Limite di ragionevolezza

Nel 1941 Albert Einstein partecipò ad un convegno su scienza, filosofia e religione nel loro rapporto con la democrazia. Secondo il grande scienziato, scienza e religione hanno campi (realms) nettamente distinti, tuttavia esistono forti relazioni e, soprattutto, reciproche dipendenze: la religione deve imparare dalla scienza, ma la scienza non vi sarebbe se gli scienziati non fossero mossi da una sorta di sentimento religioso.
Nel corso della sua relazione, il cui testo è stato successivamente pubblicato in Ideas and Opinions ed è disponibile su Internet Sacred Text Archive, Einstein riassunse il suo pensiero con una immagine:

La scienza senza religione è zoppa e la religione senza scienza è cieca.

Questa affermazione ricalca una celebre frase di Kant nella quale, però, non vi erano scienza e religione bensì sensibilità e intelletto, e quest’ultima era vuota, non semplicemente zoppa.
La posizione di Kant sul rapporto tra religione e scienza era infatti ben diversa da quella di Einstein: la religione viene di fatto “ridotta” alla moralità razionalmente indagata.
Se prendiamo Einstein e Kant come due estremi della riflessione sui rapporti tra fede e ragione, non ci sono dubbi: Joseph Ratzinger è sicuramente più vicino al primo che al secondo.
[...]

Testo integrale su L’estinto

Questo articolo è stato pubblicato martedì, 10 aprile 2007 alle 10:03 e classificato in Generale. Puoi seguire i commenti a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.Non puoi né inviare commenti, né inviare trackback.

Visualizza i commenti o aggiungi un commento

27 commenti a “Limite di ragionevolezza”

  1. Flavio scrive:

    Francamente l’Einstein ‘filosofo’ non mi ha mai entusiasmato, e penso sia un’opinione fondata. Il che non lo rende meno uno scienziato meno geniale, contrariamente a quanto forse avrebbe pensato lui :-)

  2. Mangiapreti scrive:

    Peccato che la religione di Ratzinger sia molto diversa e molto lontana da ciò che intendeva Einstein per religione …
    http://members.aol.com/pantheism0/einstit.htm

  3. Gio scrive:

    Paragonare Ratzinger ad Einstein fa solo ridere i polli… (e farebbe incazzare il buon Einstein, se fosse vivo).

    Einstein, prima di tutto, era ateo. E la sua “religione” non era molto diversa da quella di Spinoza… che è agli antipodi rispetto al cristianesimo (e rispetto a qualunque religione istituzionalizzata)!

    In secondo luogo, con lo stesso trucchetto linguistico, si potrebbe anche dire (per esempio) che se prendiamo come estremi Hitler e Roosvelt, Ratzinger è sicuramente più vicino al primo che al secondo. :D

  4. Ivo Silvestro scrive:

    Ratzinger è splendidamente ambiguo, passa con disinvoltura (e furbizia) dalla fede alla religione cattolica e dalla ragione alla scienza alla mentalità moderna… la sua posizione è in effetti molto diversa da quella di Einstein!

  5. archibald.tuttle scrive:

    “La scienza senza religione è zoppa e la religione senza scienza è cieca.”

    ogni volta che sento fare queste affermazioni nessuno specifica QUALE religione. di scienza ne conosciamo una sola, ma di religioni ce ne sono tante, tra le quali anche quelle che sostengono il creazionismo biblico. dire che la scienza senza tali religioni e’ zoppa e’ una assurdita.

  6. Zorro scrive:

    Il più grande scienziato è colui che resta “aperto” , e non vede le cose SOLAMENTE attraverso l’ “occhio della scienza”.

  7. emel scrive:

    >Ratzinger è splendidamente ambiguo,

    Per chi e’ affascinato dal male che c’e’ in ogni essere umano, si, il verbo splendere e’ sicuramente il piu’ adatto per descrivere Ratzinger e i suoi seguaci.

  8. emel scrive:

    >passa con disinvoltura (e furbizia) dalla fede alla religione cattolica e dalla ragione alla scienza
    >alla mentalità moderna
    >

    tutto cio’ che mi serve, quando mi serve….
    La “teologia” di Ratzinger e’ tutta qua, non c’e’ bisogno di grandi discorsi.

    Quando poi si parla di morti… sono tutti amici della chiesa cattolica, chi puo’ smentirlo ?
    Nessuno, no ? Quandi deve essere vero per forza…
    D’altronde nella HitlerJung il Nostro deve aver studiato bene il Goebbels-pensiero.
    A ben guardare la sua chiesa, in realta’ e’ proprio quest’ultimo il “filosofo” al quale deve di piu’.
    Einstein invece mi pare fosse emigrato da un pezzo…

  9. Enrico Greco scrive:

    Si Zorro, adesso ci metteremo a sperimentare per fede…

  10. archibald.tuttle scrive:

    “L’irrazionalità umana nasce dunque da uno squilibrio, da un eccesso di ragione.”

    e’ propro un grande teologo…

  11. archibald.tuttle scrive:

    “l’eucarestia, definita «una realtà che supera ogni comprensione umana»”

    se supera la comprensione umana, come hanno fatto a comprendere che diventa vera carne? un vero peccato che non possano ammettere di avere toppato alla grande per questi ultimi 1700 anni…

  12. Gio scrive:

    @ Zorro

    Il più grande scienziato è colui che resta aperto a ogni possibilità… e che ne afferma la validità solo DOPO averla verificata mediante l’uso del Metodo Sperimentale.
    Questa, è la Scienza.

