Stazione Termini: il commento del circolo UAAR di Roma

Il circolo UAAR di Roma accoglie con favore la precisazione del sindaco Veltroni, che dopo tre settimane chiarisce finalmente e autorevolmente cosa sia accaduto il 23 dicembre. Le dichiarazioni odierne dimostrano ancora una volta che la ferma e compatta mobilitazione di migliaia di cittadine e cittadini e delle associazioni laiche può ottenere risultati importanti e preservare la laicità dello Stato e delle istituzioni.

Il circolo UAAR conferma comunque il presidio in programma domani mattina presso la stazione, sia perché le steli improvvisamente ‘apparse’ nella galleria della stazione contengono ora una denominazione errata, che va evidentemente corretta; sia perchè è necessario dare una corretta informazione all’opinione pubblica in merito allo svolgimento degli eventi; sia ancora perché sarà possibile proseguire nell’opera di sensibilizzazione dell’amministrazione Veltroni sottoscrivendo un’interrogazione al sindaco.

Infine, il circolo UAAR ricorda al sindaco che una sala del commiato laica non è solo un atto dovuto nei confronti delle decine e decine di migliaia di cittadine e cittadini che non credono in Dio o che appartengono a una religione priva di strutture adeguate, ma è anche un adempimento previsto dal DPR 15/97, che prescrive che ogni Comune istituisca una sala per le oneranze funebri al feretro.

Francesco S. Paoletti, coordinatore circolo UAAR di Roma

Tag:, , , , , ,

Questo articolo è stato pubblicato venerdì, 12 gennaio 2007 alle 18:53 e classificato in Generale. Puoi seguire i commenti a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.Non puoi né inviare commenti, né inviare trackback.

Visualizza i commenti o aggiungi un commento

6 commenti a “Stazione Termini: il commento del circolo UAAR di Roma”

  1. Daniele Gallesio scrive:

    Grande anche Paoletti!!!!

  2. Ma attualmente che scritte riportano?

  3. trotzky scrive:

    Impariamo, laici. Le chiacchiere e le geremiadi non servono a niente. La mobilitazione, il coraggio di protestare e scendere in piazza sono le sole cose che pagano. E poi avete visto come i parlamentari hanno cominciato a rispondere per le rime al Papa?
    Avanti così e vedrete che tra poco verranno a chiedere il nostro consenso anche per comprarsi le caramelle.

  4. fabio scrive:

    Una foto per vedere le scritte? Un link?

    http://fabiosacco.blogspot.com/

  5. trotzky ha ragione, senza mobilitazioni non si arriva a nulla. In questo Paese se vogliamo qualcosa, ce lo dobbiamo prendere, non possiamo aspettare promesse da marinaio di qualche politico interessato solo alla poltrona.