di impoverire le casse paperoniche di vossignoria.
Certo che come si fa a dire certe cose senza un po’ di coraggio? o di faccia tosta? E lui ha dimostrato questi attributi. Tanto poi tutta la servitù della gleba (la stampa allineata) presenterà il tutto senza critiche nel merito e nel metodo.
Possiamo però chiedere al Papa di trovare altri terreni per le sue goliardate? Che ne so: la scorreggia più sonora, il rutto più lungo, la parolaccia più brutta. Visto che tanto mi dà tanto potrebbe ottenere grandi risultati e magari vincere
Ciao

everyone

Mi sembra che “ateo” stia assumendo il significato di “chi nega l’esistenza della Chiesa” più di “chi nega l’esistenza di una divinità”. Mi sa che sotto c’è dell’altro, magari di meno trascendente e di più politico. Dovreste fregarvene e invece siete i primi attenti lettori delle encicliche. Meglio dei cristiani.

everyone

Le assurdità sono ovunque, anche tra gli atei. Non avete nulla da far capire a nessuno. O siete davvero in grado di spiegare domande alle quali generazioni di uomini non sanno dare risposta certa? Di vero c’è solo che molto di quello che ci circonda è mistero e la scienza per quanto oggettivamente grande non riesce che a scalfirlo appena. Sostenere un’affermazione del genere sarebbe un gesto di comprensione reciproca. Che poi, ripeto, l’attacco sia alla Chiesa come istituzione è tutt’altra storia e non c’entra nulla con l’ateismo, lo scudo dietro al quale ci si barrica per ben altri scopi, di sicuro meno filosofici.
Aggiungo che dare dei caproni e dei cretini non è il modo migliore per farsi ascoltare.

stefania

>Dovreste fregarvene e invece siete i primi attenti lettori delle encicliche.

Stai veramente proponendo l’apatia come modello di vita? La Chiesa ha un’enorme potere ed influenza sulla società in cui vivo, condiziona la mia cultura ed il modo in cui si concepisce la giustizia.

> O siete davvero in grado di spiegare domande alle quali generazioni di uomini non sanno dare risposta certa?

Quanto sia importante la certezza di una risposta rispetto al dialogo intorno alla domanda dipende da come concepisci il progresso. La presenza di scetticismo e di più voci, di indagine costante e di curiosità sono la ragione per cui *io* ho speranza. Non voglio ne’ imporre la mia visione agli altri (chiamandola “assoluta” — fai l’errore di proiettare il tuo modello sugli altri) ne’ voglio illudermi che le persone abbiano scoperto la verità o che il mondo sia giusto solo perchè mi fa sentire meglio. Non è dando conforto ad alcuni alle spalle di altri che si promuove la speranza in un mondo giusto.

> l’attacco sia alla Chiesa come istituzione è tutt’altra storia e non c’entra nulla con l’ateismo

L’ateo non necessariamente vuole attaccare la Chiesa, ma certamente dato che non ha fede nell’autorità di Dio non ne ha in quella delle persone che parlano in suo nome. La critica alla Chiesa esiste perchè non si parte dalla premessa che la Chiesa non possa sbagliare.

everyone

> La Chiesa ha un’enorme potere ed influenza sulla società in cui vivo,
> condiziona la mia cultura ed il modo in cui si concepisce la giustizia.

Strano mi pare che la società faccia già abbastanza quello che gli pare senza interessarsi di moralismi e religioni. Non si è certo sotto dittatura cristiana.

> Quanto sia importante la certezza di una risposta
> rispetto al dialogo intorno alla domanda dipende da come concepisci il progresso.

Cioè, meglio il dialogo che la risposta? E se il dialogo non porta alla risposta che si fa? Ci si interroga all’infinito? Qui non si tratta di imporre la propria visione agli altri, qui si tratta di credere o non credere. Se non credi, però, tirati fuori da discorsi che in principio non vuoi capire o accettare. Parla di quello che vuoi ma non insistere nel voler comprendere cose troppo grandi per la mente umana. Certe cose non vanno comprese o spiegate. Vanno, come posso dire… vissute dentro, accettate, ascoltate più con il cuore che con la mente. La ragione è una potenza grande che fortunatamente abbiamo ma limitata ed è per questo che a voler spiegare l’infinito, si perde.

> …ma certamente dato che non ha fede nell’autorità di Dio non ne ha in quella delle
> persone che parlano in suo nome. La critica alla Chiesa esiste perchè non si parte dalla
> premessa che la Chiesa non possa sbagliare.

Mai avere “fede” in una persona, qui dici bene. Si cascherebbe in un inganno. Io non ho “fede” nel papa, o nei vescovi, o nei preti. Ho fede in qualcosa di ben più alto.
Ed è certo che la chiesa può sbagliare, proprio per questo sono state fatte delle scuse anni addietro. Ma di quelle nessuno parla mai.

Commenti chiusi.