  13. TKC scrive:

    Si deve studiare bene Ratzinger prima di fare un giudizio su i suoi scritti.

  14. TKC scrive:

    A archibald.tuttle :

    Consiglio una lettura più approfondita del documento è di quanto viene detto dal Papa, sì, dal Papa (lui non è gia solo un tizio che si chiama Ratzinger). La eucharistia è propio un misterio, cioè, stiamo parlando di fede. Si crede per capire. Non si capisce per credere.

  15. Filosofo scrive:

    Per archibald.tuttle :

    Consiglio una lettura più approfondita del documento è di quanto viene detto dal Papa, sì, dal Papa (lui non è gia solo un tizio che si chiama Ratzinger). La eucharistia è propio un misterio, cioè, stiamo parlando di fede. Si crede per capire. Non si capisce per credere.

  16. Giorgio scrive:

    I misteri nascono quando si danno risposte mistificatorie a domande fondate. Una volta data la risposta mistificatoria, i conti non tornano ancora e ci si comincia ad avvitare nel “mistero”. Basta dare risposte sensate ed i misteri spariscono.

  17. Jean Meslier scrive:

    La eucharistia è propio un misterio, cioè, stiamo parlando di fede. Si crede per capire. Non si capisce per credere.

    Vantatevene pure, mi raccomando, delle cazzate del vostro ratzinger.

  18. Stefano Chiaudano scrive:

    @TKC
    “Si crede per capire”
    puoi spiegare meglio? Tipo come i Greci che CREDEVANO agli strali di ZEUS per capire l’elettromagnetismo?
    Questa frase non ha alcun senso. Una persona matura, fuori dall’ambito religioso, conosce per capire. Prova a fare un errore e a scusarti con “…ma io credevo che e quindi avevo capito che…”

  19. Lamb of God scrive:

    L’eucarestia è un rito magico che conta quanto tutti gli altri: un cazzo.
    Ieri ero ad un battesimo, altro rito inutile, ma socialmente almeno un po’ aiuta perchè c’era un sacco di topa seminuda.

  20. Sailor-Sun scrive:

    Quoto Gio.
    “La scienza senza religione è zoppa e la religione senza scienza è cieca.”
    Anche ammettendo questi estremi, preferisco arrancare che andare a sbattere in continuazione.
    Il problema di questa frase è chi l’ascolta: chi è abituato a considerare il cattolicesimo o comunque il cristianestimo l’unica religione degna di essere chiamata tale, a causa della propaganda fazioza e demonizzante del clero, non potrà cogliere il vero succo della massima di einstain.
    La religione non è superiore alla scienza, è la scienza che spesso e volentieri dimostra di essere superiore alle varie religioni, in quanto univoca e concreta.

  21. Sailor-Sun scrive:

    X TKC: ricorda che “cun qualsiasi vestii suta sun biutt” (trad dal dialetto comasco: con qualsiasi vestito sotto sono nudo).
    “Papa” è un titolo onorifico, il nome di quell’uomo è Joseph Ratzinger.
    Accetto il consiglio a conoscere prima di criticare, ma la massima del credere per capire è assurda. Puoi credere quello che ti pare, ma la tua comprensione si baserà solo su ipse dixit, che sono propugnabili da chiunque e con qualunque contenuto, perchè non necessitano di conferma.
    Le affermazioni indimostrabili non solo degne di fiducia.

  22. Gio scrive:

    @ TKC

    Ratzinger è propriamente un tizio che si chiama Ratzinger, e null’altro.

  23. Joséphine scrive:

    Einstein non si arrabbierebbe tanto facilmente, mi pare che avrebbe altro per la testa…

    ;-)

  24. Zorro scrive:

    @Enrico Greco

    Non devi sperimentare per fede, ma riconoscere che la realtà è più grande della tua ragione e dei tuoi pensieri.

    @Gio
    Il più grande scienziato è colui che resta aperto a ogni possibilità… e che ne afferma la validità solo DOPO averla verificata mediante l’uso del Metodo Sperimentale.
    Questa, è la Scienza.
    ————————
    Allora dimostrami col Metodo Sperimentale che esiste l’ amore.
    Scrivi qui quale è la formula scientifica per dimostrare che tu ami il/la tio/tua compagno/a !!!

  25. Zorro scrive:

    @Emel
    D’altronde nella HitlerJung il Nostro deve aver studiato bene il Goebbels-pensiero.
    A ben guardare la sua chiesa, in realta’ e’ proprio quest’ultimo il “filosofo” al quale deve di piu’.
    ———————————-

    E la vs. Margherita H. a quale pensiero fisolosofico si è ispirata ?
    Vista la sua militanza nei C.I. direi che il suo maestro è Stalin o Mao, campioni di rispetto dei diritti umani !!!!!!!!!!!

    Che vergogna annoverare tra i fondatori di questo sito una persona che non si dimette
    da un partito che ha radici sanguinarie e omicide !

  26. Joséphine scrive:

    @ Zorro

    Confesso che non riesco a darti torto, zorro

  27. Zorro scrive:

    @Joséphine

    Grazie !