Calcio, scende in campo il parroco tesserato

I suoi parrocchiani si augurano che nel 2007 segni il primo goal in carriera. John Freddi, 28 anni, colombiano, è il nuovo idolo degli abitanti di Stella Cilento, paese di 700 anime nel Salernitano: oltre che ad essere centravanti di riserva della locale squadra, che milita in seconda categoria, John è il parroco del paese. Una passione, quella del calcio, nata nel suo paese di origine, Tulua Valle, lo stesso che ha dato i natali al più famoso ex centravanti del Parma, Faustino Asprilla. E i dirigenti dello «Stella Cilento» hanno deciso di tesserare il sacerdote e di schierarlo: per il suo esordio, sul campo del Futani, don John ha giocato uno scampolo di gara. «È tesserato con noi dall’inizio del campionato», spiega Gerardo Miglino, dirigente della squadra, «si allena regolarmente ed è tra quelli che si impegnano di più. Dovrebbe perdere solo qualche chilo». [...]

Fonte: BresciaOggi

A quando un film con Alvaro Vitali?

Tag:,

Questo articolo è stato pubblicato martedì, 2 gennaio 2007 alle 17:59 e classificato in Generale. Puoi seguire i commenti a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.Non puoi né inviare commenti, né inviare trackback.

Visualizza i commenti o aggiungi un commento

5 commenti a “Calcio, scende in campo il parroco tesserato”

  1. archibald.tuttle scrive:

    a quando la convocazione nella nazionale vaticana allenata da mister Bertone?

  2. gianni scrive:

    sarebbe interessante seguire le partite per vedere se gli scappa qualche bel bestemmione!!!! peccato sia lontano

  3. inhocsignovinces scrive:

    complimenti agli atei agnostici e razionalisti che non trovano di meglio che criticare un libero cittadino che pratica semplicemente uno sport. Siete in una crisi irreversibile se non trovate altre notizie da pubblicare…

  4. Rakard scrive:

    Raga è il parroco del mio paese , sono di Stella Cilento ( si ..una delle 700 anime :p)
    Vi posso assicurare che è simpaticissimo ed inoltre una bravissima persona , ha perso i genitori da piccolo e forse è uno dei pochi preti cattolici che davvero prende sul serio la proprio vocazione , con tutte le cose che si sentono al giorno d’oggi.