Zapatero non va a messa: un commento sul «Corriere»

La differenza tra chi ha una visione laica della società e della politica, che include anche tolleranza e rispetto per chiunque, religioso e non, la si è potuta ben osservare quando il premier Zapatero ha deciso di non partecipare alla messa del Papa di Valencia. I cattolici, fedelissimi del Papa, hanno fischiato il premier spagnolo per questa scelta. Quando mai un laico o un ateo si permetterebbero di fischiare un fedele che entra in chiesa o un vescovo che non partecipa a un evento istituzionale di grande importanza? È una differenza questa che fa capire il reale valore della laicità, vera scuola di tolleranza contro ogni tipo di fondamentalismo, sia esso religioso e/o ideologico.
Sergio Rovasio , Roma
Fonte: Corriere.it

Questo articolo è stato pubblicato lunedì, 10 luglio 2006 alle 14:46 e classificato in Generale. Puoi seguire i commenti a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.Non puoi né inviare commenti, né inviare trackback.

Visualizza i commenti o aggiungi un commento

Comments are closed.