Ragazza saudita stuprata e condannata a 90 frustate

Una diciannovenne saudita, della quale non si conosce il nome, è stata ripetutamente stuprata da un gruppo di uomini, dopo essere stata sequestrata mentre si trovava da sola in compagnia di un uomo che non era suo parente. Per quest’ultima ragione la giovane è stata picchiata da suo fratello e condannata a subire 90 frustate dai giudici della città di Qatif, nell’est del paese. La ragazza, durante un’intervista al giornale Saudi Gazette, ha dichiarato che l’uomo l’avrebbe minacciata un anno fa, obbligandola ad incontrarsi sola con lui, cosa illegale nel regno saudita. Dopo aver parcheggiato la macchina al centro commerciale i due sarebbero stati sequestrati da uomini armati e portati in una fattoria, dove la ragazza è stata stuprata per 14 volte. Cinque uomini sono stati condannati con una pena carceraria dai 10 mesi ai 5 anni, ma la ragazza che ha fatto ricorso in appello, si dice “choccata” dal verdetto dei giudici nei suoi confronti. “Condannandola a 90 colpi di frusta, fanno passare il messaggio che è colpevole.” Ha affermato Fouziyah al Ouni, militante per i diritti delle donne, aggiungendo “Nessuna vittima di stupro è colpevole.”

Fonte: peacereporter.net

Questo articolo è stato pubblicato lunedì, 5 marzo 2007 alle 19:36 e classificato in Generale. Puoi seguire i commenti a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.Non puoi né inviare commenti, né inviare trackback.

Visualizza i commenti o aggiungi un commento

13 commenti a “Ragazza saudita stuprata e condannata a 90 frustate”

  1. Daniela scrive:

    che episodio agghiacciante, non c’è proprio limite alla brutalità umana.

  2. cartman666 scrive:

    Quando la religione si mischia al potere politico, ecco gli allucinanti risultati.

  3. ProfumoLavanda scrive:

    ..ah,Daniela ma Rtazinger a promesso di fare anche di peggio:se comincerete a pensare addirittura il rogo ci sarà per voi!
    Per l’episodio in questione…ma a cosa serve un Dio(sia Allah o altro..) se poi lo utilizziamo con modalità del tutto terrene?..un “Dio” è una favola che dovrebbe spingerci ad essere migliori non il mezzo per giustificare le nostre insane voglie di discriminare,far dell’abberrante maschilismo o per frustare donne stuprate(poveretta,poveretta..)

  4. Franco Siccardi scrive:

    Io farei “trattare” i ciarlatani che l’hanno conadnnata da Bel Pistolino d’Oro, l’elefante reale dell’Ifigonia incaricato di sodomizzare i delinquenti.

  5. Enrico Greco scrive:

    E questa sarebbe la legge di Dio???
    ma vadano tutti a quel paese!!!!

  6. Il Filosofo Bottiglione scrive:

    ecco l’esempio del rispetto per l’uomo profuso nelle società ispirate ai valori religiosi.

    e meno male che la dinastia saudita è un “governo islamico amico”

    sarà amico del papa…

  7. Gianluigi scrive:

    Questa è la legge di un dio fatto a immagine e somiglianza dell’uomo (non della donna, evidentemente).
    Se la religione è l’oppio dei popoli, il fondamentalismo ne è l’eroina…

  8. Stefano scrive:

    Ma quale legge divina, questi se potessero metterebbero la stessa chiusura centralizzata delle macchine sulle mutande delle loro donne! Ma poi è inutile filosofeggiare con certi tipi di persone (ogni religione ce l’ha) che adattano le religioni ai loro porci comodi…. con tutto il rispetto per i porci!

  9. Damiano scrive:

    Quando la religione si mischia al potere politico, ecco gli allucinanti risultati.

    I sauditi non si toccano perchè sono filoccidentali (e pieni di petrolio), infatti gli USA non perdono occasione per strizzare l’occhietto a questi mattacchioni…

  10. Damiano scrive:

    Ricordatevi sempre che i problemi di questo mondo sono principalmente aborto, eutanasia e divorzio (Madre teresa e JP2 docet) il rispetto dei diritti umani fondamentali può attendere la giustizia “divina”…

  11. paolino scrive:

    Se avessi una “cinque megaton”, saprei ben io dove “consegnarla”…
    Otto minuti dall’Europa all’Arabia Saudita!

  12. Carlo scrive:

    @paolino:

    e’ un problema che possiamo risolvere in modo piu’ pacifico. Un “progetto manhattan” per le energie alternative e l’auto a idrogeno, la sostituzione di plastica e fertilizzanti con materiali non derivati dal petrolio toglierebbero le fonti di reddito al paese di merda che e’ l’arabia saudita. Rispediamoli a fare i cammellieri!!

  13. raphael scrive:

    Il rispetto dei diritti umani fondamentali può attendere la giustizia “divina”…
    E difatti per i cattolici tradurre tali diritti in leggi non costituisce mai una priorità per i governi; c’è sempre qualcosa di più importante da fare come una legge ad personam pro berlusca o andreotti